Archivi

image_pdfimage_print

Il 25 settembre a Cremona la Messa per la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato

Sulla scia delle parole di Papa Francesco, che parla di «un futuro per tutti e tutte», si celebra domenica 25 settembre la 108ª Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, sul tema “Costruire il futuro con i migranti e i rifugiati”. La Giornata mondiale sarà vissuta anche in diocesi di Cremona con la Messa che sarà celebrata proprio il 25 settembre alle 15.30 presso la … Continua a leggere »

Caravaggio, il 26 settembre al Santuario il Rosario aux flambeaux

Evento che si ripeterà il 26 di ogni mese, in commemorazione dell'apparizione della Madonna, avvenuta il 26 maggio 1432

Per commemorare l’evento dell’apparizione della Madonna di Caravaggio, avvenuto il 26 maggio del 1432, Il Santuario di Santa Maria del Fonte organizza, il 26 di ogni mese, uno speciale Rosario serale, presieduto dal rettore del Santuario, mons. Amedeo Ferrari, e caratterizzato dalla cerimonia aux flambeaux. Continua a leggere »

TeleRadio Cremona Cittanova
Facebooktwittermail

Dalla Tavola della Pace di Cremona un appello al disarmo

Il documento pubblicato in occasione della Giornata internazionale della pace del 21 settembre

In occasione della Giornata internazionale della Pace, che si celebra mercoledì 21 settembre, la Tavola della Pace di Cremona pubblica un appello a tutti i cittadini, soprattutto ai giovani, ad associazioni, forze sociali e politiche, di fronte a una guerra che in Ucraina sembra non finire mai e che continua a distruggere ed uccidere. Un appello che si riflette anche sulle imminenti elezioni politiche del 25 settembre, con l’auspicio che tutte le forze politiche “in campo” possano condividere l’ideale comune di pace in un periodo così preoccupante.

Si legge nell’appello:

“Si guardi finalmente in faccia la tragica realtà: i finanziamenti alla guerra non fanno che alimentare la guerra. Se continua così, fra qualche mese avremo solo più macerie e più morti: una crisi di sistema di enorme gravità che investe economie, società, livelli di vita e di occupazione, relazioni internazionali.
La risposta non è certo darla vinta all’invasore, la Russia di Putin. Ma nemmeno quella di puntare tutto sulla distruzione del nemico, con il rischio di portarci tutti ad un passo da una guerra più grande e di dimensioni mondiali.
L’Italia, l’Europa, il Pianeta sono dentro una crisi di sistema globale che attraversa tutti i continenti e che governi e poteri economici non sembrano riconoscere, forse perché più attenti ai gruppi di interessi che ne traggono vantaggio, e che decidono chi potrà stare al sicuro e chi no. Così tornano a crescere povertà, discriminazioni, disuguaglianze; e la miseria, dovremmo sapere, è nemica della pace.
Siamo preoccupati per l’Italia, per il presente e per l’immediato futuro. Il movimento per la pace è autonomo ed indipendente. Non fiancheggiamo alcun partito. Vogliamo dialogare con tutti nel rispetto dei reciproci ruoli. Guardiamo al mondo, della politica, e soprattutto delle Istituzioni, come luogo alto che deve fare sintesi delle diverse proposte che, nel nostro caso, elaboriamo grazie alle competenze della Rete nazionale Pace e Disarmo, nella quale ci riconosciamo.
La scadenza elettorale del 25 settembre dovrebbe far emergere tra i partiti e i candidati idee e impegni su temi cruciali come la pace, il disarmo, la difesa dei diritti umani, le relazioni
internazionali. Temi che hanno visto pronunciarsi con chiarezza grandi personalità come Papa Francesco e testimoni laici come Gino Strada e Carlin Petrini. Purtroppo su questi temi la quasi
unanimità degli schieramenti politici, a differenza dalla popolazione italiana che auspica la pace e desidera rafforzare le opportunità per raggiungerla, sembra ritenere possa esistere una sola politica: la militarizzazione della sicurezza e il ritorno alla logica dei blocchi politico-militari contrapposti con la fedeltà assoluta alla Nato. La pace invece si raggiunge con una visione politica e un’azione diplomatica più coraggiosa e lungimirante, con la richiesta che le istituzioni internazionali riprendano in mano il ruolo di pacificazione delle controversie internazionali. Quanto c’è di tutto questo nel dibattito politico/elettorale in corso?”

«Oggi più che mai – scrivono dalla realtà cremonese della Tavola della Pace – sosteniamo che una politica di pace, disarmo, nonviolenza sia necessaria alla nostra società per le fondamentali connessioni con ambiente, lavoro, diritti civili e sociali». Sono sette, infatti, i punti cardine presenti nel documento recentemente pubblicato, veri e propri bisogni urgenti in funzione dei quali agire. Innanzitutto la necessità di riformare e rafforzare l’Onu, la necessità di un’Europa unita, della formulazione di una nuova politica estera e di una nuova politica di disarmo, la necessità di una difesa non armata e non violenta e, ultime ma non per importanza, la necessità di promuovere una cultura di pace e la necessità di un Servizio civile universale come programma costruttivo per la pace, uno strumento di coinvolgimento e, al contempo, di sensibilizzazione di ragazze e ragazzi, donne e uomini del domani.

Aderiscono alla Tavola della Pace di Cremona: Acli Provinciali, Amici di Emmaus, Amnesty International gruppo 288, Anpi provinciale, Arci Cremona, Arci Bassa, Arcygay “La Rocca” Cremona, Associazione latinoamericana, Associazione 25 Aprile, Auser provinciale, Banca del Tempo, Caritas diocesana, Cgil, Cisl, Comitato casalasco per la Pace, Donne senza Frontiere, Forum per la pace e il diritto dei popoli “Don Primo Mazzolari”, Forum provinciale del Terzo Settore, Gruppo Articolo 32, Immigrati cittadini, Lega di Cultura di Piadena, Legambiente circolo “Vedo Verde” Cremona, Libera associazioni, nomi e numeri contro le mafie – coordinamento provinciale, Movimento federalista europeo, Movimento adulti scout cattolici italiani, Non solo noi, Pax Christi, Rete Donne lab, Uisp Cremona.

 

Scarica il documento

TeleRadio Cremona Cittanova
Facebooktwittermail

“Universa Laus”, aperte le iscrizioni al convegno “Cantare ancora un canto nuovo – (Ri)pensare e fare musica per la Liturgia oggi”

L'evento si terrà a Roma, presso il Pontificio Istituto di Musica sacra, dal 13 al 15 gennaio

L’associazione “Universa Laus” organizza, dal 13 al 15 gennaio, presso il Pontificio Istituto di Musica sacra, a Roma, “Cantare ancora un canto nuovo – (Ri)pensare e fare musica per la Liturgia oggi”, un convegno che si propone di rilanciare la discussione scientifica e pastorale su aspetti fondamentali della relazione liturgia-musica: il ruolo della musica nella liturgia, la composizione di testi e musiche per la celebrazione, la formazione delle comunità e delle assemblee al canto. Continua a leggere »

TeleRadio Cremona Cittanova
Facebooktwittermail

Il 21 settembre a Cremona la Preghiera per la Vita

Il momento, organizzato dall'associazione “Ora et labora in difesa della Vita”, è aperto a tutti e si terrà dalle 8 alle 10 davanti all'Ospedale Maggiore

Torna mercoledì 21 settembre, dalle 8 alle 10, davanti all’Ospedale di Cremona, il momento di preghiera mensile promosso a favore della vita dall’associazione “Ora et labora in difesa della Vita”. Continua a leggere »

TeleRadio Cremona Cittanova
Facebooktwittermail

Pastorale missionaria, il nuovo incaricato diocesano in visita a Salvador de Bahia

L’inizio di settembre ha segnato il passaggio di consegne tra don Maurizio Ghilardi e don Umberto Zanaboni alla guida dell’Ufficio missionario diocesano. Un avvicendamento che idealmente ha avuto luogo proprio in terra di missione, a Salvador de Bahia, in Brasile, nella parrocchia di Gesù Cristo Salvatore, che ormai si può considerare come la 222ª comunità della Diocesi di Cremona. Fonte: TeleRadio Cremona Cittanova

“Liberazione: la risposta all’invito divino a trasformare il mondo”: il 16 settembre a Casalmaggiore incontro con padre Marcelo Barros

Alle 21 al Santuario della Fontana relatore il monaco benedettino brasiliano, teologo, biblista e scrittore

La “Tavola della pace – Oglio Po”, in collaborazione con le comunità Laudato si’ Oglio Po e Cremona, organizza, venerdì 16 settembre, alle 21, presso il Santuario della Madonna della Fontana, a Casalmaggiore, “Liberazione: la risposta all’invito divino a trasformare il mondo”, un incontro con padre Marcelo Barros, monaco benedettino brasiliano, teologo, biblista e scrittore, che si trova in Italia per la presentazione del suo ultimo libro. Continua a leggere »

Sara Pisani
TeleRadio Cremona Cittanova
Facebooktwittermail