Allestito a Salvador de Bahia il presepe in onore dell’Italia e di Cremona

Per le festività del Santo Natale di quest’anno, nella parrocchia di Cristo Risorto di Salvador de Bahia, presso la quale opera il cremonese don Davide Ferretti, è stato allestito un presepe in onore dell’Italia.

Successivamente al rientro di don Emilio Bellani, predecessore di don Davide in Brasile, e all’insediamento di quest’ultimo, i parrocchiani hanno pensato di dare omaggio al nostro paese che ha dato e sta dando sacerdoti e volontari per sostenere la vita della loro parrocchia. Così ecco il duomo di Milano e il duomo di Cremona, nonché alcune montagne, a fare da sfondo all’allestimento di quest’anno.

«Le statue sono di terracotta – spiega don Davide – ma alcune di queste hanno avuto bisogno di una sistemazione». Così è stato organizzato un viaggio verso Maragoginho, nel distretto di Nazaré das Ferinas, che dista circa tre ore di viaggio tra battello e macchina, dove le statuette vengono prodotte, lavorate e sistemate. Si è trattata di una magnifica occasione per conoscere alcune persone e imparare con gli occhi e con i gesti, studiando direttamente sul posto come viene lavorata la terracotta.

Un gesto che vale più di mille parole, un omaggio che testimonia l’immensa gratitudine per ciò che l’Italia, e in particolare la Diocesi di Cremona, sta facendo negli ultimi anni per le parrocchie brasiliane.




Pax Christi, il 28 dicembre al Maristella incontro di preghiera per la Giornata della pace

In occasione della Giornata della pace, in programma come di consueto il 1° gennaio, Pax Christi Cremona organizza, nel pomeriggio di martedì 28 dicembre, l’incontro di preghiera intitolato “Educazione, lavoro dialogo tra le generazioni. Strumenti per edificare una pace duratura”. L’evento avrà luogo alle 17.30 presso la parrocchia del Maristella, a Cremona.

L’appuntamento verterà su tre principali spunti di riflessione: innanzitutto la preghiera del Papa per la 55a Giornata mondiale della pace, l’ascolto di alcune testimonianze e l’invocazione finale della pace sulle guerre in corso. Si tratta di un momento di preghiera dedicato a tutte le vittime dei conflitti e a tutti gli operatori di pace.

Scarica qui la locandina dell’evento




“Merry Christmas Song”, davanti alla Cattedrale gli auguri dei bambini della Sacra Famiglia

Nei pomeriggi del 20 e 21 dicembre è andato in scena, in piazza del Comune, a Cremona, il concerto “Merry Christmas Songs”, l’esibizione canora dei bambini della scuola primaria della Sacra Famiglia.

Il concertino dei “bambini della Sacra” è una delle tradizioni della Scuola Sacra Famiglia durante il periodo natalizio, organizzato per augurare buone feste alle famiglie, e da qualche anno anche alla cittadinanza, con i tradizionali canti del periodo.

«Con l’arrivo della pandemia è stata rivista la modalità, non venendo meno l’entusiasmo e il desiderio di non perdere l’appuntamento consolidato – spiega un’insegnante –. Se negli anni scorsi il concerto era itinerante e veniva allestito presso le parrocchie e le case di riposo della città, quest’anno abbiamo comunque avuto la fortuna di poter cantare davanti al Duomo, con il benestare ed il saluto del Vescovo Antonio, allietando famiglie e passanti».

I mini-concerti di mezz’ora, in cui si sono alternati i bambini delle dieci classi della primaria, preparati e diretti dalla maestra di musica, hanno riscosso quest’anno grande entusiasmo da parte delle famiglie per l’iniziativa e gioia dei piccoli cantori che, con grande impegno, hanno contribuito alla riuscita dell’evento.

Il video integrale dell’esibizione è disponibile sul canale Youtube della scuola.




Gli auguri del Vescovo in Caritas, «un laboratorio di vita impressionante»

Guarda la gallery completa

Si è tenuto nel pomeriggio mercoledì 22 dicembre alla Casa dell’accoglienza di Cremona l’incontro tra il vescovo Antonio Napolioni e gli operatori e i volontari della Caritas diocesana.

A dare il via all’appuntamento, che si è svolto nel salone mensa della struttura di viale Trento e Trieste, le presentazioni iniziali di tutti i partecipanti e l’introduzione del direttore don Pierluigi Codazzi: «Si tratta di un evento semplice, pensato giusto per farci gli auguri e per sottolineare, soprattutto in questo periodo, l’importanza del lavoro d’insieme, del fare gruppo».

Poi l’intervento di mons. Napolioni, costruito sul parallelismo tra il simbolo della Natività, il presepe, e la comunità cristiana, cremonese e non. «C’è un presepe  – ha affermato il Vescovo – che vive 365 giorni l’anno, non solo a Natale, nelle nostre chiese, nelle nostre comunità. Esistono molte realtà piene di vita fragile, ferita, ma anche curata. Bisogna curare questa “fantasia della carità”, anche se la fantasia non basta; servono energie e sudore a rendere possibile tutto ciò».

Il Vescovo ha poi sottolineato ed elogiato il lavoro dei giovani e delle famiglie in sostegno di Caritas, definendola «un laboratorio di vita impressionante», auspicando, inoltre, l’arrivo di uno «tsunami di giovinezza», che non distrugga, ma che coinvolga sempre di più.

Per questo periodo di festività, il Vescovo ha assegnato un compito: un invito all’ascolto sinodale, al confronto sul cammino, sui percorsi d’insieme.

L’incontro si è concluso con gli auguri, la preghiera e la benedizione finale, seguiti dall’esibizione musicale di alcuni giovani della Casa dell’Accoglienza e un brindisi.




Medici Cattolici: «L’impegno nella cura parte dalla condivisione». Nell’incontro con il vescovo presentata la nuova presidente

Si è tenuto giovedì 16 dicembre, presso il Seminario Vescovile di Cremona, l’incontro di preghiera con il vescovo Antonio Napolioni con i rappresentanti dell’Associazione Medici Cattolici Italiani della sezione di Cremona, durante il quale è stata anche presentata ufficialmente la dottoressa Rosalia Dellanoce come nuova presidente incaricata del Consiglio dell’associazione, rinnovato lo scorso 18 ottobre in occasione della festa di san Luca, patrono dei medici, e che comprende il vicepresidente dottor Bruno Franzini, la dottoressa Ilaria Gaimarri, segretaria e tesoriera, i consiglieri dottor Gianmario Corbani e dottor Gianluigi Perati, ex presidente al quale è stato rivolto un ringraziamento speciale per l’impegno e la dedizione mostrati durante il periodo di incarico.

Il momento di preghiera si è svolto con una Lectio Divina guidata dal Vescovo, che ha proposto una lettura meditata del brano tratto dal capitolo 8 degli Atti degli Apostoli scelto come testo guida per l’anno pastorale in corso, che ha proprio come tema «Va’ avanti, accostati», l’invito che proprio in questo passaggio della Scrittura l’angelo del Signore rivolge a Filippo invitandolo all’incontro con il funzionario etiope incontrato lungo la strada per Gerusalemme.

Lo stesso invito che il Vescovo condivide con i medici dell’associazione: «Va’ avanti e accostati! È l’invito che sentiamo rivolto a noi, oggi, in questo crocevia della storia, mentre crediamo di poter uscire dalla pandemia, di poter riprendere il cammino, ma non semplicemente come prima, per quanto è avvenuto e ci ha segnato, ci ha parlato». L’invito è quello di accostarsi agli altri, a chi ha sofferto, ad ogni persona, ad ogni famiglia.

«Ma come riavvicinarci? In che modo? A chi?» . Sono questi gli interrogativi evidenziati dal Vescovo, che prosegue: «Sicuramente con l’atteggiamento propositivo, riabilitandoci progressivamente alla familiarità, all’incontro; e non solo verso i malati o i disagiati fisici».

Dopo la riflessione del Vescovo, ha avuto spazio la condivisione dei medici presenti e di don Maurizio Lucini, incaricato diocesano per la pastorale della salute. La Chiesa, la Diocesi cremonese e la sanità si trovano in una situazione simile a quella di Filippo, che sale sul carro di uno straniero e si immerge con lui per battezzarlo; anche noi, tutti i giorni, ci dobbiamo dedicare all’altro, curare e farci curare, instaurando rapporti di collaborazione reciproca.

«L’immersione di Filippo è significativa. Esprime la consapevolezza di dover fare un passo importante, quello del Battesimo e la condivisione della gioia dello stesso – ha riflettuto la neopresidente Dallanoce, geriatra dell’istituto Vismara de Petri di San Bassano –. La condivisione è la chiave di volta nella professione del medico. È essenziale per poter fare quel passo che ti porta a quella situazione di pace, di serenità».

L’incontro si è concluso con la presentazione del dottor Corrado Casto, nuovo associato dell’Amci di Cremona e con l’enunciazione, da parte della dott.ssa Dallanoce della programmazione per l’anno venturo: anzitutto una formazione sul fine vita, con un corso tenuto da don Simone Valerani, professore di bioetica, e poi alcune iniziative dedicate ad una maggiore vicinanza alla Diocesi. Tra queste “Accompagnare chi accompagna”, un convegno a tema su chi porta la croce dei malati, degli afflitti.

Infine la preghiera condivisa, la benedizione del Vescovo e gli auguri di Natale a tutta la comunità, a tutti i medici e a tutti gli operatori sanitari.




“Merry Christmas Songs”, il 20 e 21 dicembre in piazza del Comune il concerto dei bambini della Sacra Famiglia

Organizzato dalla scuola paritaria Sacra Famiglia, andrà in scena, lunedì 20 e martedì 21 dicembre in piazza del Comune, a Cremona, “Merry Christmas Songs”, il concerto natalizio degli alunni della primaria coordinati dalla loro insegnante di musica, la maestra Letizia Tira.

Si tratta di un’iniziativa per augurare un felice Natale alle famiglie e a quanti passeranno dal centro storico attraverso l’esecuzione di alcuni canti di Natale, come i classici Astro del ciel e Tu scendi dalle stelle.

Il concertino di Natale è ormai una tradizione per la Sacra Famiglia, abituata, negli anni passati, ad organizzare un vero e proprio percorso itinerante nelle parrocchie, nelle case di riposo e in vari centri. L’anno scorso, causa pandemia, l’esibizione si è dovuta limitare agli spazi del cortile scolastico; quest’anno è stato possibile “uscire” di nuovo, regalando la possibilità di condividere ancora lo spettacolo natalizio

L’evento sarà suddiviso su due giorni: lunedì si esibiranno tutti i bambini delle sezioni A, mentre il giorno seguente tutti quelli della sezione B. In entrambi gli appuntamenti, il concerto avrà inizio alle 15.

Le immagini del concerto saranno poi pubblicate sul canale Youtube e sui profili social della scuola.

In caso di maltempo l’evento si svolgerà all’interno della Cattedrale.

Scarica qui la locandina dell’evento

 




Assemblea delle scuole cattoliche: «Lo scopo è quello di parlare tutte le lingue: non integralismo, ma integrazione»

Si è tenuta il 14 dicembre, presso il Centro Pastorale di Cremona, l’assemblea delle scuole cattoliche del territorio, alla presenza del Vescovo Antonio Napolioni e di don Aldo Basso, collaboratore dell’Ufficio per la Scuola e l’Educazione della Diocesi di Mantova.

L’attenzione si è inizialmente concentrata sull’introduzione di don Aldo, che ha presentato la situazione attuale delle scuole cattoliche italiane, evidenziandone i due problemi principali: la questione dell’identità cattolica e le condizioni organizzative necessarie per un efficiente funzionamento degli istituti.

L’introduzione ha riguardato una distinzione fra scuole cattoliche e scuole di ispirazione cristiana; apparentemente possono sembrare la stessa cosa – ha spiegato il sacerdote – e in effetti si basano entrambe sui medesimi principi, ma c’è una differenza di tipo formale, giuridico: la scuola cattolica è tale solo se gestita da un’autorità ecclesiastica, da una persona giuridica ecclesiastica o da terzi, ma con una delega dell’autorità ecclesiastica. «Ci sono numerosi documenti a testimoniare l’identità delle scuole cattoliche, ma dove è dichiarata? – spiega don Aldo – È scritta in ogni Progetto Educativo. È un diritto e un dovere esprimere la natura cattolica della scuola».

Citando Papa Francesco, don Aldo ha spiegato che le scuole cattoliche non forniscono nulla in più rispetto alle scuole statali, bensì offrono qualcosa di diverso: «Se nelle nostre scuole non si sviluppa un modo diverso di essere umani, una cultura e una società diversa, stiamo buttando via il tempo».

Il secondo tema, quello riguardante il funzionamento delle scuole, è un problema che si pone sulla figura degli insegnanti. «Se la scuola cattolica fa molto affidamento agli insegnanti, si riesce a trovare insegnanti su cui fare affidamento? – continua don Aldo – Serve formazione, serve declinare in senso cristiano ogni proposta». Ognuno risulta responsabile dell’identità di una scuola, il gestore in primis, ma anche gli insegnanti, i genitori, i Vescovi: «Il reperimento e la formazione dei docenti – ha osservato – stanno diventando molto più difficili. Servono alcuni requisiti fondamentali: il Probitas Vitae, cioè la rettitudine, l’integrità morale, ma anche la formazione cristiana, l’insegnamento della religione».

A seguire, alcuni docenti delle scuole cattoliche cremonesi hanno condiviso la loro esperienza, la loro testimonianza. Il passaggio dalla scuola statale a quella paritaria ha fatto da filo conduttore negli interventi degli insegnanti, che hanno spiegato come la passione, la curiosità, la personale esperienza di fede e l’interesse verso la centralità della persona a discapito della sicurezza monetaria abbiano svolto un ruolo fondamentale nelle loro scelte.

«Il nostro compito non è essere dei “criticoni” del mondo. – ha poi riflettuto il Vescovo Napolioni nel suo intervento – L’aggettivo “critico” lo caratterizzerei in un altro modo: la scuola cattolica è quella che sa superare le crisi, che insegna a superare le criticità». «Lo scopo – ha proseguito – è quello di parlare tutte le lingue; non l’integralismo, ma l’integrazione. Il metodo della scuola cattolica deve essere quello della Pentecoste, non l’assolutizzazione di un gergo».

L’incontro si è concluso con il messaggio di don Aldo: «Mi ha colpito, nelle testimonianze, la passione educativa. Sono convinto che gli insegnanti pratichino esercizio di carità nel loro lavoro, nel loro impegno. Ma prima di guidare, dobbiamo essere guidati». Con questo spirito di apertura è disponibilità si è dunque concluso l’incontro con un momento di preghiera e gli auguri del Vescovo Antonio.

 

Fare scuola dopo l’emergenza, presentato il XXIII Rapporto sulla scuola cattolica in Italia




Natale dello sportivo, il 16 dicembre serata con il vescovo al Cambonino

Venerdì 16 dicembre, alle 20.45, a Cremona, presso la parrocchia di S. Giuseppe al Cambonino, si svolgerà il tradizionale appuntamento del “Natale dello sportivo”, che quest’anno torna di nuovo in presenza. La serata, promossa dal Csi di Cremona, vedrà la presenza del vescovo Antonio Napolioni che guiderà il momento di preghiera in preparazione al Natale e cui sono invitate le società sportive con atleti, allenatori e dirigenti.

«Sport…grazie ancora!» è lo slogan della serata, incentrata sul tema della ripartenza, durante la quale sarà consegnato il “Discobolo d’oro”, premio del Csi quest’anno assegnato all’Ambrosiana, società sportiva della parrocchia di S. Ambrogio, e a Mario Lana, dirigente del GS Boschetto.




Azione Cattolica, online il numero di dicembre di “Dialogo”

 

Nel numero di dicembre di Dialogo, la rivista periodica dell’Azione Cattolica, il dibattito ruota intorno al concetto di “ripartenza”. Se infatti il termine indicasse il semplice adagiarsi nel ritorno al passato dopo la parentesi pandemica, sarebbe bene sostituirlo con “passaggio”, parola che meglio esprime l’andare oltre, l’avventurarsi su sentieri sconosciuti per costruire un nuovo modello di sviluppo.

Ne ragiona il presidente Emanuele Bellani nell’editoriale Passiamo all’altra riva, con riferimento al convegno nazionale presidenti e assistenti di Ac, che si è svolto a Roma in ottobre. Ma se ripartire significa recuperare umanamente e spiritualmente il senso profondo del Natale, “ripartenza” diventa una splendida parola da riscoprire alla luce della Parola di Dio (Il giorno della gioia di don Daniele Rossi per la rubrica Spiritualità).

È noto però che non si procede in avanti se non si è presa coscienza di quanto è stato vissuto. A questo proposito Dialogo concentra l’attenzione sui giovani e dà voce ai loro pensieri. Lo fa Paola Bignardi (Niente sarà più come prima), presentando i risultati dell’inchiesta condotta da dieci focus-group, gruppo di discussione tra i giovani che hanno vissuto la drammatica esperienza del lockdown.

Nelle pagine di Vita associativa Elena Colombi si chiede come i giovani possano contribuire a cambiare il mondo (Meglio di mio padre) e Marco Dasti, riferendo sulla giornata di incontro con i Vescovi lombardi, indaga sui modi con i quali essi possono offrire il proprio apporto nella Chiesa (Giovani e vescovi, in dialogo).

Francesca Dasti riflette invece sul senso di corresponsabilità dei giovani nel cammino formativo all’interno dell’Ac (Non goccia…ma oceano), mentre Ester Tolomini, giovane partecipante alla 49^ Settimana Sociale dei cattolici tenutasi a Taranto, allarga lo sguardo all’ampio orizzonte di incontri, approfondimenti e progetti emersi nel convegno (Il pianeta che speriamo).

Infine la rubrica Mondo dedica un ampio spazio all’importante contributo dei laici cattolici al mondo della cultura, sia nel passato che nel presente. Rientrano in questa ottica la commemorazione di Armida Barelli (Franco Verdi, Armida Barelli (1882-1952), l’apostola laica della Cattolica e della Gioventù femminile); la riflessione sulle origini e le finalità dell’Università Cattolica di cui ricorre il centenario della fondazione (Chiara Ghezzi, Un secolo di futuro) e l’illustrazione del Campus della Cattolica in Cremona nella sede dell’ex-convento di Santa Monica ora magnificamente restaurato (Fabio Antoldi, Il Campus di Santa Monica: il volto nuovo e funzionale dell’Università Cattolica a Cremona).

Scarica qui il nuovo numero di Dialogo




Il 15 dicembre la preghiera per la vita davanti all’Ospedale di Cremona

Torna mercoledì 15 dicembre, dalle 8 alle 10 davanti all’Ospedale di Cremona, il momento di preghiera mensile promosso a favore della vita dall’associazione “Ora et labora in difesa della Vita”.

Ogni terzo mercoledì del mese, da ormai tre anni, l’associazione “Ora et Labora in difesa della Vita” organizza questo momento di preghiera a cui chiunque può partecipare, anche per un tempo parziale. In caso di maltempo la preghiera si tiene all’interno della chiesa dell’Ospedale.

Nel comunicato che promuove l’iniziativa, l’associazione sottolinea: «Noi sappiamo che la Vita vincerà. Sappiamo che la Vita ha già vinto in Cristo ed ha sconfitto la morte. Ma sappiamo anche che la battaglia per la vittoria è stata affidata alle nostre mani».