Articolazione della Curia

La Curia diocesana è l’insieme delle persone, degli Uffici e degli organismi che più da vicino collaborano con il Vescovo nel governo di tutta la diocesi nel promuovere, nel dirigere e nel coordinarne l’attività pastorale, come nel curarne l’amministrazione e nell’esercitare la potestà giudiziaria (costituz. sin. 65).

La Curia diocesana di Cremona è retta, oltre che dal diritto universale e dal diritto particolare della Chiesa italiana e della Chiesa diocesana, dalle costituzioni sinodali e dalle norme contenute nel Regolamento della Curia Diocesana. Il Vescovo diocesano rimane però sempre libero di introdurre innovazioni o cambiamenti che, secondo il so prudente giudizio, ritenesse convenienti.

L’attuale organigramma diocesano – stabilito dal vescovo Antonio Napolioni con decreto del 16 giugno 2016 – prevede un notevole numero di Uffici e Commissioni, il cui servizio è necessario coordinare maggiormente, in vista di un’azione pastorale più integrata e mirata, in cui anche le Unità pastorali e le Parrocchie possano riconoscersi agevolmente. Raccogliamo l’invito di Evangelii Gaudium  223 a lavorare per processi, più che per compartimenti. Per questo, gli uffici si impegnano a convergere in programmazioni unitarie, intorno a quattro focalizzazioni (quelle che oggi paiono strategiche e possibili, e che perciò potranno mutare nel tempo).

Presieduta del Vescovo, la Curia diocesana di Cremona è così articolata: