Mons. Lafranconi incontra i politici la prima domenica di Avvento

L'amministratore apostolico rifletterà sul tema «Gesù Cristo è il Vangelo: un'antica novità per il benessere dell'uomo» riferendosi in modo particolare al Convegno di Firenze. Il 19 dicembre la Messa per il mondo del lavoro presso la Latteria Soresinese
image_pdfimage_print

Anche quest’anno l’Ufficio di Pastorale sociale rinnova al mondo politico, amministrativo e sociale il consueto invito ad incontrare il Vescovo. Domenica 29 novembre, prima di Avvento, dalle 9.30 presso il Centro Pastorale, mons. Dante Lafranconi condurrà alcune riflessioni, intorno al tema «Gesù Cristo è il Vangelo: un’antica novità per il benessere dell’uomo». Si rifletterà sulla possibilità di far risuonare l’invito del Papa che spinge la Chiesa e i cristiani a «non guardare la vita dal balcone», scegliendo invece di operare nel mondo e affrontare le nuove sfide sociali portando con gioia l’annuncio del Vangelo. Sarà l’occasione per riprendere quanto emerso dal Convegno ecclesiale di Firenze da poco concluso e ribadire l’invito del Pontefice di una Chiesa in uscita che incontra e dialoga con le realtà del mondo.

Coloro che desiderano, dopo l’intervento del Vescovo e l’eventuale dibattito, potranno fermarsi per la Santa Messa celebrava dal Vescovo nella Cappella del Centro Pastorale.

Altro annuale appuntamento con i rappresentanti del mondo del lavoro sarà sabato 19 dicembre presso gli stabilmenti della Latteria Soresina a Soresina, dove alle ore 10 si celebrerà la Messa di Natale. Sarà l’occasione per i rappresentati della politica, dell’amministrazione e dell’ambito socio-economico di salutare il Vescovo Dante, alla fine del suo mondato episcopale e accogliere la sua eredità in materia di dottrina sociale.

Per far risuonare quanto emerso nel Convegno di Firenze, l’Ufficio di Pastorale sociale in questi mesi si sta inoltre impegnando nella preparazione di un percorso di formazione che proporrà alle parrocchie e alle zone della diocesi. L’obiettivo si colloca, come sempre, nell’intento di tradurre concretamente nella vita e nel territorio il messaggio della Dottrina Sociale della Chiesa.

Proprio all’interno del mondo politico, amministrativo e sociale è infatti necessario spendere le proprie energie e risorse operando per il bene comune. Il mondo cristiano, così come tutta la comunità civile, ha tra le mani la grande eredità della Dottrina Sociale, che offre spunti per il cammino verso la felicità dell’uomo. In particolare, pensando ai cammini di formazione nelle comunità, non si vogliono perdere di vista le encicliche Caritas in Veritate di Benedetto XVI e Laudato Si’ di Papa Francesco, che ribadiscono con insistenza le tematiche del bene comune e della promozione dello sviluppo di ogni persona e dell’umanità intera.

Per questo motivo è già attivo un gruppo di lavoro che non solo si occuperà di definire metodi e strumenti per la riflessione in materia, ma si impegnerà anche a dialogare con il territorio e con i sacerdoti della diocesi per meglio declinare i percorsi nelle zone in cui si intenderà intraprendere la formazione. L’intenzione è quella di creare in diocesi gruppi di laici che, oltre a rimanere attenti alle problematiche socio-politiche, possano maturare una formazione ad alto livello ed diventare così risorse utili per la promozione del bene comune nel proprio territorio.