Il 1° maggio apertura straordinaria per scoprire i tesori di San Sigismondo

Iniziativa organizzata dall’associazione “Amici del Monastero di S. Sigismondo”. Il 27 e 28 aprile momenti di preghiera sulle reliquie di Santa Teresa di Lisieux

image_pdfimage_print

Il prossimo 1° maggio, il complesso di San Sigismondo aprirà  le sue porte ai visitatori che vorranno ammirare il coro, il chiostro e il refettorio del Monastero. L’associazione “Amici del Monastero di S. Sigismondo”, che proprio in questi giorni festeggia i dieci anni della sua costituzione,  metterà a disposizione le guide per la visita al complesso monastico e i volontari offriranno il loro servizio di accoglienza e vigilanza.

Un’occasione offerta ai cremonesi e non solo per conoscere uno dei gioielli dell’arte sacra del territorio: sarà infatti possibile accedere, accompagnati da un gruppo di guide, ad alcune zone della clausura come il suggestivo presbiterio con la pala del campi, gli affreschi del Boccaccino e il grande coro ligneo, e il refettorio delle monache, con la riproduzione fedele dell’Ultima cena di Leonardo.

Anche le “casalinghe di S. Sigismondo” saranno presenti con il consueto tavolo di dolci e di belle sorprese preparate con buon gusto e fantasia e per offrire ai turisti un piccolo omaggio a ricordo della visita.

La solennità di S. Sigismondo, re e martire del IV secolo, che la liturgia celebra in questo giorno, quest’anno sarà preparata da un evento di notevole valore spirituale. Infatti nei giorni 27 e 28 aprile, la chiesa di S. Sigismondo, scrigno di arte e di bellezza, accoglierà lo scrigno di santità delle reliquie di S. Teresa di Gesù Bambino e dei suoi genitori: Zelia e Luigi Martin, in peregrinatio in diocesi nelle prossime settimane.

S. Teresa di G. B. invece era una suora di clausura, morta alla fine dell’‘800 in un Carmelo della Francia meridionale. Sono due santi molto diversi e molto lontani nel tempo, tuttavia possiamo cogliere in loro un afflato spirituale che la accomuna dalla figura di San Sigismondo: la lode divina, segno vitale che schiere di contemplative e contemplativi tengono viva nella Chiesa nel corso da secoli come le domenicane di San Sigismondo sotto le volte affrescate della bellissima chiesa di S. Sigismondo.

Auspichiamo che il passaggio delle reliquie di Teresa di Lisieux e dei suoi genitori lasci un segno, così che i visitatori che verranno il 1° maggio possano percepire la fragranza del profumo della santità che invita tutti a una vita che antepone Dio a tutto e a tutti.

Gli orari di apertura e delle celebrazioni:

  • ore 9,00 Apertura al pubblico del coro, del chiostro e del refettorio del Monastero ore 11,00 S. Messa conventuale solenne presieduta da P. Giuseppe Sabato, domenicano.
  • ore 14,00 Apertura al pubblico
  • ore 18,00 Vespri Solenni.
TeleRadio Cremona Cittanova
Facebooktwittermail