Il 24 settembre la presentazione del libro di Franceso Comina su Franz Jägerstätter

Venerdì 24 settembre, alle 18, presso la sala Spinelli del Centro pastorale di Cremona (via S. Antonio del fuoco 9/A), il giornalista e scrittore Francesco Comina presenterà il suo ultimo libro ”Solo contro Hitler. Franz Jägerstätter, il primato della coscienza” (Edizione Emi). L’evento è promosso da Pax Christi, Anpi provinciale e Tavola della pace cremonese quale momento di avvicinamento dalla marcia della pace Perugia-Assisi del 10 ottobre 2021.

Il libro ritrae la figura di Franz Jägerstätter un contadino austriaco, padre di tre figlie, obiettore di coscienza, che ha affrontato l’intero terzo Reich a mani nude. Si è rifiutato di arruolarsi nella Wermacht perché considerava il nazismo totalmente incompatibile con la sua fede e per questo fu incarcerato e condannato a morte nel 1943, a Berlino.

La sua, fu una scelta radicale, vissuta in solitudine, in direzione contraria all’opinione pubblica austriaca osannante Hitler, e in dissenso nei confronti della Chiesa austriaca che si mostrò arrendevole e prona al potere nazista. Filosofi e teologi ripresero la sua testimonianza riaffermando il principio del primato della coscienza di fronte alle armi e alla guerra, un principio ribadito poi dal Concilio Vaticano II.

Nel 2007, Franz Jägerstätter fu beatificato da papa Ratzinger come “profeta con larghezza di vedute che pochi suoi contemporanei compresero, esempio di fedeltà alla sua coscienza, difensore della nonviolenza e della pace, sentinella contro le ideologie, un uomo di fede che aveva Dio come fulcro della vita”.

L’autore, Francesco Comina, definisce Jägerstätter “un uomo per tempi incerti, un resistente vero, un militante della Parola, uno che alza la voce quando il rischio corre sul filo, che agita la coscienza quando si profilano i giorni della paura e dell’esposizione, e non sta alla finestra a guardare che la burrasca cessi e torni finalmente la quiete dopo la tempesta”. La sua radicalità evangelica è l’emblema di tutti i cristiani che anche oggi, in varie parti del mondo, non si piegano alle logiche della violenza e dell’odio ma osano la pace per fede a prezzo della stessa vita.

Il libro solleva i temi della resistenza nonviolenta al potere dispostico, del “tu non uccidere”, l’esercizio della responsabilità individuale e collettiva di fronte ai problemi che storia consegna agli uomini: temi fortemente attuali in un mondo devastato ancora da troppe guerre e da pesanti ingiustizie.

Francesco Comina, filosofo, giornalista e scrittore, è autore di vari libri tra cui “Il demone dell’amore” scritto insieme alla grande filosofa Agnes Heller di cui è stato collaboratore.

L’incontro aperto a tutti, si svolge secondo le direttive vigenti anti-covid ed è necessario il green pass.

Scarica la locandina