Grest: dal 28 marzo l’edizione 2022 si presenta

Dal 28 al 30 marzo, nelle interzone, l’edizione 2022 del Grest si presenta a sacerdoti, responsabili e coordinatori. Tre serate – rispettivamente a Mozzanica, Cremona e Casalmaggiore – che saranno certamente occasione per scoprire materiali e contenuti della proposta estiva, ma anche opportunità di incontro e confronto sulle tematiche pastorali.

«Ci siamo! Si parte! E potremmo subito aggiungere: non è scontato – afferma don Francesco Fontana, incaricato diocesano per la Pastorale giovanile –. Parlare, programmare e anche solo pensare ai programmi dell’estate in oratorio non è mai sembrato così strano e per certi aspetti persino fuori luogo. Un appuntamento che ci siamo abituati a considerare tradizionale ci si presenta oggi tutt’altro che consueto, alla luce della nostra storia recente e dei terribili fatti che colpiscono tanti nostri fratelli così vicini».

«Le proposte estive dei nostri oratori – prosegue il responsabile della FOCr – sono un momento festoso di vita comunitaria, di servizio coinvolgente anche per i più giovani, di animazione con la A maiuscola (mettere anima e corpo nelle giornate luminose e caldissime dei mesi di vacanza) e anche un momento per sperimentare e vivere un annuncio del Vangelo che è davvero buona notizia per la vita di ognuno».

Ma come si fa a pensare ai canti e balli dell’estate con tutto quello che sta capitando? «Una possibilità che decisamente scartiamo a priori – spiega il sacerdote – è quella di andare avanti come se niente fosse, e se niente fosse stato. Come se la pandemia non avesse ferito profondamente le nostre relazioni e come se la guerra a cui per ora assistiamo da spettatori distratti non stesse minando le fondamenta stesse della nostra civiltà, oltre che la vita di moltissimi fratelli. Un’altra possibilità è scegliere di esserci e di mettersi in cammino».

Dunque: «Ci siamo! Si parte! L’oratorio, cioè la comunità cristiana nella sua azione educativa alla vita e alla fede, non rinuncia ad esserci anche in questa estate. Con forme magari rinnovate e diverse rispetto al passato, con proposte che tengano conto dell’esperienza fatta con Summerlife nel 2020 e Hurrà nel 2021. Sono stati anni difficili, indubbiamente, ma le esperienze fatte, le possibilità esplorate e percorse, un po’ per amore e un po’ per forza (distanziamento, bolle, spazi e tempi diversificati, alleanze inedite, collaborazioni insperate…) devono essere un patrimonio da custodire e far crescere ulteriormente. E ancora una volta la comunità cristiana con il suo oratorio sceglie di mettersi in cammino. Con i bambini e le loro famiglie, ma certamente con gli adolescenti che cercheremo di coinvolgere, con i giovani e gli adulti che si renderanno disponibili ad un servizio svolto non solo a titolo personale, ma a nome di tutta la comunità che esprime la sua cura verso i più piccoli. E una comunità in cammino sarà capace anche, se necessario, di accogliere quei fratelli e sorelle che sono stati costretti ad un altro cammino, alla fuga, alla migrazione…».

Le presentazioni ai responsabili e coordinatori dei Grest della diocesi saranno occasione di incontro e confronto anche su queste grandi e significative scelte pastorali e certamente anche opportunità di scoprire i materiali e i contenuti della proposta estiva preparata con la bella collaborazione delle diocesi della Lombardia.

L’appuntamento è in tre serate, a partire dalle 20.45, in altrettanti punti della diocesi: lunedì 28 marzo all’oratorio di Mozzanica, martedì 29 marzo a Cremona, presso l’oratorio della Beata Vergine di Caravaggio (accanto all’Ospedale), e mercoledì 30 marzo all’Oratorio Maffei di Casalmaggiore.

 

Scarica il post con le date delle presentazioni ai responsabili