Archivi della categoria: M. Chiara Biagioni

image_pdfimage_print

Ecumenismo e dialogo: Cei, avviato un “Osservatorio permanente” sulle presenze cristiane e religiose in Italia

Uno strumento per “aprire porte e costruire ponti”

Una “mappatura sul pluralismo religioso in Italia”, mediante il coinvolgimento dei soggetti impegnati nel dialogo ecumenico e interreligioso a livello locale. Così Maurizio Ambrosini, sociologo dell’Università Statale di Milano, ha presentato questa mattina ad Assisi il progetto avviato dall’Ufficio Cei per l’ecumenismo e il dialogo di “un Osservatorio permanente” sulla presenza di chiese e comunità di altre confessioni cristiane e di altre religioni presenti nel nostro territorio. Continua a leggere »

M. Chiara Biagioni
AgenSir
Facebooktwittermail

Focolari. Margaret Karram: “Andiamo laddove si alza più forte il grido della disunità per portare pace e fraternità”

Intervista a Margaret Karram, presidente del Movimento dei Focolari. Araba, cristiana-cattolica, nata ad Haifa, in Terra Santa, 59 anni fa, è alla guida di un’Opera che conta un milione e mezzo di aderenti in 182 Paesi del mondo. “Il fatto di essere silenziosi – confida - non mi mette in discussione. Non è un caso che il Movimento sia chiamato ‘Opera di Maria’ perché Maria con il suo silenzio ha agito nell’umanità. Anche Chiara diceva sempre che lo spirito del Movimento non sta tanto nel fare le cose ma nel testimoniare con la vita”

“C’è un grido dell’umanità che ci tocca in modo particolare ed è quello che si alza laddove c’è disunità. Disunità in famiglia, disunità tra le Chiese e fra i popoli. Disunità anche causate spesso e tante volte da conflitti e guerre. Perché questa è l’essenza del nostro carisma: ricomporre l’unità laddove si è spezzata e rendere questo mondo più armonioso e più in pace”. Margaret Karram è la seconda presidente del Movimento dei Focolari dopo la morte della fondatrice Chiara Lubich. Succede a Maria Voce ed è stata votata in Assemblea il 31 gennaio scorso. Araba, cristiana-cattolica, nata ad Haifa, in Terra Santa, 59 anni fa, si è laureata in Ebraismo all’Università ebraica di Los Angeles, negli Stati Uniti. Parla arabo, ebraico, italiano, inglese. Un curriculum vitae che rispecchia il popolo, variegato e complesso, dei Focolari: diffuso in 182 paesi del mondo, al Movimento aderiscono oltre 100mila membri attivi e un milione e mezzo di aderenti. Tra loro anche persone di varie Chiese e comunità cristiane, seguaci delle grandi religioni mondiali, uomini e donne di convinzioni non religiose. Continua a leggere »

M. Chiara Biagioni
AgenSir
Facebooktwittermail

Lettera ecumenica delle Chiese in Italia, “sogniamo che tutto torni meglio di prima” dopo la pandemia (DOWNLOAD)

Il messaggio per la Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani firmato da mons. Ambrogio Spreafico per la Cei, mons. Polykarpos Stavropoulos (Sacra Arcidiocesi ortodossa d’Italia e Malta) e pastore Luca Maria Negro (Federazione delle Chiese evangeliche in Italia)

“Non possiamo solo aspettare che dopo questa pandemia ‘tutto torni come prima’, come abitualmente si dice. Noi, invece, sogniamo e vogliamo che tutto torni meglio di prima, perché il mondo è segnato ancora troppo dalla violenza e dall’ingiustizia, dall’arroganza e dall’indifferenza”. Per la prima volta, i rappresentanti delle Chiese cristiane in Italia rivolgono una “Lettera ecumenica” alle loro comunità alla vigilia della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani che come ogni anno si svolge dal 18 al 25 gennaio, con iniziative (quest’anno per lo più online) di dialogo e preghiera su tutto il territorio nazionale.

Continua a leggere »

M. Chiara Biagioni
AgenSir
Facebooktwittermail

Accordo Santa Sede-Cina, passi avanti di dialogo preziosi per tutti

Francesco Sisci (sinologo) spiega l’importanza del rinnovo dell’Accordo tra Santa Sede e Cina sulla nomina dei vescovi: “È un momento di grande tensione internazionale intorno alla Cina e il rinnovo di questo Accordo fa sperare che ci possa essere una possibilità per stemperare le tensioni in atto ed evitare un peggioramento dei rapporti internazionali. Questo rinnovo dice al mondo che con la Cina si può parlare. Certo, non è un Accordo ideale, non ci troviamo in una situazione idilliaca ma proprio per questo, è tanto più importante essere riusciti a fare dei passi avanti”

“Il rinnovo di questo Accordo paradossalmente sembra essere più importante dell’Accordo stesso stipulato due anni fa”. Francesco Sisci, sinologo, giornalista, già corrispondente per testate italiane da Pechino, senior researcher presso la China People’s University, commenta così la decisione presa dalla Santa Sede e dalla Repubblica Popolare Cinese di prorogare per altri due anni la fase attuativa sperimentale dell’Accordo Provvisorio sulla nomina dei Vescovi. “Questo rinnovo è importantissimo”, spiega l’esperto, “per l’attenzione che gli ha dato il governo americano e i governi di tutto il mondo e perché arriva in questo momento”. Continua a leggere »

M. Chiara Biagioni
AgenSir
Facebooktwittermail

#OnePeopleOnePlanet: la maratona multimediale per costruire un futuro diverso

Una maratona multimediale per celebrare, in tempo di Coronavirus, il 50° Anniversario della Giornata Mondiale della Terra (Earth Day). #OnePeopleOnePlanet si aprirà dalla Palazzina Leone XIII nei Giardini Vaticani (in attesa della udienza del mercoledì di papa Francesco) e sarà integralmente trasmessa sul canale streaming Rai Play, con un palinsesto live di 12 ore (dalle 8 alle 20). Porteranno il loro contributo anche Vatican Media e TV2000

Il 22 aprile 2020 le Nazioni Unite celebrano il 50° Anniversario della Giornata Mondiale della Terra (Earth Day), l’evento di sensibilizzazione alla tutela del Pianeta che ogni anno nel mondo coinvolge miliardi di persone attraverso l’opera di 75mila partner in 193 Paesi. All’Italia il compito di aprire quest’anno le celebrazioni mondiali dedicandole a Papa Francesco nel 5° Anniversario della Sua lettera Enciclica Laudato Si’ che tanto ha contribuito a generare una consapevolezza mondiale sul Cambiamento Climatico alla vigilia dello storico Accordo sul Clima di Parigi (2015). Continua a leggere »

M. Chiara Biagioni
AgenSir
Facebooktwittermail

Ezio Aceti (psicologo): “L’epidemia? Si combatte con l’antivirus della fraternità”

Sette consigli dello psicologo Ezio Aceti per spiegare ai ragazzi il Coronavirus e trasformare l’emergenza in una possibilità di crescita

Metti una sera dopo cena la conferenza stampa del premier Giuseppe Conte. Metti dei teenager davanti alla tv mentre annuncia che l’Italia, a causa di una epidemia, è diventata “zona rossa”. Metti per la prima volta un Paese davanti a vincoli di spostamento e nuove regole di comportamento. Le domande diventano, a quel punto, un fiume di interrogativi. Quanto è pericoloso il virus? Siamo a rischio? Possiamo morire? Cosa si intende per spostamenti limitati? Perché non dovrei uscire domani? Continua a leggere »

M. Chiara Biagioni
AgenSir
Facebooktwittermail

Settimana di preghiera per l’Unità: “Anche oggi vite umane in balia di forze immense e altamente indifferenti”

“Ci trattarono con gentilezza” è il tema scelto quest’anno per la Settimana di preghiera per l’Unità dei cristiani che si celebra dal 18 al 25 gennaio. Sono state le Chiese di Malta e Gozo a preparare il materiale a partire dal brano degli Atti degli Apostoli ambientato proprio a Malta e nel mare tempestoso che circonda l’isola.

L’indifferenza assume oggi varie forme: “l’indifferenza di coloro che vendono a persone disperate posti in imbarcazioni non sicure per la navigazione; l’indifferenza di persone che decidono di non inviare gommoni di salvataggio; l’indifferenza di coloro che respingono i barconi di migranti”. Le Chiese cristiane in Italia dicono no e a chi, “di fronte all’attuale crisi migratoria, si volta a guardare dall’altra parte” contrappongono la cultura dell’accoglienza. “Ci trattarono con gentilezza”, è il tema scelto quest’anno per la Settimana di preghiera per l’Unità dei cristiani che si celebra dal 18 al 25 gennaio. Continua a leggere »

M. Chiara Biagioni
AgenSir
Facebooktwittermail

Giornata custodia creato. Mons. Santoro (Cei): “I bambini malati a causa dell’inquinamento sono un grido che non può essere fatto cadere”

Intervista a mons. Filippo Santoro, presidente della Commissione Cei per i problemi sociali e il lavoro. Il vescovo racconta la sua prima visita all’Ospedale Nord di Taranto ai bambini malati di cancro a causa dell’inquinamento. “Porto negli occhi quell’immagine. Dobbiamo ripartire dal grido di quei bambini se vogliamo andare avanti. I bambini feriti sono un grido che non può esser fatto cadere”

“Qual è la ‘nostra Amazzonia’? Qual è la realtà più preziosa – da un punto di vista ambientale e culturale – che è presente nei nostri territori e che oggi appare maggiormente minacciata? Come possiamo contribuire alla sua tutela?”. Sono le domande al cuore quest’anno del messaggio che i vescovi italiani lanciano in occasione della 14ª Giornata nazionale per la Custodia del Creato. “Occorre conoscere il patrimonio dei nostri territori, riconoscerne il valore, promuoverne la custodia”, scrivono i vescovi. La Chiesa italiana si unisce così al “tempo del creato” che la grande famiglia cristiana ecumenica vive da settembre ad ottobre promuovendo una serie di iniziative in tutto il mondo finalizzate alla preghiera e alla azione per “proteggere la nostra casa comune”. Continua a leggere »

M. Chiara Biagioni
AgenSir
Facebooktwittermail

L’allarme di Parmitano convinca i governi ad agire

Deserti che avanzano e ghiacciai che si sciolgono. L’allarme lanciato dall’astronauta Luca Parmitano dalla Stazione Spaziale Internazionale ha colpito l’opinione pubblica. “A volte – commenta il fisico del clima Luca Fiorani - quando parlano gli scienziati non vengono ascoltati perché hanno difficoltà a comunicare, mentre invece un Papa o una ragazzina di 16 anni o un astronauta vengono più seguiti perché riescono a dare delle immagini. Una cosa è mostrare un grafico, un’altra è vedere un’immagine viva, un deserto che avanza, un ghiacciaio che si scioglie”

“Speriamo che questo allarme serva a convincere l’opinione pubblica ma ancora di più e soprattutto i governi ad agire. Coscienza pubblica e leadership politica. Le due cose sono intimamente collegate perché siamo noi che votiamo i governi e se votiamo persone sensibili all’ambiente, abbiamo più speranza che lottino contro il riscaldamento globale”. Continua a leggere »

M. Chiara Biagioni
AgenSir
Facebooktwittermail

Elezioni europee. Mons. Hollerich (Comece): “Il populismo in Europa non è la risposta alla crisi politica”

Intervista al presidente dei vescovi Ue, mons. Hollerich: “I populisti hanno vinto grandemente in qualche Paese ma in altri sono diminuiti. È pertanto chiaro che il populismo in Europa non è la risposta alla crisi politica”. E sul voto italiano osserva: “L’Italia ha avuto negli ultimi anni una economia terribile. La gente è più povera oggi rispetto a dieci anni fa, mentre per tutti gli altri Paesi in Occidente non è stato così. La gente sente questo problema e ha votato per chi ha fatto delle promesse”

“La mia prima considerazione è che c’è stata tanta gente che è andata a votare. E questo è un dato molto positivo. Nei mesi scorsi, noi vescovi abbiamo chiamato le persone affinché andassero alle urne e si è visto che queste elezioni sono state importanti per la gente. Questo è un fatto molto positivo”. Parte da qui, dai segni di speranza, il commento di mons. Jean-Claude Hollerich, arcivescovo di Lussemburgo e presidente della Commissione degli episcopati dell’Ue (Comece), ai primi risultati delle elezioni europee 2019. A Roma per una conferenza stampa in sala stampa vaticana per la presentazione del Messaggio del Papa per la Giornata del migrante e del rifugiato, mons. Hollerich non può esimersi in questa giornata così importante per l’Ue dall’analizzare il voto europeo. Continua a leggere »

M. Chiara Biagioni
AgenSir
Facebooktwittermail