Chi è Barbara Jatta, la prima donna direttore dei Musei Vaticani

Barbara Jatta – prima donna a ricoprire la carica di direttore dei Musei Vaticani – è l’ospite d’onore dell’inaugurazione del Museo Diocesano di Cremona: a lei, infatti, è stato affidato il compito di intervenire nella presentazione ufficiale nel pomeriggio di venerdì 12 novembre in Cattedrale con l’intervento dal titolo “Musei Vaticani, un viaggio fra storia, arte e fede”.

Nata il 6 ottobre 1962 a Roma, è figlia d’arte: la madre Maria Cristina è un’esperta di arte bizantina, iconografa e restauratrice di dipinti. Il nonno materno è Andrea Busiri Vici D’Arcevia, noto architetto, critico d’arte e collezionista romano, mentre sua nonna era la contessa russa Alexandra Olsoufiev.

Sposata con Fabio Midulla dal luglio del 1988, è madre di tre figli: Marco, Fabiola e Giorgio.

Nel 1986 si è laureata presso l’Università La Sapienza di Roma con una tesi in Storia del disegno, dell’incisione e della grafica. In seguito, sempre nel medesimo ateneo, si è specializzata in Storia dell’Arte. Ha svolto diversi tirocini formativi all’estero, dall’Inghilterra al Portogallo, passando per gli Stati Uniti d’America. Rientrata in Italia, dal 1981 al 1996 ha collaborato con l’Istituto nazionale per la grafica, con il ruolo di restauratrice di materiale grafico. In seguito è passata alla catalogazione dei fondi di disegni, incisioni, xilografie e litografie dell’Istituto. Dal 1994 al 2016 ha insegnato Storia delle tecniche e delle arti grafiche presso la facoltà di Lettere dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli.

Responsabile del Gabinetto delle Stampe della Biblioteca Apostolica Vaticana dal 1996 al 2016, è stata anche membro delle sue commissioni Mostre, Accessioni, Acquisti, Editoria e Cataloga- zioni.

Dal 2018 è membro del Consiglio scientifico del Museo del Louvre. Dal 2019 è membro del Bizot Group, Consiglio che riunisce i direttori dei principali musei del mondo. Nel 2019 è stata insignita dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella dell’onorificenza di commendatore dell’Ordine della Stella d’Italia. Dal 2020 è membro dell’International advisory board del Museo dell’Ermitage. Nel 2020 è stata insignita dal Re di Svezia dell’Ordine della Stella Polare e nel 2021 ha ricevuto il titolo di officier de l’Ordre des Arts et des Lettres dal Ministero della cultura francese.

Dopo essere stata nominata, il 15 giugno 2016, vicedirettore dei Musei Vaticani, dal 1° gennaio 2017 è stata chiamata da Papa Francesco a guidare le collezioni pontificie nel ruolo di direttore dei Musei Vaticani.