Veglia di Pentecoste, proposta per le Parrocchie con benedizione dell’acqua (DOWNLOAD)

L’Ufficio diocesano per il Culto divino propone di recuperare alcuni elementi della Veglia pasquale, quest’anno celebrata senza popolo e nella quale si è omessa la benedizione del fonte
image_pdfimage_print

In vista della Pentecoste, la solennità che chiude il Tempo Pasquale, l’Ufficio diocesano per il Culto divino, in accordo con il Vescovo, propone alle Parrocchie uno specifico momento di preghiera in cui recuperare alcuni elementi della Veglia pasquale, quest’anno celebrata senza popolo e nella quale si è omessa la benedizione del fonte.

Due sono le proposte concrete con le quali l’Ufficio liturgico suggerisce alle Parrocchie di celebrare la veglia di Pentecoste per non perdere una celebrazione notturna a tonalità pasquale: nei Primi Vespri (prima formula) o nella Messa festiva del sabato (seconda formula).

La celebrazione intende anche completare la preparazione degli elementi che servono per i battesimi: se gli Oli Santi saranno benedetti in Cattedrale la mattina di giovedì 28 maggio in occasione della Messa Crismale, nelle parrocchie potrà essere preparato anche l’elemento principale del Battesimo: l’acqua.

Le note predisposte dall’Ufficio diocesano per il Culto divino precisano anche le indicazioni igieniche da osservare, così di rilevanza in questo particolare tempo di emergenza sanitaria. In particolare si raccomanda come nel preparare l’acqua nel fonte e, a parte, nel secchiello dell’aspersorio, sia assolutamente necessario che nessuno vi immerga le mani e altri oggetti (sia prima, sia durante la celebrazione).

Sussidio liturgico per la Veglia di Pentecoste

(Fonte: TeleRadio Cremona Cittanova)

Facebooktwittermail