Nasce il nuovo pellegrinaggio europeo “Romea Strata”

Presentato ad Aquileia il nuovo pellegrinaggio “Romea Strata”, cammino europeo che dal Baltico arriva a Roma, attraversando Polonia, Repubblica Ceca, Austria e Italia. Il progetto è stato ideato da don Raimondo Sinibaldi, direttore della Fondazione Homo Viator San Teobaldo
image_pdfimage_print

Dal Mar Baltico alle porte di Roma, l’unico sentiero di pellegrinaggio a Nord Est d’Europa. Sono queste le caratteristiche più importanti del cammino europeo “Romea Strata”, presentato ad Aquileia, in provincia di Udine.

Il progetto

È iniziato questo pomeriggio dalla cittadina friulana l’iter per l’ottenimento della certificazione di Itinerario culturale del Consiglio d’Europa, del nuovo cammino “Romea Strata”. Il progetto è stato ideato da don Raimondo Sinibaldi, direttore della Fondazione Homo Viator San Teobaldo e promosso dalla neo-costituita Associazione Europea Romea Strata. Il nuovo sentiero attraversa Polonia, Repubblica Ceca, Austria e poi Friuli-Venezia Giulia, Veneto, Trentino-Alto Adige, Emilia-Romagna, Lombardia e Toscana. Qui il cammino europeo si congiunge con la via Francigena, fino a Roma. Alla presentazione di Aquileia hanno preso parte il direttore dell’Istituto europeo degli Itinerari Culturali, dott. Stefano Domignoni, e mons. Eugenio Bruno del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione.

Le origini del cammino europeo

“Il cammino europeo – spiega a Vatican News suor Naike Borgo, responsabile della comunicazione di “Romea Strata” – è un progetto nato nel 2013, grazie a un convegno iniziale che abbiamo costituito e vissuto insieme al Centro italiano di studi compostellani con cui collaboriamo, ma che di fatto si costituisce giuridicamente oggi con l’elezione del presidente e di tutti gli organi”. I viandanti si metteranno in cammino sulle orme degli antichi pellegrini verso la tomba di San Pietro e San Paolo. “Il nostro obiettivo – prosegue suor Borgo – è portare i pellegrini di oggi, a vivere l’esperienza di incamminarsi con fede attraverso cultura e paesaggi che si incontrano in cammino verso Roma”. “Quello che ci sta a cuore – conclude la religiosa – è permettere ci sia una grande via di pellegrinaggio dal Mar Baltico fino a Roma”.

Ascolta l’intervista integrale a suor Naike Borgo

Il significato del pellegrinaggio

“Cercare di cogliere il pellegrinaggio come via di nuova evangelizzazione – spiega mons. Eugenio Bruno – significa innanzitutto cercare di comprendere cosa l’uomo si porta dentro quando si muove, quando si mette sulla strada”. Centrale per comprendere il senso del pellegrinaggio è il ruolo della Chiesa. “Intercettare questi bisogni dell’uomo significa, come Chiesa, intercettare il Vangelo lì dove sta segretamente operando. Per la comunità cristiana – aggiunge mons. Bruno – significa mettersi sulla stessa strada degli uomini”.

Ascolta l’intervista integrale a mons. Eugenio Bruno

Matteo Petri

(Fonte: VaticanNews)

Facebooktwittermail