Matrimoni rinviati per Covid, prorogata la validità dei documenti ecclesiastici: download del modulo di richiesta

Prorogata la validità di tutti i documenti canonici preliminari al matrimonio sino al 31 dicembre 2020
image_pdfimage_print

Diverse coppie di nubendi hanno dovuto rinviare la celebrazione del matrimonio a causa delle recenti disposizioni CEI e del Ministero degli Interni in materia di contrasto alla diffusione del COVID-19. Considerato che per molti di questi matrimoni era stata fatta la debita istruttoria e ora la data delle nozze è stata rinviata, l’Ordinario ha disposto la proroga della validità di tutti i documenti canonici preliminari al matrimonio sino al 31 dicembre 2020 (a titolo esemplificativo: i certificati di battesimo e cresima e le pubblicazioni canoniche).

Rimangono esclusi dalla proroga il nulla-osta civile, che vale 180 giorni dalla data di emissione e “l’esame dei nubendi“, la cui validità è di 180 giorni dal giorno in cui è stato effettuato. Per quanto riguarda quest’ultimo documento (Mod. I) sarà sufficiente chiedere separatamente ai nubendi una conferma delle dichiarazioni precedentemente fatte e verificare che lo stato libero canonico di entrambi non sia variato.

Tale proroga riguarda i documenti relativi ai matrimoni che si celebreranno sia in questa Diocesi che al di fuori di essa.

Per ottenere tale proroga, il parroco interessato potrà scaricare il modello qui disponibile e compilarlo, per essere poi allegato alla documentazione.

Modello per presentare la domanda di proroga (doc)

Decreto dell’ordinario diocesano (pdf)

(Fonte: TeleRadio Cremona Cittanova)

Facebooktwittermail