Feste dell’oratorio ed eventi: ecco le regole da seguire

La nota della Federazione oratori dopo la nuova ordinanza regionale in materia di sicurezza. E dal 6 agosto in arrivo i materiali per l'Anno oratoriano 2020-2021
image_pdfimage_print

Dopo la riprogettazione estiva e la riapertura graduale degli Oratori, il pensiero va a settembre ed oltre, con lo sguardo alla catechesi e alle sue condizioni di possibilità (vd. la lettera ai catechisti), ma anche ai ritmi dei nostri Oratori, spesso cuore pulsante delle comunità parrocchiali. L’Ordinanza regionale del 31 luglio non presenta, oltre Celebrazioni e trasporti, particolari novità e dunque conferma la cornice normativa entro la quale operare.

I materiali dell’anno oratoriano 2020-2021, Ad occhi aperti. Cielo e terra passeranno, le mie parole non passeranno, saranno disponibili da giovedì 6 agosto sul sito focr.it. Troverete alcuni contributi che possono aiutare a costruire momenti di incontro, riflessione e preghiera e caratterizzare anche la celebrazione eucaristica:

  • il messaggio del Vescovo Antonio
  • uno schema di preghiera e celebrazione
  • il testo di presentazione dell’anno: le ragioni e il pensiero, i progetti, le risorse e le iniziative diocesane. Le Parrocchie riceveranno puntuale comunicazione attraverso i canali diocesani.

Quanto alle normative per la realizzazione di Feste dell’Oratorio (costruzione di giornate di attività, serate di apertura e altri eventi in Oratorio) la Federazione oratori cremonesi richiama i punti decisivi cui ottemperare:

• la vigilanza sul distanziamento e – negli spazi al chiuso – l’obbligo della mascherina. La norma è stata reiterata sino al 10 settembre dall’ordinanza del Governatore di Regione Lombardia in data 31 luglio.

l’igienizzazione che da settimane abbiamo imparato a conoscere e l’adeguata informazione. Sono disponibili i materiali (colonnine, gel idroalcolici ed altri dispositivi) anche in Focr, come pure on line su focr.it le grafiche dedicate per la visualizzazione delle informazioni necessarie alla prevenzione.

• per le cene: è bene procedere con la logica della prenotazione, per garantire l’osservanza delle disposizioni su accesso, posti a sedere e distanziamenti. All’ingresso si tenga registrazione dei presenti, si rilevi la temperatura e si vieti l’accesso a chi presenta i sintomi ormai noti. Ricordiamo che il tenore delle disposizioni tende a poter tracciare, in caso di persone positive, gli eventuali contatti avuti. Per il bene di tutti. Facciamo attenzione alle normative generali sulla regolarità di cucine e confezionamento dei cibi (su focr.it/normative/cucine il punto) e sulla somministrazione che dovrà tener conto anche dell’emergenza covid-19: si organizzi un servizio ai tavoli secondo le disposizioni igieniche.

• vanno evitati assembramenti e gioco libero in Oratorio che violi il distanziamento. Anche l’impiego dei gonfiabili o di altre attrazioni deve rientrare in un protocollo che preveda igienizzazione, ingressi dedicati ed eviti assembramenti.

• per l’organizzazione di pesche e lotterie si faccia riferimento, dal versante amministrativo, alla consueta modulistica pubblicata sul sito Focr e, per quanto riguarda il capitolo igienico-sanitario, si ottemperi alle norme di informazione con cartelli, distanziamento, igienizzazione, divieto di assembramento, mascherine in luogo chiuso.

• per i giorni delle manifestazioni a carattere pubblico – qualora si somministri temporaneamente cibo e bevande – si presenti al Comune la SCIA (segnalazione certificata di inizio attività): questa procedura appartiene alle modulistiche e alle prassi locali. È sempre opportuno e consigliato verificare con l’Amministrazione, in spirito di collaborazione, quanto necessario rispetto alle iniziative che l’Oratorio intende organizzare e che hanno carattere pubblico.

Questo l’aggiornamento ad oggi, seguiranno ove necessario altri approfondimenti.

(fonte: focr.it)

(Fonte: TeleRadio Cremona Cittanova)

Facebooktwittermail