Credere, il primo settimanale religioso “popolare” in Italia pubblicato dal Gruppo Editoriale San Paolo, da domani si rinnova completamente nella veste grafica e nei contenuti

Già rivista ufficiale del Giubileo della Misericordia, "Credere" si arricchisce di storie, servizi e rubriche per far vivere ai lettori "la gioia del Vangelo"
image_pdfimage_print

Credere, il settimanale del Gruppo Editoriale San Paolo nato il 4 aprile del 2013 e scelto nel 2015 come “rivista ufficiale” del Giubileo della Misericordia, dal 31 ottobre in edicola e in parrocchia completamente rinnovato nella grafica e nei contenuti. Credere cambia per stare al passo con i tempi, ma senza venire meno alla sua missione editoriale originaria: essere uno strumento al servizio dei lettori per vivere e crescere nella fede.

Il primo settimanale religioso “popolare” in Italia, diretto da don Antonio Rizzolo assieme a don Vincenzo Vitale (condirettore), continuerà a raccontare al grande pubblico le storie di uomini e donne – personaggi famosi e gente comune – testimoni di una fede vissuta e vivibile.

Tra le tante novità, due saranno evidenti già dalla copertina: una grafica più accattivante e il nuovo sottotitolo della testata “La gioia del Vangelo”, che sostituisce il precedente “La gioia della fede”.

La nuova grafica, più dinamica e coinvolgente, faciliterà la lettura e la comprensione dei contenuti, grazie a: titolazioni e testi più leggibili, con evidenziati i messaggi più significativi, copertine più fresche e racconti di avvenimenti attraverso immagini suggestive.

Il nuovo sottotitolo “La gioia del Vangelo” evidenzia che Credere seguirà ancora più da vicino il magistero di papa Francesco, dedicando maggiore spazio alle parole e ai segni più significativi con cui il Santo Padre “spiega” e comunica la «gioia del Vangelo».

Il direttore don Antonio Rizzolo, alla guida di Credere fin dal suo debutto in edicola, commenta: «Il rinnovamento del settimanale mette ancora più in risalto il cuore del pontificato di Francesco: l’evangelizzazione. Il Papa invita tutti i cristiani a mettere al centro della loro vita il Vangelo, a riscoprirlo e ad annunciarlo con l’esempio nella quotidianità. Con questo restyling “Credere” si conferma ancora di più la rivista della Chiesa nell’epoca di papa Francesco».
«La rivista è cresciuta in questi sei anni, ricchi di avvenimenti e di sfide nel mondo cattolico, grazie al dialogo con i lettori – conclude don Rizzolo – e ci auguriamo che possa incontrare nel prossimo futuro l’apprezzamento di un pubblico ancora più ampio».

Credere offrirà contenuti ancora più ricchi, caratterizzati da un linguaggio semplice e chiaro. Tra le novità: un maggior numero di testimonianze di fede vissuta, i messaggi più significativi e le immagini più toccanti di papa Francesco, più servizi riservati alla vita della Chiesa, con focus sulle iniziative di parrocchie, movimenti, e associazioni.

Saranno due le nuove rubriche: Santi per il giorno d’oggi e Chiedilo a Credere, che si affiancheranno a quelle, confermate, dedicate all’arte cristiana, ai ragazzi e alla Bibbia. In Santi per il giorno d’oggi, il giornalista Enzo Romeo commenterà i fatti d’attualità a partire dalla testimonianza di santi e beati. Chiedilo a Credere proporrà le grandi domande sulla fede che nascono dalla vita quotidiana. Risponderanno il teologo laico Robert Cheaib e il gesuita Gaetano Piccolo, autore di spiritualità. Due firme giovani, vivaci e conosciute anche sul web grazie ai loro blog.

I Dossier – gli inserti al centro della rivista dedicati ai grandi temi biblici, liturgici e spirituali – si chiameranno d’ora in poi Zoom. Proporranno ai lettori approfondimenti sui temi di attualità legati alla fede, con un linguaggio e un’impaginazione più agili per facilitarne la lettura.

Continueranno poi a essere presenti all’interno del periodico: i Commenti alle letture della liturgia della settimana in rito romano e ambrosiano, lo spazio delle lettere al condirettore don Vincenzo Vitale e la serie degli Itinerari della fede, un viaggio tra santuari, cattedrali, monasteri e feste religiose più interessanti in Italia e nel mondo.

Con il nuovo Credere, in edicola al prezzo di 1,70 euro, verrà allegato in omaggio per quattro settimane Amen. La parola che salva, il messalino del Gruppo Editoriale San Paolo proposto ai lettori in versione settimanale. Amen, nato nel 2017 e diretto da don Giuseppe Musardo, è un sussidio completo ideato per la preghiera e la meditazione quotidiana. Il messalino presenta ai lettori: i testi della Messa della settimana con tutte le letture, il commento al Vangelo (di don Luigi Maria Epicoco e don Claudio Doglio, oltre che di papa Francesco), la Liturgia delle Ore (Lodi mattutine, Vespri e Compieta) e le preghiere della tradizione cristiana.

Il nuovo Credere proporrà ai lettori anche una nuova collana inedita in dieci volumi, ognuno disponibile in edicola e parrocchia a 6,90 euro oltre il prezzo della rivista, per scoprire e comprendere l’Antico Testamento. L’opera, intitolata Dentro l’Antico Testamento, è pensata per essere accessibile a tutti e fornire una guida per conoscere meglio gli scritti che rappresentano le radici della fede cristiana. Una serie imperdibile da leggere e conservare, scritta da quattro autori di alto profilo. Un’iniziativa editoriale che nasce in perfetta sintonia con la decisione di papa Francesco di istituire per tutta la Chiesa la “Domenica della Parola di Dio”, la cui prima ricorrenza sarà celebrata il prossimo 26 gennaio.

(Fonte: TeleRadio Cremona Cittanova)

Facebooktwittermail