Cappella, un concorso fotografico per realizzare il parco giochi

Nell’area verde adiacente alla sede ACLI di Cappella, dove annualmente è ospitato il Festival SpaventaCappella.
image_pdfimage_print

Prende avvio con il concorso fotografico “Giochi all’ombra del campanile”, la raccolta fondi promossa dai Circoli ACLI di Cappella e Casalmaggiore, con il sostegno di ACLI Provinciale e in collaborazione con i circoli del Casalasco e la Parrocchia di Sant’Agata, per la creazione di un parco giochi per bambini da 3 a 12 anni nell’area verde adiacente alla sede ACLI di Cappella, dove annualmente è ospitato il Festival SpaventaCappella.

L’obiettivo del Concorso (in scadenza il 15 agosto), aperto a fotografi e fotoamatori residenti in Italia, Città del Vaticano e Repubblica di San Marino, è quello di acquistare alcune giostre che rendano un meraviglioso spazio immerso nella natura ancora più fruibile per bambini e famiglie, nell’ottica dell’inclusività e del senso di comunità. Uno spazio che ad oggi manca, in una frazione piccola ma importante per la presenza sia del circolo ACLI, cui aderisce una larga fetta della popolazione locale, che della Scuola dell’infanzia.

A caratterizzare il Concorso è la larga adesione di associazioni locali che hanno voluto credere in questo progetto. Tra le tante, “Fotocine Casalasco 1966 aps”, associazione di promozione culturale nota sul territorio che, oltre ad aver partecipato alla stesura del bando, si occuperà di formare la commissione giudicatrice e di esporre le fotografie selezionate come migliori durante la prossima Fiera di San Carlo.

Ma anche “NonSoloNoi Altromercato”, la Bottega del Commercio Equo e solidale di Casalmaggiore, che ha voluto donare i prodotti che andranno a costituire i primi premi per i tre vincitori.

«Abbiamo raccolto una bella sfida – dichiarano gli organizzatori –. Una sfida che ci vede in prima linea per dare una risposta concreta a un bisogno concreto. Quello di tante famiglie di poter sfruttare al massimo uno spazio chiuso da mura ma aperto alla natura, dove permettere alla socialità di riprendere vita in totale sicurezza e inclusività».

Il Concorso fotografico non sarà la sola azione messa in campo dalle ACLI. Seguiranno altre iniziative a fine estate e altre collaborazioni, sempre nell’ottica di fare rete con l’associazionismo del territorio, già tanto impegnato nel rispondere ai numerosi bisogni della popolazione.

Perché insieme si può fare bene, si può fare meglio.

Scarica il Bando del concorso e il Modulo di iscrizione

Sara Pisani

(Fonte: TeleRadio Cremona Cittanova)

Facebooktwittermail