#Bellestories, l’oratorio di Rivolta d’Adda vince il contest fotografico del Grest 2019

Il più votato è risultato lo scatto che ritrae un bambino rivolto verso il tabernacolo dove era esposto il Santissimo: "Bella storia. Io sarò con te"
image_pdfimage_print

È l’oratorio Sant’Alberto Quadrelli di Rivolta d’Adda il vincitore del contest fotografico promosso, in occasione del Grest 2019 “Bella storia”, dall’Ufficio diocesano per le Comunicazioni sociali in sinergia con la Federazione Oratori Cremonesi. A consentire all’oratorio del borgo rivierasco di primeggiare è stato uno scatto che ritrae un ragazzino rivolto verso il tabernacolo con esposta l’Eucaristia. Sulla maglietta del bambino il titolo del Grest 2019: “Bella storia. Io sarà con te. Rivolta d’Adda”.

«Abbiamo partecipato al contest – spiega uno degli animatori del Grest rivoltano – inviando sei fotografie. Durante le giornate del Grest, prima della solennità del Corpus Domini, portavamo i bambini in chiesa per un momento di adorazione, poi organizzavamo giochi collegati alla preghiera del Padre Nostro. Facendo diverse fotografie ci è capitato di scattarne una ad un bambino, di spalle, che aveva lo sguardo rivolto verso l’ostensorio. Siamo contenti di aver vinto”.

Gli oratori della diocesi sono stati invitati a partecipare alla prima edizione di questo concorso fotografico che – richiamando il tema “Bella Storia” – ha voluto aiutare a raccontare, attraverso le immagini, lo spirito, le attività e… le storie dei Grest in diocesi. In particolare attraverso cinque aspetti tipici dell’estate oratoriana: preghiera, amicizia, gioco, servizio e le tematiche richiamate nello specifico dall’edizione 2019 del Grest. Le fotografie giunte in redazione sono state caricate sulla pagina Facebook della Diocesi e c’è stato tempo sino al 21 luglio per la votazione a “like”. Lo scatto che ha ottenuto più “mi piace” è stato quello dell’oratorio Sant’Alberto Quadrelli.

I ragazzi di Rivolta d’Adda si trovano attualmente in vacanza a Rhemes Notre Dame, in Valle d’Aosta, da 49 anni meta dei soggiorni estivi del Sant’Alberto. La notizia del successo nel contest diocesano ha raggiunto la comitiva rivoltana mentre si trovava quasi a quota 3.000 metri, al rifugio Degli Angeli, in Valgrisenche. Attualmente è in corso il secondo turno della vacanza, quello riservato agli adolescenti (il primo, dal 9 al 18 luglio, era invece riservato ai bambini e ragazzi dalla quinta elementare alla terza media).

Con il vicario don Luca Bosio ci sono una ventina di volontari. Gabriele Fassina, l’autore della foto vincitrice del contest, è uno di loro nonché la voce introduttiva delle “Pillone da Rhemes”, i resoconti giornalieri della vacanza fatti dagli animatori.

Luca Maestri

(Fonte: TeleRadio Cremona Cittanova)

Facebooktwittermail