Addio ad Adriana Cerati, per quasi 25 anni segretaria dell’Archivio storico diocesano

Si è spenta all’R.S.A. di Ostiano, all’età di 92 anni, Adriana Cerati. Originaria di Cicognara (fu battezzata da don Primo Mazzolari), si era trasferita giovanissima, con la famiglia, a Cremona, dove è vissuta fino a qualche anno fa, prima del ricovero, per motivi di salute.

Nel 1984, al momento della maturazione della pensione, chiese di potersi impiegare, come volontaria (a titolo totalmente gratuito), a servizio della diocesi, e accettò di collaborare con don Andrea Foglia che, proprio in quei mesi, iniziava il suo impegno come responsabile dell’Archivio storico diocesano, dapprima in alcuni ambienti della Curia e poi, dopo pochi anni (anche con la sua collaborazione), nella nuova sede al primo piano, attigua all’appartamento del Vescovo, dove l’Archivio storico ancora si trova.

Fu segretaria dell’Archivio diocesano per quasi 25 anni, fino al 2008. Molti, tra gli studiosi, i ricercatori e gli appassionati di storia locale la ricordano per la sua fedeltà, per la sua dedizione e per l’impegno e la tenacia con cui ha curato la catalogazione di numerosi fondi.

Pur non avendo, infatti, competenze specifiche in questo campo, imparò ben presto a destreggiarsi tra le antiche carte, e la sua assistenza e il suo aiuto, nell’individuazione delle piste di ricerca, erano una valida risorsa  per tutti, in particolare per i numerosi studenti universitari che hanno preparato, presso l’Archivio diocesano, la loro tesi di laurea.

La sua collaborazione è stata  preziosa anche per numerose pubblicazioni, di studi o fonti sul tema della vita religiosa, in particolare per la Storia della Diocesi di Cremona pubblicata dall’Editrice La Scuola nel 1998.

Adriana ha fatto, davvero, della sua vita un dono, offrendo il suo tempo, la sua competenza, la sua fedeltà quotidiana (era lei, tante volte, ad aprire e chiudere la sala studio, ogni mattina) a servizio della diocesi.