«Ad occhi aperti», il messaggio del Vescovo per l’Anno oratoriano 2020/21

La Focr presenta il tema e il percorso per l'Anno oratoriano 2020/21 e mette a disposizione i primi materiali per il download
image_pdfimage_print

Sono state pubblicate sul sito della Federazione oratori cremonesi le proposte per l’anno oratoriano 2020/21 che avrà come titolo: Ad occhi aperti. Cielo e terra passeranno, le mie parole non passeranno”.

«Mentre i nostri Oratori riaprono i loro cancelli, passo passo, in base alle norme e alle opportunità, – scrive il Vescovo Antonio Napolioni nel suo messaggio – dobbiamo a tutti i costi far tesoro di quanto abbiamo vissuto, consapevoli che non l’abbiamo solo fatta franca, ma che dentro pagine anche dure c’è una parola da ascoltare, un insegnamento che spetta a noi cogliere:  per essere giovani migliori, educatori migliori, famiglie e comunità migliori. Ecco allora il filo conduttore dei prossimi mesi: ad occhi aperti».

Il percorso pensato per gli oratori in questo tempo diventa – come scrive la Focr nella nota di presentazione «un raccordo fecondo tra la fatica dei mesi scorsi, la ripresa davvero bella e convinta dell’estate Summerlife, un nuovo cammino che ci sta davanti».

Un cammino che si inserisce e si integra con quello di tutta la Chiesa locale che sarà chiamata a mesi di ascolto e rielaborazione delle esperienze traumatiche vissute e di sosta orante di fronte alla Parola di Dio per discernere le sfide e le prospettive di cambiamento che il presente e il futuro propongono con urgenza.

È ancora il Vescovo nel suo messaggio rivolto a preti, educatori e ragazzi degli oratori, ad indicare la rotta:

«Vi affido un invito, valido per ogni età e per ogni ruolo: tenere gli occhi aperti, allo stupore per tanti incontri che torneremo a vivere, e alla verità delle cose e delle persone. Occhi aperti su quanto succede e sul suo senso. Occhi aperti su quanto è essenziale e quanto può essere meno inseguito, meno idolatrato, meno comprato. Occhi aperti sull’umano che il Vangelo da sempre proclama amato da Dio, dentro una storia fatta di provocazioni, fatiche e appelli di vita.
Consegno agli Oratori, agli educatori e ai catechisti anche un metodo: tenere gli occhi aperti e, contemporaneamente, gli orecchi ben tesi alla Parola del Signore che ascolteremo con abbondanza perché ci aiuti a far sintesi, rielaborare le esperienze, orientare i nostri passi»

«Anche il mondo giovanile ed educativo – sottolinea la Focr – andrà coinvolto», con la proposta di alcune specifiche attenzioni che caratterizzeranno questo anno così diverso dal solito e con tanto da scoprire e con cui misurarsi:

• la riorganizzazione e il rilancio della catechesi parrocchiale (leggi la Lettera ai catechisti)

• il rilancio del Cortile dei sogni «non solo perché un processo è stato interrotto “sul più bello”, ma anche perché la situazione richiede oggi più che mai di rimettersi a pensare e condividere l’idea di Oratorio, con scelte coerenti alla logica educativa».

• l’attenzione ad una pastorale digitale che sarà al centro della formazione zonale di gennaio-febbraio proposta dall’Area Giovani e curata in collaborazione con Cremit di Cattolica e Consultori di ispirazione

Queste attenzioni verranno presentate e condivise all’Assemblea Oratori che è in calendario per lunedì 14 settembre dalle ore 18 presso il Seminario di Cremona (programma Assemblea oratori 2020), per cui è necessaria la prenotazione entro il 10 settembre presso la segreteria Focr.


DOWNLOAD

• il messaggio del Vescovo Antonio

• Schema di Veglia di preghiera e mandato (editabile)
formato Word
formato PDF

• Sussidi per fasce d’età (in arrivo)

(Fonte: TeleRadio Cremona Cittanova)

Facebooktwittermail