Beni culturali: don Gaiardi entra nel Comitato CEI per la valutazione dei progetti

L’incaricato diocesano per i Beni Culturali Ecclesiastici e l’Ufficio per l’Edilizia di Culto, don Gianluca Gaiardi è stato chiamato dalla Segreteria generale della CEI a far parte del “Comitato per la valutazione dei progetti di intervento a favore dei beni culturali ecclesiastici e dell’edilizia di culto”.

Don Gaiardi entra dunque a far parte dell’organismo nato nel 2016 dalla unificazione dei comitato dell'”Ufficio Nazionale per i beni culturali ecclesiastici” e del “Servizio Nazionale per l’edilizia di culto” e oggi presieduto dal vescovo di Aosta Franco Lovignana e di cui fanno parte il direttore dell’Ufficio Nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto don Valerio Pennasso e i rappresentanti delle diverse aree geografiche italiane.

Il sacerdote cremonese farà parte della sezione “Beni culturali” del Comitato in qualità di rappresentante dell’area Italia settentrionale

Biografia
Don Gianluca Gaiardi è nato ad Orzinuovi (Brescia) il 21 dicembre 1971 ed è stato ordinato sacerdote il 22 giugno 1996 mentre risiedeva nella comunità di Soncino. È stato vicario a Covo dal 1996 al 2000, quindi a Brignano Gera d’Adda dal 2000 al 2005 e a Vailate dal 2005 al 2009.
Dal 2009 era vicario nella comunità di S. Maria Immacolata e S. Zeno in Cassano d’Adda.

Il 16 giugno 2016 mons. Napolioni lo ha nominato incaricato diocesano per i Beni e le attività culturali; quindi a metà luglio dello stesso anno gli ha anche affidato la guida delle comunità di S. Felice martire e S. Savino Vescovo in Cremona di cui è tuttora parroco.