Ministri della Consoalzione

image_pdfimage_print

SANITA44

Un ministero antico, ma sempre nuovo

La malattia, il dolore, la sofferenza rischiano di chiudere la persona colpita e i suoi familiari in un isolamento dannoso. La comunità cristiana ha sempre avvertito il desiderio e il dovere di tenere e tendere la mano a chi soffre. In questo filone di carità e di giustizia si inserisce l’opera di quei cristiani che a nome della propria comunità e in stretta collaborazione con il loro parroco vogliono svolgere un tale ministero.

Chi sono i ministri della consolazione?

Sono laici – uomini e donne – che dimostrano di possedere il carisma della cura e dell’accompagnamento umano e spirituale dei sofferenti.

Quale servizio svolgono?

  •  Coadiuvare il parroco o i cappellani delle case di riposo nell’accompagnamento dei malati della parrocchia e delle Istituzioni sanitarie e socio-sanitarie.
  • Visitare i malati nei diversi contesti dove essi si trovano, valorizzando la presenza come segno della vicinanza di Dio e della comunità a chi è nella sofferenza, tenendo presente che ognuno dei luoghi che ospitano gli ammalati è guidato da un insieme di valori che influisce sia sui malati e loro familiari che sul personale.
  • Aiutare il malato o l’anziano fragile, nel pieno rispetto della sua visione della vita, a utilizzare le risorse spirituali e religiose per fare fronte positivamente alla malattia, alla disabilità o alla vecchiaia, sino a vedere in esse un’occasione di crescita umana e spirituale e di apostolato.
  • Tradurre lo stare insieme al malato anche con gesti concreti di aiuto (compere varie, disbrigo della corrispondenza, accompagnamento a visite mediche…).
  • Sostenere i familiari dei malati, aiutandoli a superare gli inevitabili momenti di scoraggiamento e di stanchezza.
  • Collaborare all’animazione e al coordinamento della pastorale della salute nella parrocchia e nelle Istituzioni sanitarie e socio-sanitarie, valorizzando le occasioni offerte dalle ricorrenze dell’anno liturgico (Avvento e Quaresima) e dai tempi dedicati all’attenzione degli infermi, come ad esempio la Giornata Mondiale del Malato.

Quali sono i requisiti di chi attua un tale servizio?

Data la finalità del ministero, le persone che vi accedono devono rispondere a dei requisiti che garantiscano un esercizio efficace dell’apostolato a cui intendono dedicarsi. Ne indichiamo alcuni:

– La presenza di motivazioni valide, radicate in valori autenticamente umani e evangelici.

– La consapevolezza di essere depositari di un carisma, confermato da “coloro che presiedono nella Chiesa”.

– L’impegno a tradurre l’adesione all’esercizio del ministero in uno stile di vita e cioè la capacità e la volontà di mettersi al servizio di Dio e dei fratelli.

– La volontà di progredire nel cammino spirituale, sforzandosi, con l’aiuto della grazia, a diventare sempre più conformi a Gesù attingendo alle risorse della Parola di Dio, della preghiera e dei sacramenti.

– La stabilità di prestazione, da definire in base alle proprie possibilità e da mantenere con costanza.

– La comunione con i pastori, che lo Spirito Santo ha posto a reggere la Chiesa di Dio e la volontà di collaborare all’esecuzione del piano pastorale progettato.

La formazione

Ovviamente per un tale servizio non ci si improvvisa, è richiesta una formazione di base che dovrà essere poi continuamente nurita; vi sono contenuti da apprendere e di modi di essere da rendere propri attraverso un processo progressivo di crescita e di abilità necessarie alla pratica di questo apostolato.

L’Uff. propone una decina di incontri condotti da persone preparate e competenti.

– Dolore, sofferenza e malattia in un’ottica cristiana.

– La malattia cambia la vita del malato e della famiglia: aspetti psicologici.

– Stare accanto al malato anziano: carità ed empatia.

– L’accompagnamento spirituale.

– Relazionarsi con il corpo.

– Il dialogo nelle fasi terminali della vita.

– Accogliere per essere accolti; conoscere e condividere il “mondo” della persona con disturbi comportamentali legati al morbo di Alzheimer.

– La persona affetta da demenza e vicinanza alla famiglia.

– Consolare nel lutto.

– Derive culturali sul concetto di vita umana nel periodo del dolore (Cineforum).