HOME PAGE  |   CALENDARIO PASTORALE  |   AREA DOWNLOAD  |   LINK UTILI  |   ORARI MESSE  |   CONTATTI



ANNO PASTORALE 2015
dvd conte
adorazione
AGENDA
     23/10
     ore21.00
Incontro missionario
     24/10
     ore18.00
Presentazione del libro "Laici dopo il Concilio"
     24/10
     ore21.00
Primo Café teologico
     24/10
     ore21.00
Musica e Teologia in Cattedrale
     25/10
     ore09.00
Secondo convegno su Bonomelli
   
Chiesa Cremonese
   Storia della diocesi
   Cronologia dei Vescovi
   Proprio diocesano
Vescovo
   Biografia
   Stemma
   Omelie
   Interventi
   Agenda
   Segreteria
Diocesi
   Curia vescovile
   Organismi consultivi
   Zone Pastorali e Parrocchie
   Santuari
   Istituzioni diocesane
   Aggregazioni ecclesiali
Persone
   Vescovi d'origine cremonese
   Sacerdoti diocesani
   Diaconi diocesani
Vita Consacrata
   Ist. Relig. Maschili
   Ist. Relig. Femminili
 
  Tribunale Ecclesiast.
Regionale Lombardo
  Casa della Comunicazione
  Centro Pastorale Diocesano
  Seminario Vescovile
  Ufficio Catechesi
  Ufficio Pastorale Familiare
  Ufficio Pastorale Scolastica
  Ufficio Pastorale
della Salute
  Ufficio Pastorale
del Turismo
  Ufficio Beni Culturali Ecclesiastici
  Monastero Domenicano
  Monastero
della Visitazione
NEL CENTENARIO DELLA MORTE
Sabato al Museo di Cremona
convegno su mons. Bonomelli
e il rapporto Chiesa-mondo

Secondo convegno sulla figura, le opere e il pensiero di mons. Geremia Bonomelli la mattina di sabato 25 ottobre presso il Museo civico di Cremona. Dopo l’analisi su “Bonomelli educatore”, lo scorso 11 ottobre presso il Seminario vescovile di Cremona, l’attenzione si concentra sul rapporto Chiesa-Mondo nel pensiero del vescovo che resse la Chiesa cremonese dal 1871 sino alla morte, avvenuta il 3 agosto 1914.


ALLE ORE 21.15
Riparte il Café teologico
all'oratorio di Sant'Imerio
Venerdì 24 ottobre
al centro dell'attenzione
i rapporti prematrimoniali

 
Riparte per il terzo anno l’esperienza del Café Teologico, organizzato dal gruppo delle Sentinelle del Mattino. In continuità con le passate edizioni, con appuntamenti mensili, si toccheranno temi diversi, posti dalla cultura e dall’esperienza all’attenzione dei giovani. L’iniziativa si inserisce nello sforzo che anche la diocesi di Cremona sta compiendo rispetto alla proposta di temi cari alla sensibilità giovanile in relazione all’annuncio della fede. Il Cafè teologico si affianca così alla ricca ed articolata proposta che cerca come interlocutori i giovani 20-30enni, soprattutto se non già legati a cammini formativi nei singoli Oratori, ma in cerca di punti di contatto, confronto e ascolto sui temi più significativi della fede e della proposta cristiana.
 


VENERDì 24 OTTOBRE IN DUOMO
Serata di musica e teologia
con Antonella Ruggiero
All'organo Fausto Caporali
Prolusione di mons. Franzini

 
«Musica e teologia in Cattedrale»: questo il titolo dell'importante evento culturale che la sera di venerdì 24 ottobre vedrà protagonista nel massimo tempio cittadino Antonella Ruggiero, ex dei Matia Bazar, che proporrà musica tradizionale sacra. La celebre cantante sarà accompagnata all’organo Mascioni dal maestro Fausto Caporali, organista titolare della Cattedrale. Ad affiancare la parte musicale vi sarà una prolusione teologica su “Io sono il Signore, Dio tuo. Non avrai altro Dio all'infuori di me” da parte di mons. Alberto Franzini, nuovo parroco e canonico della Capitolo. In conclusione di serata è previsto inoltre l’intervento del coro della Cattedrale, diretto dal maestro don Graziano Ghisolfi, e del Quartetto Bazzini, composto da Lino Megni e Daniela Sangalli (violino), Marta Pizio (viola) e Fausto Solci (violoncello).
 


AC E ZONA VII
«Prove di uscita»
Percorso per adulti e giovani
Al via il 26 ottobre
all'oratorio di Vescovato
con don Paolo Arienti

 
Stimolati dall'invito di papa Francesco ad oltrepassare il proprio recinto ecclesiale per andare incontro agli uomini di oggi, l'Azione Cattolica cremonese e la zona pastorale settima promuovono una serie di incontri di formazione per adulti e giovani caratterizzati dal suggestivo ed eloquente slogan: «Prove di uscita». Primo appuntamento sarà domenica 26 ottobre alle 15.30 presso l'oratorio di Vescovato: don Paolo Arienti, docente di teologia e responsabile dell'ufficio di pastorale giovanile, terrà una riflessione dal titolo «Rimanere, andare, gioire: una Chiesa in uscita che evangelizza».
 


CENTRO PASTORALE - ORE 18
Venerdì 24 ottobre
il sindaco Gianluca Galimberti
presenta "Laici dopo il Concilio"
del prof. Massimo Marcocchi

 
Dopo la pausa estiva riprendono gli incontri di presentazione di libri promossi dall'ufficio per le comunicazioni sociali, il portale diocesano e la Libreria Paoline di via Decia a Cremona. Venerdì 24 ottobre, alle 18, al Centro pastorale di via Sant'Antonio del Fuoco il prof. Gianluca Galimberti, sindaco di Cremona ed ex presidente diocesano dell'Azione Cattolica, presenterà il volume "Laici dopo il Concilio" del prof. Massimo Marcocchi. L'incontro sarà moderato da don Claudio Rasoli, direttore del nostro portale.
 


CENTRO PASTORALE
Giovedì 23 ottobre
incontro con don Marco Sozzi
sui risvolti missionari
dell'Evangelii Gaudium

 
Il tema della Giornata missionaria, celebrata domenica 19 ottobre, pone l’accento sulle periferie: quelle planetarie e quelle più vicine a noi. Mettere al centro i più «lontani», non solo geograficamente, significa per le comunità cristiane lasciarsi interpellare sulla qualità del proprio annuncio evangelico e imboccare con decisione una strada che le porta in uscita. Papa Francesco ha offerto molti spunti su questo movimento ecclesiale nella sua Esortazione «Evangelii Gaudium» e proprio nel messaggio per la Giornata missionaria è tornato a parlare di fervore apostolico, di gioia dell’annuncio e di attenzione agli ultimi. Per non leggere con superficialità gli appelli del Santo Padre, il Centro Pastorale diocesano dedica una serata di riflessione e di approfondimento sul tema della Chiesa in uscita. L’appuntamento è per giovedì 23 ottobre (ore 21) con una lettura di Evangelii Gaudium a misura delle comunità cristiane che devono continuare a lavorare per diventare sempre più parrocchie missionarie, dove l’impegno di evangelizzazione va declinato in modalità nuove e coraggiose.
 


DOMENICA 19 OTTOBRE
Il rapporto parrocchia-famiglia
approfondito da don Bonetti
nel convegno interzonale
a San Giovanni in Croce

 
Domenica 19 ottobre 2014 San Giovanni in Croce ha subito la pacifica “invasione” di circa un centinaio di famiglie. Proprio questa parrocchia del Casalasco ha ospitato il convegno annuale di pastorale familiare delle Zone IX, X e XI. Tema “Famiglia e Parrocchia verso il futuro”, un argomento più che mai attuale in questi giorni in cui si è tenuto il Sinodo Straordinario a Roma. Relatore d’eccezione è stato don Renzo Bonetti che ha parlato a un’assemblea attentissima della bellezza e della forza della famiglia
 


LUNEDì 20 OTTOBRE
La scomparsa di mons. Testa
Il dolore dell'Unitalsi:
«Sempre attento agli ammalati»
Le esequie giovedì in Duomo

 
Intorno alle ore 17 di lunedì 20 ottobre è spirato mons. Elio Testa, canonico della Cattedrale e parroco emerito della comunità cittadina della Beata Vergine di Caravaggio. Il sacerdote, molto conosciuto e stimato in città e diocesi, era ricoverato da alcuni giorni presso l'Ospedale di Cremona per l'aggravarsi delle sue condizioni. Gia da alcuni mesi si era trasferito dalla sua residenza abituale - Villa Flaminia in Via Miradori - nella casa di riposo «Giovanni e Luciana Arvedi» per essere meglio curato ed assistito. La camera ardente sarà allestita a partire da martedì 21 ottobre nella chiesa della Beata Vergine. Mercoledì, alle 20.45, si terrà una veglia funebre. Le esequie, presiedute da mons. Dante Lafranconi, si terranno giovedì alle ore 10 in Cattedrale. Mons. Testa sarà tumulato nel civico cimitero di Cremona.
 


INTERVISTA
Nel 1970 don Tonino Bini
fu consacrato da Paolo VI:
«Esser ordinati da un beato?
Richiede un impegno maggiore»

 
Il giorno della beatificazione di Papa Paolo VI è stato molto speciale per don Tonino Bini, sacerdote mantovano classe 1942 (è originario di Cividale) oggi in servizio presso il Santuario di Caravaggio, che proprio da Papa Montini fu ordinato sacerdote il 17 maggio 1970. Un fatto allora inaspettato che oggi assume un valore ancor più particolare. Ne abbiamo parlato proprio con don Tonino.
 


FESTIVAL MERULA
Applausi per Ghielmi e Tomadin
a S. Omobono e Ca' de' Stefani
Nel week-end altri due eventi
con Scandali e Ruggeri

 
Il bello del Festival Organistico Internazionale “Tarquinio Merula” è che gli organisti coinvolti dimostrano di comprendere perfettamente lo spirito della manifestazione, preparando programmi ad hoc cuciti addosso alle caratteristiche del rispettivo strumento e al contesto storico e culturale in cui questo ha visto la luce. E' stato così sia per Lorenzo Ghielmi, impegnato sabato scorso nella chiesa di Sant'Omobono a Cremona, che per Manuele Tomadin, protagonista ieri sera in San Bartolomeo a Ca' de' Stefani.

Archivio:



CONCLUSA LA PRIMA TAPPA
Il Sinodo sulla famiglia
rilancia una Chiesa
che non teme di confrontarsi
con le sfide del mondo d'oggi

 
«Ora abbiamo ancora un anno per maturare, con vero discernimento spirituale, le idee proposte e trovare soluzioni concrete a tante difficoltà e innumerevoli sfide che le famiglie devono affrontare; a dare risposte ai tanti scoraggiamenti che circondano e soffocano le famiglie». Con queste parole il Papa ha concluso il suo intenso e appassionato discorso - l’unico, dopo le parole pronunciate in apertura - al termine del Sinodo straordinario sulla famiglia. Salutato da cinque minuti di applausi, a conclusione di due settimane di lavoro, Francesco ha ricordato ai padri sinodali che c’è ancora un anno - da qui alla celebrazione del Sinodo ordinario sulla famiglia (4-25 ottobre 2015) – per lavorare sulla “Relatio Synodi”, il documento finale di questa prima tappa del percorso sinodale, che è stata votata nel suo complesso dalla maggioranza dei 181 padri sinodali presenti, con qualche astensione.
 


19 OTTOBRE - VIADANA
L'ingresso di don Censori
Il vescovo Dante nell'omelia:
«Servitore della Parola
e della grazia del Signore»

 
«Servitore della Parola e della grazia del Signore», «guida attenta a discernere gli interventi di Dio nella storia», «pastore che insieme alla propria comunità offre un contributo nell'umanizzazione dell'intera società». Sono questi alcuni dei compiti del parroco che mons. Lafranconi ha sottolineato durante il solenne rito di insediamento di don Antonio Censori nelle quattro parrocchie di Viadana: Santa Maria Assunta e San Cristoforo in Castello, San Pietro Apostolo, Santa Maria Annunciata e Santi Martino e Nicola. Il lieto evento per la città in provincia di Mantova, ma diocesi di Cremona, si è svolto nel pomeriggio di domenica 19 ottobre nella chiesa del Castello. Una trentina i sacerdoti concelebranti, tra di essi il vicario zonale ed ex parroco mons. Floriano Danini, i vicari don Piergiorgio Tizzi e don Fabio Sozzi, il nuovo collaboratore parrocchiale don Luigi Parmigiani. Presente anche don Virginio Morselli, parroco emerito di San Pietro, i preti originari di Viadana: don Claudio Rasoli, don Maurizio Lucini, don Matteo Alberti. In prima fila alcune delle autorità cittadine: il capitano dei Carabinieri Antonino Chiofalo, il vicecomandante della polizia municipale Fabio Bruttomesso e il sindaco di Sospiro Paolo Abruzzi. Il canto è stato allietato dalla corale parrocchiale diretta da Marco De Marchi e accompagnata all’organo da Marco Ferrarini.
 

Ascolta l'omelia del Vescovo         Ascolta il saluto di don Censori

Gli altri ingressi:

 


25 OTTOBRE - IN SEMINARIO
Pastorale della salute
Il Vescovo incontra gli operatori
Durante il Vespro l'istituzione
dei ministri della Comunione

 
Il mese di ottobre è segnato da numerosi appuntamenti formativi e spirituali riguardanti la pastorale della salute. Sabato 25 ottobre, alle 15, nella cappella del Seminario, in occasione del conferimento del mandato ai ministri straordinari dell’Eucarestia, il vescovo Dante proporrà una meditazione a tutti gli operatori/volontari di questo delicato settore ecclesiale. «Sarà l’occasione – spiega il responsabile dell’ufficio don Maurizio Lucini - per ricordare l’importante servizio della consolazione che le nostre comunità cristiane sono invitate a realizzare per dare attuazione convincente al comando di Gesù che mandò i suoi discepoli “ad annunciare il regno di Dio e a guarire gli infermi”».
 


18 OTTOBRE - CATTEDRALE
Veglia missionaria in Duomo
Letto un drammatico messaggio
di padre Vittorio Bongiovanni:
«Nonostante il virus dell'Ebola
non abbandoniamo la gente»

 
C’è una missione da compiere in terre lontane, in quelle periferie del mondo che nessuno vuole frequentare e c’è una missione da svolgere nelle strade della propria vita quotidiana, fra quelle «periferie esistenziali» che conducono l’uomo alla marginalità e alla disperazione. Si è giocato su questi due aspetti la veglia di preghiera in preparazione alla Giornata missionaria mondiale che il vescovo Lafranconi ha presieduto sabato 18 ottobre in Cattedrale. Oltre al presule ha preso la parola, per una testimonianza, padre Matteo Rebecchi, da 15 anni in Indonesia. Fino al 2006 il suo impegno pastorale è stato nelle isole Mentawai, a Sumatra Occidentale; quindi il trasferimento a Jakarta, dove ora è impegnato in una casa di formazione per i saveriani indonesiani e nel dialogo interreligioso. Drammatica la testimonianza di padre Vittorio Bongiovanni – letta dalla cognata -: il religioso bozzolese insieme a padre Brioni e altri 29 confratelli saveriani si trova in Sierra Leone dove si sta espandendo in maniera preoccupante il virus dell’Ebola. La veglia è stata animata con il canto dalle corali di Cingia de' Botti e Motta Baluffi dirette da Filippo Marsella e accompagnate all'organo da Pier Paolo Vigolini.

Photogallery della serata

Audio:

 


CONVEGNO SCHOLAE CANTORUM
«Un canto di lode che nasce
dal silenzio di contemplazione»
L'invito del Vescovo ai cantori
con il grazie per il loro servizio

 
«Tanto quanto amate il canto amate anche il silenzio». È un vera e propria richiesta quella che il vescovo Lafranconi ha rivolto ai cantori riuniti nel pomeriggio di sabato 18 ottobre nella chiesa di San Sigismondo per l’annuale convegno diocesano delle scholae cantorum. «Silenzio» che per il Presule significa canti sommessi in determinati momenti della celebrazione, per una vera sintonia con la liturgia; ma anche silenzio di preghiera. «Vi prego, vi supplico – ha detto il Vescovo - aiutateci a pregare bene!». Ad aprire il pomeriggio la relazione di mons. Giuseppe Liberto, direttore emerito della Cappella Musicale Pontificia “Sistina”. Al termine del canto dei Primi Vespri presieduti dal Vescovo a tutti i partecipanti è stato offerto il libretto della “Messa breve per assemblea, coro e organo” composta dal cremonese Federico Mantovani.

Relazione di mons. Liberto            Omelia del vescovo Lafranconi

Photogallery

 


18 OTTOBRE - CARAVAGGIO
Inaugurata dal Vescovo Dante
la nuova sede del 'Conventino':
«Sempre più stretta l'alleanza
tra la scuola e le famiglie»

 
Nella mattinata di sabato 18 ottobre si è svolta  la cerimonia di inaugurazione della nuova sede della scuola primaria cattolica «il Conventino», che, si è trasferita nello stesso plesso della scuola media paritaria «La Sorgente» in via Guzzasete a Caravaggio. Molte le autorità civili e religiosi che hanno voluto rendere omaggio all’importante ruolo educativo che queste istituzioni svolgono da molti anni sul territorio. L’incontro si è aperto con un breve e simpatico spettacolo offerto dai piccoli scolari, che indossando un paio di guanti bianchi, hanno allietato i presenti con un’allegra canzone. Dopo una breve presentazione delle due realtà formative, da parte della preside prof. Genny Scaperrotta, la parola è passata alle autorità presenti: suor Anna Monia Alfieri, presidente regionale FIDAE (Federazione Istituti Di Attività Educativa); mons. Angelo Lanzeni arciprete parroco di Caravaggio e presidente della cooperativa “don Leone Leoni” che gestisce le due scuole; Riccardo Formento, presidente della Fondazione “don Pidrì e don Pierino”; il dottor Achille Ferri in rappresentanza della dirigenza BCC di Caravaggio”;  Giuseppe Prevedini, sindaco di Caravaggio e il vescovo Lafranconi.

Photogallery dell'inaugurazione

Ascolta l'intervento del Vescovo Dante

La presentazione dell'inaugurazione e delle scuole

 


17 OTTOBRE - CARITAS CREMONESE
Una serata di condivisione
alla Casa dell'Accoglienza
per far sì che la povertà
«torni a fare notizia»

 
La Giornata mondiale per la lotta alla povertà sembra un’ovvietà, qualcosa che in tempo di crisi non meriti attenzione: il focus rischia sempre di spostarsi solo sui fatti di cronaca o di politica italiana. La povertà infatti, come accade anche per altri fenomeni  costantemente presenti nel tessuto sociale, rischia di non fare notizia. Tutti invece conosciamo le grandi difficoltà che molte famiglie stanno affrontando, in tutto il mondo, in alcuni casi peggiorando ulteriormente le condizioni già precarie di una vita fatta di stenti.
 
 


ROMA
Trascrizione di matrimoni
tra persone dello stesso sesso
Ufficio comunicazioni CEI:
«Equivalenza non accettabile»

 
«La notizia della trascrizione oggi, in Campidoglio, di matrimoni tra persone dello stesso sesso, avvenuti all’estero, sorprende perché oltre a non essere in linea con il nostro sistema giuridico, suggerisce una equivalenza tra il matrimonio e altre forme che ad esso vengono impropriamente collegate. Una tale arbitraria presunzione, messa in scena proprio a Roma in questi giorni, non è accettabile». È quanto puntualizza l’Ufficio nazionale per le comunicazioni sociali della Cei in una nota diffusa sabato 18 ottobre. «L’augurio - si legge nel testo - è che il rispetto delle persone individuali sia sempre salvaguardato nelle loro legittime attese e nei loro bisogni, senza mai prevaricare il dato della famiglia. La sua originalità non può essere diluita, se ci sta veramente a cuore il ‘bene comune’ che è la differenza, dei generi e delle generazioni. In una parola, se ci preme la famiglia».
 


17 OTTOBRE - TEATRO MONTEVERDI
Il Vescovo Dante in visita
alla mostra sul gioco d'azzardo:
«Cristiani più impegnati
nella prevenzione educativa»

 
Grande soddisfazione è stata espressa venerdì 17 ottobre dal Vescovo Lafranconi dopo la visita alla mostra interattiva dedicata alle ludopatie promossa dall'ASL cremonese presso il Teatro Monteverdi di via Dante. Il presule, accompagnato da don Antonio Pezzetti, direttore di Caritas cremonese, è stata accolto dal direttore generale dell'ASL Gilberto Compagnoni, da quello sanitario dottor Raffaello Stradoni, da quello amministrativo dottor Giuseppe Albini e dalla direttrice dell'ASL sociale Paola Mosa. Presente anche Giuseppe Ungari del Ser.D., don Giuseppe Salomoni presidente della cooperativa "La Zolla" che gestisce il personale e il prof. Battistini del Politecnico che si è occupato della formazione "matematica" delle guide. «Questa mostra - ha commentato il presule - ha un alto valore educativo perchè permette di capire che l'azzardo è un'illusione che estranea da se stessi e dagli altri. La comunità cristiana deve giocare un ruolo importante sia dal punto di vista educativo sia come stimolo agli amministratori perchè facciano leggi che pongano limiti sempre più ferrei a questa piaga».
 

Il Vescovo Lafranconi con le giovani guide della mostra

 


CARITAS CREMONESE
A fronte della crisi 860mila euro
messi a disposizione in diocesi
Il "Sostegno a vicinanza"
raccontato nel report lombardo

 
Anni di forte crisi economica, ma anche di grande generosità. Il dato emerge dal volume “Crisi economica e Caritas Lombarde: progetti, storie e interventi” presentato giovedì 16 ottobre presso la Curia ambrosiana. A livello regionale nei quattro anni della crisi le Caritas hanno messo a disposizione oltre 30 milioni di euro per quanti hanno perso il lavoro, sperimentando anche nuove forme di aiuto: inserimenti lavorativi, microcredito, una rete più capillare di centri di ascolto. Diocesi per diocesi tutto è stato riepilogato nella pubblicazione presentata a Milano e che presenta anche la situazione cremonese, dove la Caritas diocesana ha messo a disposizione più di 860mila euro.
 


ANNI 2012 E 2013
Relazione sugli aborti
del Ministero della Salute
I dati smentiscono l'emergenza
legata all'obiezione di coscienza

 
Il ministero della Salute ha inviato al Parlamento la relazione annuale sull’attuazione della legge contenente norme per la tutela sociale della maternità e per l’interruzione volontaria di gravidanza (legge 194 del 1978), in cui sono presentati i dati definitivi relativi al 2012 e quelli preliminari per il 2013.
 


PROPOSTA DIOCESANA
«Quando vedo te»
Il percorso dei giovani
dell'Azione Cattolica
Primo incontro il 26 ottobre
a Sant'Agata-Sant'Ilario

 
«Quando vedo te». Questo il titolo del percorso che anche quest’anno l’Azione Cattolica vuole proporre ai giovani di tutta la Diocesi. Visto l’interesse di chi ha partecipato gli anni precedenti, si è pronti a partire con un percorso formativo coraggioso per offrire un momento di crescita, non solo personale, ma comunitaria, anche perché questa modalità acquista valore aggiunto per ogni persona che sceglie di mettersi in gioco e partecipare.
 


AC ZONA DIECI
Tre incontri sulla donna
in ambito biblico e teologico
Primo incontro il 17 ottobre
con la prof. Paola Bignardi

 
Tre serata, nella zona pastorale decima, promosse dall'Azione Cattolica, per approfondire l'identità femminile sia in ambito biblico sia teologico. «La si chiamerà donna» il tema di fondo del percorso che ha avuto inizio venerdì 17 ottobre, alle 21, all'oratorio di Spineda con la prof. Paola Bignardi, ex presidente nazionale di Azione Cattolica, che ha trattato il tema: «Il carisma femminile nella Chiesa». Giovedì 6 novembre, all'oratorio di Bozzolo, sarà la volta della prof. Ilaria Vellani, docente di filosofia presso la facolta teologica dell'Emilia Romagna, che approfondirà: «Il pensiero femminile oggi». Infine venerdì 24 novembre, alle 21, all'oratorio di Spineda, la biblista prof. Antonella Anghinoni terrà una conferenza dal titolo: «La donna nella Scritutta: ritratto biblico».
 


23 OTTOBRE
«È ancora possibile educare?»
Un incontro nell'auditorium Avis
con don Vincent Nagle
della fraternità S. Carlo

 
«È ancora possibile educare oggi? Certamente, ma come?». Una domanda drammatica, ma affascinante alla quale l’Associazione Genitori della Sacra Famiglia e il Centro culturale S. Omobono cercheranno di rispondere con esempi concreti insieme a don Vincent Nagle, missionario della fraternità sacerdotale S. Carlo. L’appuntamento è per giovedì 23 ottobre, alle ore 21, presso l’auditorium dell’Avis in via Massarotti 65.
 


15 OTTOBRE
On line il secondo incontro
di don Bruno Bignami
su don Primo Mazzolari
Focus sugli anni bozzolesi

 
La Fondazione Mazzolari sta proponendo un ciclo di tre incontri per conoscere e approfondire la figura del famoso parroco di Bozzolo da parte di guide turistiche, volontari della Fondazione stessa, studiosi e appassionati di questa figura di prete cremonese. Tutte le relazioni sono tenute dal presidente don Bruno Bignami presso la sala polivalente di via Matteotti 5 di Bozzolo.

Ascolta il primo incontro dell'8 ottobre

Ascolta il secondo incontro del 15 ottobre

 


CAMPANE DEL TORRAZZO
Precisazione di don Bonazzi:
«Nessun allarmismo
Ridotta la durata del suono
per motivi precauzionali»

 
Pubblichiamo una nota di mons. Achille Bonazzi, responsabile dell'ufficio diocesano per i beni culturali, a proposito del suono delle campane del Torrazzo.

In rapporto a un articolo apparso lunedì scorso sulla stampa locale, ritengo doveroso, soprattutto nei confronti della cittadinanza - poiché il simbolo della nostra città interessa tutta la cittadinanza -, chiarire alcuni aspetti, a fronte di insinuazioni infondate create esclusivamente per suscitare timori. Anzitutto - nonostante apparisse in fondo all’articolo il mio nome - le notizie riportate non provengono dal sottoscritto: è stato dato credito a informazioni fornite da altri, facilmente identificabile, che non ha partecipato né ai lavori realizzati a partire dall’anno 2000 né all’attuale monitoraggio. Pertanto va affermato che il ritmo attuale del suono delle campane del Torrazzo non ha subito modifiche in quest’ultimo periodo, ma è rimasto invariato da almeno trent’anni. Se qualcuno ha nostalgia del passato per sentirne l’armonia mentre opera nei pressi, si scontra con altri che invece lo ritengono fastidioso e ne vorrebbe il silenzio.

 


SIERRA LEONE - EBOLA
Primi decessi nel distretto
dei saveriani cremonesi
Padre Vittorio Bongiovanni:
«Coi musulmani preghiamo
perchè finisca questo flagello»

 
L’Ebola ha colpito anche nel distretto di Koinadugu, in Sierra Leone, dove opera il missionario saveriano padre Vittorio Bongiovanni, originario di Bozzolo. La notizia è di poche ore fa: martedì 14 ottobre registrati i primi due decessi. «Abbiamo l’Ebola in casa – conferma padre Bongiovanni –. La notizia si è sparsa rapidamente. Mi ha fermato Pa’ Alie: “Padre qui bisogna aumentare il nostro pregare”. Ed io gli ho aggiunto: “Bisogna aumentare anche la nostra prudenza...”  Non avrei mai immaginato che una malattia, l’Ebola, potesse distruggere la vita quotidiana di moltissime persone».
 


15 OTTOBRE - PALAZZO CITTANOVA
La denuncia di Mario Adinolfi:
«C'è una deriva culturale
che tende a ridurre
la persona a semplice merce»

 
Palazzo Cittanova affollato, nella serata di mercoledì 15 ottobre, per l'incontro con Mario Adinolfi, ex parlamentare del Partito Democratico, blogger di successo e fondatore di «Voglio la mamma», circoli sparsi in tutto Italia che mirano a contrastare, con le armi del confronto e della testimonianza, i matrimoni e le adozioni omosessuali, il triste fenomeno dell'utero in affitto, l'aborto e l'eutanasia. Adinolfi, ospite del circolo "Voglio la mamma" di Cremona-Mantova, del Centro culturale Sant'Omobono, del Movimento per la Vita e dell'ufficio diocesano di pastorale familiare, è stato introdotto dal giornalista cremonese Cristiano Guarneri che ha evidenziato la necessità di una battaglia culturale per aiutare le persone a riscoprire il vero senso della vita e della dignità dell'uomo.
 
Audio:
 
 


EMERGENZA MALTEMPO
Raccolta fondi promossa
da Caritas Cremonese
per le popolazioni alluvionate

 
Anche Caritas Cremonese mobilitata a seguito delle alluvioni che hanno colpito il Nord Italia: aperta una sottoscrizione per aiutare le popolazioni colpite dal maltempo e per le quali Caritas Italiana ha già messo a disposizione deumidificatori e pompe di calore. Azioni che si sono affiancate a quelle delle Caritas locali che da subito hanno assicurato beni di prima necessità oltre a volontari per collaborare a spalare il fango.
 


MARTEDì 14 OTTOBRE
L'incontro del vescovo coi fedeli
di Pescarolo e Pieve Terzagni
Le due comunità entrano
nell'unità pastorale di Vescovato

 
Dopo la partenza di don Francesco Castellini, le due comunità parrocchiali di Sant'Andrea Apostolo in Pescarolo e San Giovanni Decollato in Pieve Terzagni entreranno a far parte dell'unità pastorale che già comprende Vescovato, Ca' de Stefani, Binanuova e Gabbioneta. L'annuncio ufficiale è stato dato dal vescovo Dante durante un affollato incontro nella chiesa del Lazzaretto a Pescarolo, tenuto la sera di martedì 14 ottobre. Il presule, accompagnato dal delegato per la pastorale don Irvano Maglia e dal vicario della zona settima don Claudio Rubagotti, era attorniato dai sacerdoti che compongono l'èquipe presbiterale della nuova grande unità pastorale e che fanno vita in comune nella casa parrocchiale di Vescovato: il moderatore mons. Attilio Arcagni, i parroci in solido don Paolo Maria Tomasi e don Paolo Arienti, il vicario don Marco Bosio e il collaboratore don Bernardino Orlandelli. Prima dell'intervento chiarificatore di mons. Lafranconi ha preso la parola Enea Casali, rappresentante delle due piccole comunità, per illustrare la situazione pastorale.
 
 


ZONE 1 E 2
Lunedì 20 ottobre
al santuario di Caravaggio
parte il percorso biblico
condotto da don Compiani
sul libro dell'Apocalisse

 
Prenderà il via lunedì 20 ottobre a Caravaggio il corso di familiarizzazione con la Sacra Scrittura promosso dalle Commissioni catechesi delle zone pastorali prima e seconda. Il percorso, che si articolerà tra ottobre e novembre con quattro incontro comuni e due nelle interzone, è rivolto in particolare a catechisti e operatori pastorali, giovani e adulti. Relatore il biblista cremonese don Maurizio Compiani, che a fine maggio guiderà il pellegrinaggio in Terra Santa proposto proprio ai partecipanti del corso.
 


12 OTTOBRE - MIRABELLO
Folla alla conclusione
dell'Anno Mirabellese
col rettore della basilica
di S. Antonio di Padova

 
Un ampio squarcio di sole, dopo giornate uggiose e grigie, ha ridato i caldi colori dell’autunno per contornare la festa di una comunità piccola, per numero di abitanti, ma dove si può ancora assaporare un supplemento di calore umano e di entusiasmo per una celebrazione sentita, preparata da un anno giubilare e sfociata in un abbraccio semplice e onesto al proprio patrono: S. Antonio di Padova.  E così Mirabello Ciria, domenica 12 ottobre, ha celebrato i primi 150 anni dell’istituzione della sua Parrocchia. Era una domenica di ottobre del 1864 quando è iniziato ufficialmente il cammino di una comunità assurta a rango di parrocchia, arricchita subito, ai primi di novembre, dal battesimo di una bambina, come ha ricordato all’inizio della processione il parroco don Antonio Bandirali: da quel momento è cominciata la storia ordinaria e ricca di una piccola realtà ecclesiale nella quale si è misurato il dono dell’annuncio del Vangelo, la celebrazione dell’Eucarestia, il contorno di vicende umane gioiose e tristi, la testimonianza di vite laboriose e semplici, ma ricche di pietà in grado di trasmettere per generazioni la fede.
 

L’apertura dell’Anno Mirabellese con il vescovo Dante



11 OTTOBRE - SEMINARIO
Il convegno «Io amo la scuola»
Silvano Petrosino:
«Educare significa aiutare
ad allargare gli orizzonti»

 
«Per molti insegnanti, entrare in classe ogni mattina per aiutare ogni ragazzo a crescere è più uno scopo di vita che una professione. È per questo che guardo con estremo interesse le tematiche affrontate oggi, così interessanti quanto fondamentali per ognuno di noi». È con un sincero augurio di buon lavoro che il Provveditore agli Studi di Cremona Francesca Bianchessi ha aperto sabato 11 ottobre nel Seminario di via Milano il convegno «Io amo la scuola» dedicato ad insegnanti ed educatori promosso dagli uffici diocesani per la pastorale giovanile, familiare e scolastica.

Photogallery del convegno

Contributi audio (mp3):

 


LA STORIA DI SUOR AUGUSTA
Una religiosa cremonese
nelle favelas di San Paolo
per annunciare il Vangelo
e difendere l'uomo

 
Domenica 19 ottobre si celebra la Giornata missionaria mondiale, occasione preziosa per ricordare la dimensione universale della Chiesa e la necessità continua di annunciare il Vangelo fino agli estremi confini della terra. La diocesi di Cremona, negli anni passati, ha donato centinaia di missionari: due di essi sono anche martiri, mons. Antonio Barosi di Solarolo Rainerio e padre Mario Zanardi di Soncino. Appartenenti al Pontificio Istituto Missioni Estere, i due religiosi furono trucidati in Cina il 19 novembre 1941. Attualmente i missionari religiosi cremonesi sparsi nel mondo – senza contare i consacrati secolari e i laici – sono 108, di questi 44 sono uomini e 64 donne. Gli ordini religiosi più rappresentanti sono i saveriani e i Comboniani, le Canossiane e le Adoratrici del Santissimo Sacramento. Suor Augusta Culpo fa parte, invece, delle Figlie di Maria Missionarie, fondate da don Giacinto Bianchi, originario di Villa Pasquali.
 


EMERGENZA PROFUGHI
Protocollo d'intensa
con Caritas cremonese
ed enti del territorio
Realizzata una sinergia
per ottimizzare l'accoglienza

 
La Casa dell’Accoglienza di Cremona punto di riferimento per l’emergenza profughi a livello provinciale. Almeno per quanto riguarda la fase di prima accoglienza. È quanto prevede il protocollo d’intesa siglato da Prefettura, Provincia, i Comuni di Cremona, Crema e Casalmaggiore, Asl e Caritas Cremonese. Fissata a due mesi la permanenza nella struttura di viale Trento e Trieste, che sarà luogo deputato ad accogliere tutti gli arrivi. Poi i profughi saranno smistati in altre strutture, gestite dai Comuni, direttamente o attraverso associazioni ed enti.
 


ZONA VI E AC
Da giovedì 9 ottobre
nella chiesa di S. Ambrogio
torna la "Scuola della Parola"
Si userà il metodo ignaziano

 
Prenderà il via la sera di giovedì 9 ottobre, alle 21, nella chiesa di S. Ambrogio, a Cremona, la nuova edizione della Scuola della Parola promossa dalla Zona pastorale VI in sinergia con l’Azione Cattolica. Una proposta profondamente rinnovata.
 


11 E 22 OTTOBRE
On-line i testi liturgici
per le memorie facoltative
di san Giovanni XXIII
e san Giovanni Paolo II

 
Sabato 11 ottobre sarà la memoria liturgica di san Giovanni XXIII, mercoledì 22 quella di san Giovanni Paolo II. Si tratta di memorie facoltative che non sono state collocate nel “dies natalis” dei due Papi (rispettivamente il 3 giugno 1963 e il 2 aprile 2005), ma in due particolari anniversari. Per il Papa Buono nel giorno dell’apertura del Concilio ecumenico Vaticano II (11 ottobre 1962); per il Pontefice polacco, invece, nel giorno d’inizio del suo pontificato (22 ottobre 1978). On-line i testi per la Messa e la Liturgia delle Ore.

Testi in doc        Testi in pdf

 


SABATO 11 OTTOBRE
La professione solenne
di suor Maria Paola di Gesù
originaria di Annicco
tra le benedettine di Gallarate

 
Sabato 11 ottobre pronuncerà il suo «sì, per sempre» consacrando la propria vita al Signore tra le  monache benedettine dell'adorazione perpetua del Santissimo Sacramento. La professione solenne di suor Maria Paola di Gesù, al secolo Silvia Gavardini, classe 1983, avrà luogo presso il monastero di San Francesco, a Gallarate, dove vive ormai da 7 anni, una volta lasciata la sua Annicco. A presiedere la solenne eucaristia (ore 15) sarà il cremonese mons. Cesare Burgazzi, da anni impegnato presso la Sezione Affari generali della Segreteria di Stato vaticana e cerimoniere della Basilica di S. Pietro. Nell’imminenza della Professione abbiamo posto a suor Maria Paola di Gesù alcune domande.
 


ZONA PASTORALE III
Al via la Scuola di preghiera
per giovani 18/30enni
e la Scuola della Parola
promossa dall'Azione Cattolica

 
Due cammini di spiritualità al via con il mese di ottobre nella zona pastorale terza. Venerdì 10 ottobre all’oratorio Sirino di Soresina prenderà avvio la “Scuola di preghiera” per 18/30enni; martedì 14 la proposta itinerante di lectio divina per giovani e adulti con la “Scuola della Parola” promossa dall'Azione Cattolica.

Locandina della Scuola di preghiera      Locandina della Scuola della Parola

 


5 OTTOBRE - PIAZZA SAN PIETRO
Gli studenti del liceo Vida
a Roma per aiutare il Papa
a distribuire le Bibbie
Il bilancio di don D'Agostino:
«Bella esperienza di Chiesa»

 
Sabato 4, domenica 5 e lunedì 6 ottobre, con un gruppo di 45 studenti del Liceo Vida, la preside, Roberta Balzarini e la segretaria della scuola, Anna Gozzoli, aiutato dai 4 seminaristi di propedeutica di Cremona (Alberto, Andrea, Claudio e Francesco) sono stato a Roma, in occasione dell’apertura del Sinodo della famiglia e in particolare abbiamo “aiutato” Papa Francesco a distribuire la Bibbia (Edizione San Paolo per il centenario della famiglia paolina) in Piazza San Pietro. A margine di questa esperienza mi sento di condividere tre riflessioni.
 


NEL RICORDO DI BONOMELLI
Migliaia di migranti a Cremona
per il pellegrinaggio regionale
Il Vescovo: «La solidarietà
seme di pace e fraternità»

 
Un arcobaleno di colori con un’armonia di lingue e tradizioni, segno visibile di quello «unico popolo, fatto di tutti i popoli della terra, di cui Dio si prende cura». Si può riassumere così il pellegrinaggio dei migranti lombardi che domenica 5 ottobre si è svolto a Cremona. In tarda mattinata un momento di preghiera e riflessione nel parco del Vecchio Passeggio, poi la Messa in Cattedrale presieduta del Vescovo che ha ricordato le vittime delle migrazioni, con un invito alla solidarietà, per poter gettare «semi di pace, concordia, comunione e fraternità per tutti gli uomini». “Chiesa senza frontiere madre di tutti” lo slogan della giornata, incentrata sulla figura del vescovo Geremia Bonomelli nel centenario della morte.

Contributi audio (mp3):

Photogallery:

 


27 SETTEMBRE IN CATTEDRALE
Don Bertoni ordinato diacono
Il Vescovo Dante nell'omelia:
«Come Cristo sarai per sempre
servo umile e obbediente»

 
Servizio generoso al popolo cristiano e obbedienza piena alla volontà di Dio e al proprio Vescovo, celibato come segno di una consegna definitiva al Signore e umiltà come filo conduttore del proprio ministero nella Chiesa. Sono queste le caratteristiche del diacono che mons. Dante Lafranconi ha rimarcato durante la solenne ordinazione di don Alessandro Bertoni, classe 1977, originario di Roggione di Pizzighettone. La liturgia, concelebrata da una cinquantina di sacerdoti, si è svolta sabato 27 settembre in una Cattedrale gremita di fedeli, provenienti soprattutto dalla comunità di origine di don Alessandro, ma anche da quelle dove ha svolto il proprio servizio pastorale durante gli anni di formazione. Presenti anche alcuni fedeli di Vicomoscano, Casalbellotto, Fossa Caprara e Quattrocase: le quattro parrocchie dove don Bertoni eserciterà il proprio servizio diaconale fino al 13 giugno quando sarà ordinato sacerdote. I canti sono stati proposti dal Coro della Cattedrale insieme alla Schora cantorum di Roggione diretti dal maestro don Graziano Ghisolfi e accompagnati all’organo dal maestro Fausto Caporali.

Omelia del Vescovo Lafranconi (mp3)

Photogallery:

 


26 SETTEMBRE
L'intervento di Savino Pezzotta:
«Impegnati nella società
non per desiderio di potere
ma per esercitare la carità»

 
«In questa nuova fase della vita sociale e politica la presenza dei cattolici è dettata dal fatto di voler difendere e promuovere quelli che sono i valori fondamentali dell'uomo, ma anche dal desiderio intimo di esercitare la virtù della carità. La nostra presenza nell'agone pubblico, infatti, non è guidata dalla volontà di esercitare il potere, ma di vivere la carità verso l'Italia, l'Europa, le altre persone, soprattutto se più povere». Savino Pezzotta, già segretario generale della CISL e parlamentare, ha attinto dal Vangelo e dal magistero della Chiesa numerosi spunti per il suo intervento sul rapporto tra i cattolici e la politica in apertura del quarto corso di formazione all'impegno sociale e politico promosso da diocesi e Università Cattolica. L'incontro, moderato da Sante Mussetola, responsabile della pastorale sociale diocesana, si è tenuto venerdì 26 settembre al Centro Pastorale diocesano.
 
 
 


CREMONA
Il Rifugio Cuor di Gesù
apre le porte al doposcuola
nel ricordo di madre Chiara
recentemente scomparsa

 
Sulla spinta del buon esito del progetto realizzato lo scorso anno, la Caritas diocesana ha messo in calendario una nuova iniziativa di accompagnamento scolastico per i bambini accolti nelle strutture della Cooperativa Servizi per l’Accoglienza e della Comunità Santa Rosa di via Bonomelli. Proprio negli ambienti di quest'ultima realtà, grazie alla disponibilità offerta dalle suore dell’Istituto Rifugio Cuor di Gesù, si terrà il doposcuola, affiancato, il lunedì pomeriggio, da un corso di minibasket (in foto). Con questo progetto si intende ricordare la figura e l'impegno a favore dei più deboli dell'indimenticata madre Chiara Grechi.
 


ASS. FAMIGLIA BUONA NOVELLA
Anche a Cremona una scuola
di «Counselling Professionale»
Presentazione ufficiale
il 4 ottobre a Cascina Moreni

 
Il prossimo gennaio prenderà il via a Cremona una nuova proposta formativa, rivolta a quanti operano nel campo delle relazioni sociali (insegnanti, educatori, operatori sociali e sanitari). Si tratta della «Scuola di Counselling Professionale Sintema», un’esperienza nata a Bergamo 8 anni fa e che approda in diocesi grazie all’Associazione «Famiglia Buona Novella». Per far conoscere meglio questa singolare iniziativa, la mattina di sabato 4 ottobre, si terrà un «open day» presso Cascina Fabio Moreni, in via Pennelli 5 a Cremona.
 
Le iscrizioni sono aperte fino al 30 novembre 2014.  Per richiedere telefonare al numero 338 6276786, o scrivere all'indirizzo info@famigliabuonanovella.it. Informazioni dettagliate si possono su www.sintema.it.


ROMANENGO
Molto partecipata la Sagra
conclusa domenica
dal Vicario generale
con la processione per il paese
animata da sette quadri viventi

 
Una grande folla di fedeli ha preso parte agli appuntamenti della Sagra di Romanengo, svoltasi nei giorni scorsi. Culmine delle celebrazioni la solenne Messa di domenica 5 ottobre presieduta dal vicario generale e a cui ha fatto seguito la processione animata dai sette quadri viventi ispirati alla vita della Madonna.

Photogallery della Sagra

 


23 SETTEMBRE - ACLI
«La povertà non è inevitabile
basta cambiare stile di vita»
La relazione di don Bignami
al primo incontro sui temi Expo

 
«La denutrizione e in più in generale la povertà del mondo non sono un fenomeno inevitabile, conseguenza di una una limitazione oggettiva di risorse a fronte di una popolazione sempre più in aumento, ma è il prodotto di un sistema economico e alimentare in cui ognuno gioca la propria parte, soprattutto quando fa la spesa». Don Bruno Bignami, docente di teologia morale, con la sua solita chiarezza e profondità ha tenuto martedì 23 settembre, nella sede provinciale delle ACLI di Cremona - di cui è assistente - una relazione sul tema “Nutrire il pianeta senza ‘mangiarsi’ il fratello”. L'incontro, partecipato da una cinquantina di persone, ha dato il via a un percorso - «Nutrire il pianeta è nutrire la pace» - promosso dalle ACLI, dalla Caritas e da diverse altre associazioni del terzo settore, sia del Cremonese sia del Casalasco, sui temi legati all'Expo 2015.

Ascolta l'introduzione di Carla Bellani

Ascolta la relazione di don Bruno Bignami

Il percorso tra settembe e febbraio sui temi di Expo 2015

 


CARITAS CREMONESE
Alcune case parrocchiali
aperte all'accoglienza
dei profughi del Nord Africa
Chiesa sempre in prima linea

 
Rimane critica in Italia la situazioni dei profughi del Nord Africa: il flusso dei migranti sbarcati sulle nostre italiane è praticamente giornaliero. Per questo la macchina organizzativa del Viminale, attraverso le Prefetture, rinnova l’appello per l’accoglienza. In prima linea la Chiesa Cremonese che già da tempo ha offerto ospitalità ai rifugiati presso la Casa dell’Accoglienza di Cremona. Ma i posti non sono ormai più sufficienti e, grazie anche a una sempre maggiore sensibilizzazione delle comunità, diverse parrocchie hanno aperto le proprie porte. Ecco dove.
 


SABATO 4 OTTOBRE
La veglia in Sant'Abbondio
per il Sinodo dei Vescovi
Mons. Lafranconi nell'omelia:
«I cristiani testimonino
la bellezza della famiglia»

 
«Siamo qui per pregare perchè sentiamo che la Chiesa ha bisogno della forza dello Spirito Santo per poter comprendere quali siano i mezzi pastorali più adeguati per andare incontro alle famiglie che, oggi più che mai, vivono un momento di grande crisi». Questo l'esordio dell'omelia del vescovo Lafranconi durante la veglia di preghiera per il Sinodo dei vescovi che si apre in Vaticano il 5 ottobre e che sarà dedicato a “Le sfide pastorali della famiglia nel contesto dell’evangelizzazione”. L'intenso momento di preghiera si è svolto nella serata di sabato 4 ottobre nella chiesa cittadina di Sant'Abbondio che ospita il Santuario della Santa Casa di Loreto. E proprio i santuari dove è conservata la memoria della Santa Famiglia di Nazareth sono stati scelti da Papa Francesco come luoghi di preghiera particolare per tutta la durata del Sinodo: i fedeli che in essi si recheranno pellegrini potranno lucrare anche l'indulgenza plenaria per se stessi o per i propri defunti. Per l'occasione il parroco don Andrea Foglia ha collocato proprio dinanzi al santuario lauretano una magnifica Sacra Famiglia scolpita dal grande artista cremonese Giacomo Bertasi, un'opera preziosissima solitamente custodita nel Museo parrocchiale. Dinanzi a questo simulacro in legno il vescovo ha recitato la preghiera per il Sinodo composta dal Pontefice e ha accesso una lampada che arderà per tutto il tempo dell'assise. L'invito ai fedeli è di accendere un cero sul davanzale della propria casa come segno di comunione con il Santo Padre e con la Chiesa intera, ma anche come richiamo per i passanti: la famiglia è un bene prezioso non solo per i cristiani, ma per tutta l'umanità. Nei prossimi giorni le parrocchie della città di Cremona, a turno, si recheranno in visita al Santuario della Santa Casa.
 

Guarda la photogallery

 


4 OTTOBRE - CREMONA
Celebrata dal vescovo Dante
la festa di S. Francesco d'Assisi
Una preghiera speciale
per il Sinodo dei Vescovi

 
È ormai un appuntamento fisso quello di mons. Lafranconi nella chiesa dei frati di via Brescia per la festa di San Francesco d'Assisi, patrono d'Italia (4 ottobre). Un appuntamento ancora più sentito perchè molti dei religiosi presenti sono appena giunti in città, come il guardiano fra Damiano Ferrario che all'inizio dell'Eucaristia ha ringraziato il Vescovo: «La sua presenza - ha esordito - dice un aspetto fondementale nella vita di Francesco e quindi dei suoi frati: la totale fedeltà e obbedienza alla Chiesa». La liturgia, molto partecipata, è stata animata dal coro dei giovani legati alla spiritualità francescana.

Ascolta l'omelia del vescovo Dante

Photogallery della celebrazione

 


CENTRO DIOCESANO VOCAZIONI
Da settembre in Seminario
i percorsi di discernimento
Ideato un nuovo itinerario
per gli adolescenti

 
Riprendono con qualche novità le iniziative proposte dal Centro diocesano vocazioni, guidato da don Marco d’Agostino, per aiutare ragazzi e giovani a vivere un cammino di verifica e discernimento sulla propria vita. Accanto ai percorsi “Corri avanti” per i 18enni, “Chi cerca è trovato” per i giovani e “Svitati per Dio” per gli adolescenti, quest’anno vi sarà anche la possibilità di un ulteriore “Cammino vocazionale adolescenti”. Non manca poi la proposta mensile di adorazione a S. Girolamo.
 


PROVVEDIMENTI VESCOVILI
Don Claudio Rasoli nominato
parroco di Paderno Ponchielli
Don Attilio Cibolini guiderà
l'ufficio comunicazioni sociali

 
Nelle celebrazioni eucaristiche di domenica 5 ottobre è stata annunciata la nomina di don Claudio Rasoli, finora direttore dell'ufficio diocesano per le comunicazioni sociali e segretario di redazione del settimanale "La Vita Cattolica", a parroco di Paderno Ponchielli in sostituzione di don Antonio Loda Ghida, trasferito a Malagnino. Mons. Lafranconi ha altresì nominato don Attilio Cibolini, direttore di Radio Cittanova e di Teleradio Cremona Cittanova, nuovo direttore dell'ufficio per le comunicazioni sociali. Don Rasoli, giornalista pubblicista dal 2001, continuerà il suo impegno nel mondo della comunicazione ecclesiale: manterrà, infatti, la responsabilità del portale diocesano e del periodico del Seminario «Chiesa in Cammino».
 


20 SETTEMBRE - UNITALSI
Incontro dei volontari
dopo l'esperienza di Lourdes
Presto a tutti gli oratori
la proposta per i giovani

 
Buona parte dei trenta ragazzi cremonesi che dal 7 al 13 agosto hanno partecipato, come dame e barellieri, al pellegrinaggio regionale dell’Unitalsi a Lourdes, si sono ritrovati sabato 20 settembre, all’oratorio di Vicomoscano per un momento di fraternità e di preghiera. L’incontro guidato da don Claudio Rasoli – che ha portato il saluto dell’assistente don Maurizio Lucini – e dalla presidente Marinella Oneta ha permesso ai giovani di condividere le emozioni di questa intensa esperienza a contatto con gli ammalati e con la profonda spiritualità mariana di quei luoghi benedetti dall’Apparizione della Vergine a Bernadette.
 


19 SETTEMBRE
L'incontro del Vescovo Dante
con le aggregazioni ecclesiali
per un rinnovato impegno
nella pastorale ordinaria
e nella nuova evangelizzazione

 
Le aggregazioni ecclesiali operanti in diocesi - una trentina in tutto - per la prima volta si sono incontrante con il vescovo Lafranconi nella serata di venerdì 19 settembre, al Centro pastorale, per un serrato confronto sul prossimo anno pastorale e sul contributo che ciascuna associazioni o movimento potrà dare alla rivitalizzazione della pastorale ordinaria, alla nuova evangelizzazione e alla diffusione di una cultura cristianamente ispirata. Introdotto da don Irvano Maglia, delegato episcopale per la pastorale, il presule ha esordito nel suo intervento citando l'immagine tanto cara di Papa Francesco di una «Chiesa in uscita», cioè di una comunità di credenti capace di comunicare la bellezza della fede ai lontani e gli smarriti.
 

Photogallery

 


INIZIAZIONE CRISTIANA
Da settembre al via i corsi
per gli accompagnatori
con i moduli C e F, da gennaio
si prosegue con quelli E e D
Disponibili in Focr le nuove guide

 
Con il mese di settembre riprendono gli incontri formativi degli accompagnatori dei percorsi di Iniziazione cristiana: un progetto organico, quello elaborato a partire nel 2010, che si sviluppa su sei moduli  che presentano il progetto diocesano e i relativi “Quaderni attivi” e “Guide”. A settembre saranno proposti i moduli C e F, da gennaio 2015 i moduli E e D. Già disponibili presso la Federazione Oratori Cremonesi la terza edizione della guida per il primo tempo e la seconda di quella per il secondo tempo, con la revisione degli incontri dell’itinerario dei ragazzi e il rifacimento del percorso dei genitori.
 


IDENTITA' DI GENERE
Sul canale youtube di Trc
il primo incontro
del corso di formazione
per educatori di adolescenti

 
On line sul canale youtube di Teleradio Cremona il primo incontro del percorso di formazione per educatori di adolescenti promosso dall'ufficio catechistico, dalla F.O.Cr., dall'Azione Cattolica e dai Consultori di Cremona, Caravaggio e Viadana andato in onda in diretta streaming sul nostro portale lunedì 29 settembre. I partecipanti al corso hanno seguito l'incontro dal Centro Pastorale (zone cremonesi) e dall'oratorio di Mozzanica (zona milanese-bergamasca). È la prima volta che si propone questa modalità grazie alla sinergia tra Trc e ufficio diocesano per le comunicazioni sociali.
 


16 SETTEMBRE A CARAVAGGIO
L'incontro dei Vescovi lombardi
con i preti anziani e malati
Scola: «Siate testimoni
di una speranza affidabile»

 
L'Unitalsi lombarda ha di nuovo fatto centro: l'incontro dei vescovi lombardi con i sacerdoti ammalati e anziani, vissuto martedì 16 settembre, al santuario mariano di Caravaggio, è stato un vero successo. Circa 200 i presbiteri giunti poco prima delle 13 per consumare insieme il pasto nei locali del centro di spiritualità, assistere allo spettacolo «Tutto è grazia», tratto dal Diario di un curato di campagna di George Bernanos, con Antonio Zanoletti, Fabio Sarti e Gabriella Carrozza e, soprattutto, celebrare con i propri pastori la messa in basilica animata nel canto dalla corale di Osio Sopra, in provincia di Bergamo. Erano diciasette i presuli presenti (quelli di recente nomina si trovano a Roma per la Settimana dedicata ai nuovi vescovi) che fino alle 16 hanno partecipato alla sessione autunnale della Conferenza episcopale regionale e poi si sono dedicati ai loro preti. Particolarmente soddisfatto il presidente regionale dell'Unitalsi Vittore De Carli: «In poche settimane - ha commentato - grazie alla sinergia con gli uffici di pastorale della salute, abbiamo organizzato questo incontro primo in Italia coinvolgendo oltre 200 volontari che hanno preparato il pranzo, servito ai tavoli e assistito in tutto e per tutto i nostri preti, soprattutto quei quaranta che sono in sedia a rotelle». Da Cremona una decina i presbiteri presenti e altrettanti volontari coordinati da Marinella Oneta.
 
 


PASTORALE DELLA SALUTE
Da settembre due corsi
per operatori e volontari
alla casa di cura S. Camillo
e all'Ospedale di Cremona

 
Con l’inizio del nuovo anno pastorale si rinnovano le proposte dell’Ufficio diocesano per la pastorale della salute rivolte a quanti operano accanto agli infermi. In particolare a settembre presso la clinica S. Camillo prenderà avvio il secondo corso di formazione per volontari che stanno accanto ai malati al termine della vita. Da ottobre, invece, all’Ospedale Maggiore di Cremona sarà offerta un’opportunità per ricercare il senso nella sofferenza, in particolare attraverso la logoterapia e l’analisi esistenziale dello psichiatra Frankl.
 


CENTRO SPORTIVO ITALIANO
In diocesi oltre 8mila tesserati
Il bilancio del presidente Zanoni
all'assemblea del 13 settembre
Riflessione di don Arienti

 
Si è svolta sabato 13 settembre presso il Centro pastorale diocesano di Cremona l’Assemblea di inizio attività del Centro sportivo italiano di Cremona. Ad aprire i lavori il presidente Daniele Zanoni (in foto) che ha indicato alcune novità importanti (tra cui la nomina del nuovo coordinatore tecnico di attività, Giorgio Cabrini, della parrocchia cittadina di S. Ambrogio) e i numeri della scorsa annualità: 8.000 i tesserati cremonesi, che raggiungono i 14.000 se sommati al CSI cremasco, per un totale di circa un quarto dell’intero monte delle attività provinciale.
 


DAL 10 AL 16 AGOSTO A KINSHASA
Il beato Spinelli presto Santo?
In Congo istruito un processo
su un fatto miracoloso
attribuito al fondatore
delle Suore Adoratrici

 
Per le Suore Adoratrici di Rivolta d’Adda questo agosto è stato un mese particolarmente importante: si è svolto, infatti, in Congo il processo diocesano sulla guarigione straordinaria di un neonato, avvenuta nel 2007, e attribuita all’intercessione del fondatore dell’Istituto religioso, il beato don Francesco Spinelli. Nelle prossime settimane tutta la documentazione giungerà in Vaticano, dove sarà consegnata al card. Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi.

In foto la Commissione insieme a Francesco e i genitori

 


15 SETTEMBRE
Cerimonia di accoglienza
di mons. Alberto Franzini
nel capitolo della Cattedrale
Il 28 l'ingressso come parroco

 
Lunedì 15 settembre, nella memoria liturgica della Beata Vergine Addolorata, il Perinsigne Capitolo della Cattedrale di Cremona ha accolto, quale suo nuovo membro, mons. Alberto Franzini, che il prossimo 28 settembre, alle 9.30, farà il suo ingresso come parroco del massimo tempio cittadino. Il rito ha avuto inizio alle 8.30 nella sagrestia capitorale: il canonico cancelliere, mons. Marino Reduzzi, ha dato lettura del decreto di nomina del vescovo Lafranconi, quindi il presidente, mons. Giuseppe Perotti, ha consegnato a mons. Franzini la cotta e la mozzetta violacea, gli abiti propri da indossare durante le celebrazioni liturgiche. A seguire il novello canonico ha recitato la professione di fede e il giuramento, gesti compiuti tenendo la mano sul libro dei Sacri Vangeli. Padrini del novello canonico sono stati mons. Giuseppe Soldi e mons. Felice Bosio, quest'ultimo entrato nel più antico collegio della città proprio una settimana fa.
 
 


INTERVISTA
La forte testimonianza
del siriano Samaan Daoud
di fede greco-cattolica:
«L'Europa non ci dimentichi»

 
«Un vero cristiano deve pensare a suo fratello!». Un auspicio che suona come un vero e proprio grido d’aiuto, quello di Samaan Daoud, cristiano di Damasco di professione guida turistica. Negli anni ha accompagnato tanti pellegrini sulle orme di san Paolo e di Abramo. Dal settembre 2011, dopo l’evento della cosiddetta “primavera araba”, ha iniziato a osservare la situazione cristiana in Siria, studiando gli sviluppi della guerra nel Medio Oriente e concentrandosi in particolar modo sulla situazione dei discepoli di Cristo, che negli ultimi anni, nel suo Paese, sono passati dal 9 al 5% della popolazione.
 


DOMENICA 14 SETTEMBRE
Consacrata dal vescovo Dante
la nuova chiesa del Maristella:
«Appoggiatevi sempre
a Cristo che è la pietra viva»

 
Giornata storica per la comunità parrocchiale del Maristella, ma anche per l'intera città di Cremona, quella di domenica 14 settembre, festa dell'Esaltazione della Santa Croce. Il vescovo Lafranconi, attorniato da una trentina di sacerdoti, ha solennemente consacrato la nuova chiesa parrocchiale dedicata all'Immacolata Concenzione. L’aria di festa si è potuta respirare già dal primo pomeriggio, quando il gruppo dei campanari di S. Matteo della Decima, in provincia di Bologna, ha iniziato a fare risuonare alcuni possenti bronzi posizionati tra il centro parrocchiale e i nuovi campi in erba sintetica di calcio e pallavolo. Centinaia le persone presenti, molte le autorità: il vicesindaco Maura Ruggeri, il consigliere regionale Carlo Malvezzi, l'assessore comunale al Welfare Mauro Platè, il presidente della Fondazione Comunitaria Renzo Rebecchi e anche l'ex sindaco Oreste Perri. A fare gli onori di casa il parroco don Pierluigi Codazzi, visibilmente emozionato, insieme a don Giampaolo Maccagni e don Giuliano Vezzosi, rispettivamente parroci di San Francesco e San Bernardo, comunità legate da collaborazione pastorale col Maristella. Presente anche il vicario delle tre parrocchie don Matteo Alberti, l'ex parroco don Antonio Trabucchi, il delegato episcopale per la pastorale don Irvano Maglia, il cancelliere vescovile mons. Marino Reduzzi e l'economo mons. Carlo Abbiati. Giunti appositamente dalla Romania - dove opera don Pier insieme ai volontari della Drum Bun - due suore della cittadina di Campina e don Solomon già parroco di Ploiesti.

Ascolta l'omelia del vescovo Dante

Guarda la photogallery - 1

Guarda la photogallery - 2

Foto gentilmente concesse dallo studio fotografico Fabio Alessandro Ruggeri
Via Janello Torriani 18/b - Cremona (www.fabioalessandroruggeri.com)

 


NOTA DI DON ROBERTO ROTA
Forte appello a continuare
ad andare in Terra Santa
anche per sostenere i cristiani
A marzo col vescovo Dante
il pellegrinaggio diocesano

 
Pubblichiamo integralmente una nota di don Roberto Rota, responsabile del Segretariato diocesano pellegrinaggi, sull'importanza di continuare a partecipare a viaggi in Terra Santa. Oltre ad essere un importante aiuto spirituale e anche una imprescindibile forma di sussistenza per le popolazioni locali, soprattutto cristiane, che sempre più stanno diminuendo. Proprio dal 26 febbraio al 5 marzo 2015 la Chiesa cremonese, con il suo vescovo Dante, si farà pellegrina nei luoghi in cui il Figlio di Dio si è fatto uomo.

La situazione del Medio Oriente è da sempre precaria: i paesi che lo compongono sono a prevalenza arabi ma con sostanziali e profonde differenziazioni sia religiose sia politiche: alcuni schierati con l'Occidente (come l'Arabia Saudita e la Giordania), altri contrapposti a motivi di intricate vicende storiche, economiche e sociali, che spesso sfociano in guerre sanguinose, come quella che si sta combattendo in Siria e di cui nessuno oggi parla più.

 


MISSIONARI SAVERIANI
Padre Brioni dalla Sierra Leone:
«Tutto il paese è sotto la cappa
dell'immane tragedia di Ebola»
Oltrepassate le 500 vittime

 
In una accorata mail giunta domenica 14 settembre padre Luigi Brioni, missionario saveriano in Sierra Leone, racconta la tragica situazione dell'epidemia di Ebola: «Tutto il Paese - scrive il religioso di origini cremonesi - è ormai sotto la cappa di questo male e di questa tragedia che ormai ha oltrepassato le 500 vittime in poco più di tre mesi, mentre i casi positivi non danno segno di fermarsi e neppure di rallentare».
 
Nella foto padre Brioni a un posto di blocco della polizia


CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA
Atto di matrimonio
Tolta la distinzione
tra figli legittimi e naturali
On line il nuovo modulo

 
L’entrata in vigore della legge 10 dicembre 2012, n. 219 e del decreto legislativo 28 dicembre 2013, n. 154 ha eliminato dall’ordinamento civile le residue distinzioni tra figli legittimi e figli naturali, affermando il principio dell’unicità dello stato giuridico dei figli, a prescindere dal fatto di essere nati in costanza o meno di matrimonio. Nel recepimento dell’indicata novella, è stato aggiornato il Modulo XV «Atto di matrimonio» che sostituisce il corrispondente formulario inviato dal Segretario Generale ai membri della CEI con lettera del 30 novembre 2010, prot. n. 866/2010.
 
 


13 SETTEMBRE
Oltre 180 ministranti
al convegno in Seminario
presieduto dal Vescovo:
«Come il Signore Gesù
donate la vita per amore»

 
Oltre 180 ministranti di 24 parrocchie della diocesi hanno partecipato, sabato 13 settembre, in Seminario, al consueto convegno diocesano promosso da Federazione Oratori, Centro Diocesano Vocazioni e ufficio per il culto divino dal titolo «Buoni come il pane». Dopo l'accoglienza dei singoli gruppi nel grande cortile centrale, si è svolta la preghiera presieduta in chiesa dal vescovo Dante. La storia del pane con i suoi quattro elementi essenziali - frumento-farina, acqua, lievito e sale - ha caratterizzato la celebrazione curata da don Marco D'Agostino e animata nel canto da don Graziano Ghisolfi.
 

Photogallery:

 


MONS. LAFRANCONI
Messaggio del Vescovo
per i cristiani perseguitati:
«Settembre è tempo di feste
ma è anche il tempo dei martiri»

 
In un breve messaggio alla diocesi il vescovo Dante riflette sulle tante feste degli oratori e di insediamento dei nuovi parroci che costellano il mese di settembre. Eventi di gioia e di fede che striderebbero non poco se, al loro interno, non fosse contemplata una incessante preghiera per i cristiani perseguitati in molte parti del mondo - soprattutto in Iraq, Siria, Nigeria - oltre a una fattiva solidarietà che sgorga da un'austerità di vita che bandisce ogni spreco inutile. Di seguito pubblichiamo il messaggio integrale del presule.

 

Tempo di feste

Sono le feste degli Oratori che segnano il passaggio tra le iniziative estive (Grest e Campi-scuola) e la ripresa delle attività pastorali scandite da percorsi catechistici, formativi, associativi. La partecipazione, in genere, numerosa sta a dire che gli Oratori costituiscono un punto di riferimento per giovani e adulti, per i ragazzi e le loro famiglie. Occorre salvaguardarne insieme la preminente funzione educativa. Insieme vuol dire che genitori e catechisti, sacerdoti e suore, allenatori sportivi e animatori si propongano intenzionalmente di collaborare per accompagnare la crescita di quanti daranno fisionomia alla società di domani. E anche alla Chiesa, nella sua concreta configurazione di tante comunità che sul territorio testimoniano la vitalità del Vangelo e la continuità del compito missionario affidato da Gesù Cristo ai suoi discepoli.

 


17 SETTEMBRE
Aperto l'anno seminaristico:
Il Vescovo: «Serio discernimento,
ascolto umile del Signore
e schietta fraternità»

 
Ufficialmente le lezioni di teologia inizieranno lunedì 22 settembre, ma i seminaristi diocesani hanno dato avvio a un nuovo anno di formazione già una settimana prima. Un rientro anticipato per preparare gli ambienti chiusi per tutta l'estate, ricevere dal rettore gli incarichi comunitari e le parrocchie del servizio pastorale, programmare le attività, vivere il ritiro spirituale e, soprattutto, incontrare il vescovo Dante per accogliere alcune indicazioni importanti. Quest'anno, nella classe propedeutica, sono entratti in quattro: due giovani vengono dalla città, uno dal bergamasco e uno dal mantovano. In tutti i seminaristi cremonesi sono nove, compreso Alessandro Bertoni, di Regona di Pizzighettone, che il prossimo 27 settembre sarà ordinato diacono in Cattedrale. La comunità è arricchita anche da due giovani della diocesi di Fidenza e da due religiosi togolesi appartenenti alla comunità religiosa "Missionari di Gesù e Maria" fondata recentemente da don Emanuele Amouzou Daye nel paese africano.

Photogallery dell'incontro del vescovo con i seminaristi

 


11 SETTEMBRE
Assemblea degli oratori
Focus sul tema dell'anno,
sul fenomeno del sexting
e della sicurezza dei luoghi

 
Un buon numero di sacerdoti e di educatori hanno partecipato, giovedì 11 settembre, alla terza assemblea diocesana degli oratori promossa dalla F.O.Cr. in Seminario. Occasione propizia per conoscere i diversi sussidi e proposte che l'équipe guidata da don Paolo Arienti ha preparato per il nuovo anno intitolato «Buono come il pane» e per approfondire due temi tra loro lontani, ma molto attuali: il fenomeno del cyberbullismo e le problematiche relative alla sicurezza negli oratori.
 

Audio:

 
Notizie correlate:
 


ZONA TERZA
Nella chiesa di Casalmorano
celebrazione unitaria
per dare ufficialmente inizio
al nuovo anno pastorale

 
Celebrazione unitaria di inizio anno pastorale la sera di martedì 30 settembre nella chiesa parrocchiale di Casalmorano alla presenza del Consiglio pastorale della Zona pastorale terza, degli operatori pastorali e dei fedeli delle diverse comunità insieme ai propri sacerdoti. «Una modalità decisamente insolita – ha esordito il vicario zonale, don Antonio Bandirali – senza la presenza, a cui ci eravamo abituati, del nostro Vescovo che, in occasione del pellegrinaggio diocesano di domenica scorsa, ci ha tuttavia sollecitato a un anno di riflessione e di verifica dei percorsi pastorali». 

Photogallery

 


ADORATRICI DEL SS. SACRAMENTO
A Rivolta d'Adda la professione
di suor Mariagrazia Girola
Mons. Lafranconi: «Le vocazioni
tono delle nostre comunità»

 
Il calo delle vocazioni «segno evidente dell’abbassamento di tono della vita cristiana». Lo ha ripetuto con forza il vescovo Lafranconi, nel pomeriggio di sabato 20 settembre, nella chiesa della Casa Madre delle Suore Adoratrici del Santissimo Sacramento, a Rivolta d’Adda. L’occasione è stata la Messa per la professione perpetua di suor Mariagrazia Girola, 31enne originaria di Uggiate Trevano (CO), in servizio presso Casa Famiglia Spinelli, la struttura dalle Adoratrici che a Rivolta accoglie anziani e disabili. Proprio guardando alla giovane religiosa e alla sua storia vocazione, nata e cresciuta in parrocchia, mons. Lafranconi ha invitato a riscoprire la bellezza dell’essere discepoli di Cristo e di una speciale consacrazione che possa essere d’aiuto a tutti i cristiani a vivere con slancio la propria adesione di fede.

Omelia di mons. Lafranconi (mp3)

Photogallery:
     -
S. Messa (prima parte)
     - S. Messa  (seconda parte)
     - Festeggiamenti
     - Foto di gruppo

 


MEDIA E PASTORALE GIOVANILE
On line la terza puntata
della trasmissione Pixel
dedicata al «viaggio»

 
Dopo “le relazioni” e “il coraggio”, è “il viaggio” il tema al centro della terza puntata di “Pixel. Giovani ad alta definizione”, la trasmissione pensata per i 20-30enni on line sul canale otrinuovi di youtube. Ad affrontare la tematica sotto esame Ernesto Galli della Loggia e una giovane che quotidianamente si mette in viaggio per raggiungere l’università.

Guarda la terza puntata

Archivio:



SOSTEGNO ALLA CHIESA
Nella parrocchie volontari
che sensibilizzino sull'8xmille
Ecco le destinazioni
dei contributi del 2013

 
Tempo di crisi e di risorse che si assottigliano, eppure aumentano le offerte per il sostentamento dei sacerdoti: ben il 3,7%. Il dato è emerso in un recente convegno tenuto a Bari e durante il quale si è fatto il punto sulla generosità degli italiani verso la comunità ecclesiale. «Dopo un lungo periodo di diffidenza e di distacco - afferma don Massimo Calvi, responsabile del servizio diocesano per il sostegno economico alla Chiesa – i fedeli si stanno riavvicinando ai loro pastori e questo è certamente dovuto anche all’impegno di trasparenza e di essenzialità portato avanti da Papa Francesco». Ma sono ancora tante le cose che gli italiani non sanno (o non hanno capito) su questo argomento: da qui l’idea di individuare degli operatori volontari che nelle parrocchie possa aiutare a fare chiarezza. A cominciare dal fatto che porre la propria firma nella casella dell’8xmille non comporta alcun aumento delle imposte.

La ripartizione in diocesi dei contributi dell'8xmille per il 2013



ETICA E SOCIETA'
La lettera di un padre
allo scienziato Dawkins
che ha definito «immorale»
partorire un bimbo down:
«Sara? Un dono pazzesco»

 
Mettere al mondo un bambino con la sindrome di Down è "immorale" secondo lo scienziato Richard Dawkins, che lo ha twittato aggiungendo un consiglio shock a una madre: «Abortisci e prova di nuovo». La frase ha scatenato violente polemiche sul social network e Dawkins alla fine si è scusato dicendo: «Ho solo detto quello che farei io». A questo «luminare della scienza» risponde con una lettera il papà di Sara, bambina down di sei anni.
 
Carissimo dott. Dawkins,
                                        sono il papà di Sara, bimba con sindrome di Down che dopodomani compirà sei anni e le scrivo per invitarla alla sua festa di compleanno. Forse lei che ha dichiarato che è immorale non abortire un bimbo Down, resterà stupito e si chiederà cosa ci sarà mai da festeggiare, ma è proprio per questo che mi permetto di invitarla. Sbaglierò, ma ho la sensazione che lei abbia un estremo bisogno di sperimentare cosa è «festa» nella vita delle persone.
 


PELLEGRINAGGIO UNITALSI
La testimonianza dei giovani
volontari a Lourdes:
«Dopo questa esperienza
nulla sarà più come prima»

 
A Lourdes i miracoli accertati dal «Bureau Médical» sono attualmente 69. Un numero infinitamente minore rispetto a quei prodigi nascosti che pur non essendo straordinari agli occhi del mondo, sono invece opera di Dio. I più numerosi riguardano gli ammalati nel corpo e nello spirito;  a decine ripetono la stessa disarmante confessione: «Sono arrivato a Lourdes per invocare la guarigione, ma dinanzi alla grotta ho chiesto solo di accettare la volontà di Dio». Si può forse formulare una preghiera del genere senza una potente ispirazione divina? Ma c'è un secondo tipo di miracoli, quelli che riguardano i ragazzi. Le giovani generazioni, da qualche anno, hanno occupato massicciamente il santuario francese con il loro entusiasmo e la loro freschezza, con quel profondo desiderio di radicalità che si sente solo ad una certa età. Sono tantissimi, di ogni nazionalità. La mattina li trovi sull'Esplanade a spingere carrozzine e di notte inginocchiati dinanzi alle roccia di Massabielle a contemplare la statua di Maria recitando il Rosario. Un'esperienza simile l'hanno fatto anche una trentina di ragazzi di Cremona che dal 7 al 13 agosto hanno partecipato, come dame e barellieri, al pellegrinaggio regionale dell'Unitalsi. «È un'esperienza che ti cambia nell'intimo del cuore. A chi ce lo raccontava non volevamo credere, ma adesso che lo abbiamo vissuto vogliamo dirlo a tutti».
 
Nella foto i giovani volontari cremonesi a Lourdes
 
 


I DATI 2013/2014
Oltre l'84% degli studenti
segue l'ora di religione
Don Anselmi (ufficio scuola):
«Puntiamo a fare laboratori
di cultura e umanità»

 
Saranno 172 gli insegnanti di religione (di questi 45 sacerdoti) che il prossimo anno scolastico opereranno nelle scuole – statali e paritarie – presenti sul territorio diocesano. Un servizio culturale fondamentale anche a fronte del numero degli alunni che si avvalgono dell’ora di religione: 38.751 tra bambini e ragazzi. Minima la flessione registrata tra il 2013 e il 2014: il calo è stato dell’1%. E proprio in questi giorni l'ufficio diocesano di pastorale scolastica, diretto da don Claudio Anselmi, sta procedendo alle nomine dei docenti, anche attraverso degli incontri personali attraverso i quali ricordare gli aspetti fondamentali del proprio servizio alla scuola e alla comunità cristiana.
 


VITA CONSACRATA
Annuncio e contemplazione
La singolare esperienza
delle Piccole Suore di Gesù
dal 2011 a Longardore

 
Vestono un abito ruvido, che assomiglia ad un sacco, sotto uno scapolare che rivela la loro profonda devozione alla Madonna del Carmelo. Vivono di nulla, viaggiano in autostop, non accettano denaro, piuttosto preferiscono ricevere del cibo che se avanza è subito distribuito ai poveri. In tutto il mondo sono in 18: 12 donne e 6 uomini.  I «Piccoli Frati e le Piccole Suore di Gesù e Maria», «un associazione pubblica di fedeli in vista di diventare un istituto religioso di diritto diocesano» (così recita il decreto di approvazione di mons.  Staglianò, vescovo di Noto, città in cui si trova la Casa Madre) nata nel 1999 da un'intuizione di fra Volantino Verde, al secolo Corrado Giunta, è presente a Cremona, con un gruppo di suore nell'ex canonica di Longardore, dal 2011.
 


SABATO 14 GIUGNO - CATTEDRALE
Don Bottesini ordinato prete
Il vescovo Dante nell'omelia:
«Ministro di misericordia
e segno di comunione»

 
Ministro di misericordia e servo della comunione. Su questi due fulcri essenziali don Matteo Bottesini, giovane diacono di Fontanella, dovrà costruire la propria identità sacerdotale. L’invito è venuto dal vescovo Lafranconi durante la liturgia di ordinazione che si è svolta nel pomeriggio di ieri in una Cattedrale colma di fedeli, soprattutto giovani. Presenti una cinquantina di sacerdoti, tra di essi il vicario generale mons. Mario Marchesi, i superiori del Seminario (il rettore don Trevisi, il direttore spirituale don Margini e il vicerettore don D'Agostino) e il parroco della comunità di origine, don Libero Salini, visibilmente emozionato. I seminaristi diocesani, compagni di don Matteo per un tratto significativo di cammino, hanno assicurato il servizio liturgico sotto l'abile regia del cerimoniere vescovile don Flavio Meani. L'intero rito è stato tramesso in diretta su Cremona1 e sul nostro portale grazie alla sinergia tra Teleradio Cremona e l'ufficio diocesano per le comunicazioni sociali.
 

Photogellery:   parte1   parte2   parte3   parte4   parte5

LA PRIMA MESSA A FONTANELLA

 


IL PUNTO
Nuove forme religiose
presenti in diocesi

Con «nuove forme religiose» si definisce una serie di movimenti provenienti in parte dalle cosiddette «religioni storiche». L’espressione corregge la dicitura, purtroppo ancora usata, di «sette». Si può applicare il termine «setta», che ha una connotazione negativa, solo a quelle esperienze che vanno contro le norme e le leggi fondamentali dei diritti della persona e della società. In questo senso solo certi gruppi satanici possono essere denominati tali.

TURISMO
Nuove norme per gite
e pellegrinaggi

La legge italiana regola, in virtù del federalismo, attraverso le leggi regionali l'attività turistica, alla quale sono soggette le parrocchie, gli oratori e ogni associazione o gruppo riconducibile alla realtà ecclesiale quando organizzano pellegrinaggi, viaggi, escursioni e soggiorni. La distinzione è d’obbligo per le caratteristiche e le finalità delle differenti iniziative. La normativa a cui fare riferimento, per quanto riguarda l’aspetto turistico, è la legge regionale 15 del 16 luglio 2007.

SCUOLA
Paritarie: contributo
all'educazione

Nel biennio che la Chiesa cremonese dedica alla scuola, un capitolo importante riguarda gli istituti cattolici o di ispirazione cristiana. Una presenza importante che nel corso dei secoli è stata assicurata dagli istituti religiosi e che ora vede protagonisti molti altri enti, tra i quali anche la diocesi.

TRIBUNALE
L'intervista a
don Massimo Calvi

I vescovi lombardi, riuniti per la sessione invernale al santuario di Caravaggio, hanno esaminato l'attività del tribunale ecclesiastico regionale, il quale si occupa soprattutto di nullità matrimoniali. A don Massimo Calvi, vicario giudiziale della nostra diocesi, abbiamo posto alcune domande su questo tema.

PASTORALE GIOVANILE
SU WWW.OTRINUOVI.IT

«Stento a crederci»:
On-line tutte le trasmissioni

Con la puntata dal titolo “Ma tu preghi ancora?”, andata in onda il 10 novembre sul nostro portale, si è conclusa la proposta di “STento a crederci”, il ciclo di trasmissioni web mensili ideato per i giovani in occasione dell’Anno della Fede da Focr, Ucs e Trc.

LA RIFLESSIONE
DI DON FRANZINI

Perché la Chiesa deve interessarsi di "politica"
È un’obiezione, o una domanda, che ricorre spesso oggi nel pubblico dibattito, anche nel nostro territorio: perché mai la Chiesa si interessa di politica? E su quali basi può legittimare i suoi interventi in campo sociale e politico? Non è forse altro il suo compito?

 

laici dopo concilio
redazioneportale@diocesidicremona.it
Diocesi on air
PAPI
 


MailingList

feed rss

facebook

Liturgia


Media
 
 
 
La Vita Cattolica Avvenire
 
In Evidenza

ATTIVITA'
DEL VESCOVO
Dante Lafranconi
FORMAZIONE E CATECHESI
Corsi e sussidi
ANIMAZIONE LITURGICA
Corsi e sussidi
CLERO DIOCESANO
Nomine ed eventi
CORSO BIBLICO
DI DON CAVEDO
Dio o religione?
ESTATE 2014
Iniziative e proposte
durante le vacanze
LINEE PASTORALI
Speciale
biennio 2012/2014
CARITA' E VOLONTARIATO
Proposte ed eventi
CALENDARIO GIORNATE MONDIALI E NAZIONALI
Tutte le date e i messaggi
ARCHIVIO
Materiali, documenti e ricordi

 
Cattedrale di Cremona
Santuario di Caravaggio
TRC - Teleradio Cremona Cittanova
NEC - Nuova Editrice Cremonese
La Vita Cattolica
Caritas Cremonese
FOCr - Federazione Oratori Cremonesi
ISSR - Istituto Superiore Scienze Religiose
delle Diocesi di Crema, Cremona e Lodi
Scuola diocesana di musica sacra
Case vacanze
ACLI Cremona
UNITALSI Cremona