Category Archives: Home minisito (auto)

image_pdfimage_print

Un servizio diocesano per persone separate, divorziate e in nuova unione

Il vescovo Antonio presenta il percorso affidato alla pastorale familiare. Lunedì 25 febbraio il primo incontro di preghiera a Cremona e Caravaggio

È in fase di avviamento il nuovo servizio diocesano di ascolto e accompagnamento per persone separate, divorziate e in nuova unione. Nato dalla riflessione sull’esortazione apostolica Amoris Laetita di Papa Francesco, il servizio raccoglie le sollecitazioni della conferenza episcopale lombarda. E’ il vescovo Antonio Napolioni a spiegarne l’origine e a sottolinearne l’importanza pastorale.

«Sono passati più di due anni dalla pubblicazione dell’esortazione apostolica Amoris Laetitia, con cui il Papa ha raccolto quanto emerso nei due Sinodi sulla famiglia e nelle iniziative collegate, offrendo alla Chiesa solidi e aggiornati orientamenti per un rilancio dell’evangelizzazione del dono del matrimonio e della pastorale familiare.

La nostra diocesi da tempo mette al centro della sua attenzione la vita delle coppie e delle famiglie, in diversi modi e momenti: dall’accompagnamento di innamorati e fidanzati alla cura delle giovani coppie, dal ruolo dei genitori nell’iniziazione cristiana dei figli all’attenzione a chi ha vissuto la prova di una separazione o di un divorzio, ecc.

Dopo aver approfondito attentamente quanto indicato da Amoris Laetitia e riflettuto sulle situazioni emergenti nelle nostre comunità, in comunione con gli altri Vescovi lombardi, diamo vita ad un Servizio specificamente rivolto alle persone separate/divorziate e in nuova unione.

I sussidi che oggi presentiamo ne spiegano compiti e modalità, che sono state illustrate negli incontri zonali dei sacerdoti, e che potranno essere meglio illuminate anche in futuro. Mi auguro che la proposta venga accolta da tutti con fiducia, contribuendo alla crescita in unità della nostra esperienza di fede, in modo da diventare casa accogliente anche per chi facesse più difficoltà a credere e vivere il Vangelo.

Verità e carità saranno sempre i fari che rischiarano il cammino, anche quello più irto di sfide e difficoltà. Chiedo a tutti di accompagnare con la preghiera questi passi che ora compiamo».

Scarica la locandina

Scarica il pieghevole

 

In sintesi

  • Propone:
    • Percorsi di gruppo di riflessione e discernimento alla luce della Parola (vedi calendario)
    • Colloqui individuali e di coppia per un accompagnamento spirituale
    • Accompagnamento nel cammino personale di discernimento della propria situazione
  • Contatti:
    • Attraverso il proprio parroco o altro sacerdote.
    • Scrivendo direttamente all’indirizzo separatiedivorziati@diocesidicremona.it , chiedendo un incontro personale per una prima conoscenza della situazione
    • Tramite contatto telefonico 370 3677183

 

Gli incontri di preghiera e riflessione

Tutti gli incontri si terranno a Cremona presso il Centro Pastorale Diocesano e a Caravaggio presso il Centro di Spiritualità dalle ore 21 alle 22.30

  • 25 febbraio: “Dove sei?” (Gen 3, 1-15)
  • 18 marzo: “L’ozio di Davide e la bellezza di Betsabea” (1Sam 11, 1-15.26-27)
  • 8 aprile: “Beati! È ancora possibile oggi?” (Mt 5, 1-11)
  • 6 maggio: “L’amore estremo” (Mt 5, 43-48)
  • 10 giugno: “La preghiera dei figli” (Mt 6, 5-15)

La cura della coppia nello stile delle «parabole viventi»

I coniugi Oreglia hanno proposto una appassionata e coinvolgente riflessione nella giornata delle Famiglie, partendo dalla parabola del Buon Samaritano.

Dirsi un grazie, piccolo o grande, purché non abbia più di 24 ore. O qualcosa che io potrei regalare alla nostra coppia. O ancora una ferita che ultimamente ci siamo fasciati… Le coppie di coniugi in sala si avvicinano, le mogli sussurrano all’orecchio del marito che sorride, mariti che baciano la mano della moglie. I coniugi Oreglia, Davide e Nicoletta, vent’anni di matrimonio, cinque figli e due ore di viaggio – da Mondovì – per guidare la riflessione alla giornata diocesana delle famiglie che si è svolta domenica 24 febbraio in Seminario a Cremona, portano la parabola del buon samaritano nella vita reale delle coppie. Gli sposi ascoltano e si lasciano coinvolgere. In clima nella sala è insieme intimo e di condivisione.

Ascolta qui l’audio dell’intervento 

Dopo la preghiera iniziale, introdotta dai coniugi Dainesi, incaricati della pastorale familiare, e conclusa dalla benedizione del Vescovo Antonio, i tanti bimbi presenti all’incontro lasciano la sala, per partecipare allo spettacolo preparato per loro dalla Compagnia dei Piccoli (“Bandiera” una narrazione danzante ispirata al testo di Mario Lodi). Per mamme e papà, arrivati da tutta la diocesi, c’è il tempo prezioso da dedicare alla coppia.

Il tema della giornata per le famiglie riprende il titolo delle linee per l’anno pastorale: “Famiglie parabole viventi” e la riflessione proposta dai coniugi Oreglia parte proprio da una parabola, quella del buon samaritano, riportata nella vita delle famiglie attraverso un linguaggio vicino alla vita delle coppie ed un metodo coinvolgente, con l’utilizzo di canzoni e di piccoli “giochi” di coppia.

Al centro dell’intervento dei due coniugi piemontesi soprattutto la cura della “persona coniugale”, nella complessità e nella bellezza di una relazione “che è più della somma di due individui, ma è qualcosa che si costruisce insieme”. Un cammino che passa attraverso difficoltà, ferite, bisogni, sorprese e meraviglia. “Siamo come due persone schiena contro schiena – dice Nicoletta con un’immagine efficace – in una stanza. Per sapere com’è fatta tutta la stanza dobbiamo affidarci all’ascolto di chi è appoggiato alle nostre spalle”.

   

Dunque l’accento è posto sulla qualità del dialogo, sui gesti di tenerezza, sulla fedeltà, passando attraverso la quotidianità delle scelte: “Io voglio che lui/lei stia volentieri accanto a me, che torni da me facilmente”; oltre le ferite che dobbiamo fasciare, ricordando la preziosità della nostra coppia, la strada che abbiamo percorso e quanto di bello abbiamo costruito insieme”.

L’ultimo momento di condivisione è un abbraccio. Tutti in piedi, ogni coppia stretta in un abbraccio. Pochi minuti per ricordare che “il tempo non è illimitato, che la coppia ha bisogno che investiamo il nostro tempo nella sua cura”.

Un lungo applauso è il ringraziamento delle famiglie cremonesi che, dopo alcune altre riflessioni suscitate dalle domande inviate dai presenti durante la mattinata, si ritrovano nella chiesa del Seminario per la messa presieduta dal Vescovo Antonio che subito avverte: “Non è la Messa del Mulino Bianco, non siete qui perché siete le famiglie più belle della diocesi, ma perché il Signore vi ha portati qui”.

Ascolta qui l’audio dell’omelia 

Nella sua omelia monsignor Napolioni porta come esempio e come modello lo stile della famiglia per la costruzione “della Chiesa e di un mondo migliore”, grazie a quella “manutenzione quotidiana della relazione” e a quella autenticità che permette di ricominciare da “gesti di tenerezza, di misericordia, di ascolto” degli altri.

“Quello che accade oggi – conclude poi il vescovo prima della benedizione – non è un momento di passaggio ma è un programma di rinnovamento della Chiesa e della società»

  

Le offerte raccolte durante la Messa saranno destinate alle attività della casa famiglia Sant’Omobono di Cremona che accoglie mamme con bimbi e per la comunità di Marzalengo delle suore Adoratrici di Rivolta d’Adda che accoglie ragazze tossicodipendenti e spesso i loro bimbi.

Nel pomeriggio poi la conclusione della giornata con il pranzo insieme e i laboratori di coppia sulla Parola dedicati ad altre quattro parabole: “La perla preziosa”, “Il seminatore”, “Il banchetto di nozze” e “Vino. Nuovo in otri vecchi”, per continuare a prendersi cura della famiglia alla luce della Parola.

Il Vescovo ai fidanzati: siete l’immagine da prima pagina contro il pessimismo (AUDIO e FOTO)
Nel pomeriggio di domenica 17 marzo in Seminario l'incontro con le coppie che si sono preparate al matrimonio

Una «panorama di amore, che risponde al disegno di Dio creatore; un panorama di entusiasmo, di trepidazione, di giovinezza e di fecondità». È con queste parole che il vescovo Antonio Napolioni ha voluto fotografare il salone del Seminario, gremito delle coppie che stanno per convolare a nozze. Alcuni giovanissimi, altri meno giovani; in molti casi già conviventi, alcuni anche con figli. «Questa foto – ha detto – dovrebbe essere la prima pagina del giornale di domani, a pagina intera, a combattere tanto pessimismo». Continue reading »

Corsi prematrimoniali: i calendari dei corsi nelle 5 zone
Da Papa Francesco l'invito ad avere il coraggio di essere differenti e non lasciarsi divorare dalla società del consumo e dell'apparenza

Sono stati definiti i calendari dei percorsi di preparazione al matrimonio nelle cinque zone pastorali: un’occasione importante per le coppie per verificare il loro cammino, la scelta di sposarsi e per scoprire il valore e la bellezza del sacramento del matrimonio. Continue reading »

Orientamenti per gli itinerari in preparazione al matrimonio: on-line il documento
L’Ufficio diocesano di pastorale famigliare suggerisce criteri per curare qualità e modalità uniformi sul territorio, valorizzando le indicazioni del documento «Amoris laetitia»

«Solo un impegno accurato e creativo, condiviso con équipe di animatori entusiasti e fiduciosi, può sconfiggere il pessimismo che rischia di ammalare anche la pastorale, davanti alla complessità del presente». Così si esprime mons. Napolioni introducendo gli orientamenti sull’accompagnamento dei fidanzati alla celebrazione del matrimonio, predisposti dall’Ufficio diocesano per la Pastorale famigliare. Continue reading »

Per la prima volta una coppia alla guida dell’ufficio famiglia
Intervista a Roberto Dainesi e Maria Grazia Antonioli, appartenenti alla parrocchia cittadina di Cristo Re

Tra le principali novità del nuovo assetto della Curia voluto dal vescovo Napolioni spicca la scelta di affidare l’ufficio diocesano di pastorale familiare non a un sacerdote, ma a una coppia di sposi. Si tratta di Roberto Dainesi e Maria Grazia Antonioli, che opereranno in sinergia con don Enrico Trevisi, nominato responsabile del coordinamento del tavolo “Comunità educante, famiglia di famiglie”. Abbiamo incontrato i coniugi Dainesi per un’intervista. Continue reading »

Il 18 marzo il secondo momento di preghiera e riflessione per persone separate, divorziate ed in nuova unione
Doppia la location a Cremona e Caravaggio, con possibilità di partecipazione anche a chi non ha preso parte al precedente incontro

La sera di lunedì 18 marzo alle 21 si terrà il secondo momento di preghiera e riflessione sulla Parola di Dio per persone separate, divorziate ed in nuova unione. La proposta avverrà contemporaneamente in due sedi (inizio ore 21): a Cremona, presso il Centro pastorale diocesano, e a Caravaggio, presso il Centro di spiritualità del Santuario. Agli incontri può partecipare anche chi non ha preso parte al precedente appuntamento. Continue reading »