Veglia per la vita in zona 5: positività e impegno concreto per sorreggere le fragilità

Il tema della speranza e della gioia, col canto e la danza, per un dono, la vita, che diventa responsabilità verso il mondo
image_pdfimage_print

La Zona pastorale 5 si è data appuntamento sabato 3 febbraio presso la Chiesa di San Francesco a Casalmaggiore, per vivere la vigilia della 40^ Giornata per la vita dedicata al tema “Il Vangelo della vita, gioia per il mondo”. A presiedere la convocazione il Vicario Zonale don Davide Barili, coadiuvato dal parroco di S. Matteo delle Chiaviche, don Angelo Maffioletti.

Nel corso della veglia si sono avvicendati momenti di preghiera e gioiosi canti della corale “Joy Voices”, artisticamente interpretati dai passi di danza della dolcissima ballerina Stefania Fuss.

Molto commovente e intensa la testimonianza di Milena Fracassi, volontaria dello sportello e centro di ascolto del “Centro aiuto alla vita” di Cremona. Un’occasione di riflessione e di impegno in favore della vita umana, specialmente di quella nascente, a sostegno delle sue tante condizioni di fragilità.  La prospettiva della serata si è protesa ad una positiva speranza, necessariamente unita alla proposta di concreto impegno.

La “buona notizia” dell’amore di Dio, che dona la vita, deve suscitare serenità e gioia nel cuore di ognuno, pur non nascondendo le fatiche e le tristezze che l’esperienza quotidiana  fa incontrare. Ma è proprio della vita e della gioia che il mondo – ogni uomo e donna –  sentono il bisogno.

Dall’occasione di preghiera e riflessione i presenti sono stati invitati a diventare “volontari per la vita”, a diffonderne e testimoniarne la gioia mediante l’accoglienza, l’ascolto, l’azione e la preghiera. A diventare piccole luci per il mondo, vivendo “con cuore grato” alla scuola di del Vangelo.

Facebooktwittermail