Santa Sede: nessuno violi il segreto della Confessione

Nota della Penitenzieria apostolica sull’importanza del cosiddetto "Foro interno" - l'ambito strettamente riservato del rapporto con la coscienza dei fedeli - e l’inviolabilità del sigillo sacramentale
image_pdfimage_print

Dopo il Corso sul Foro interno, il trentesimo, svoltosi nel marzo scorso al Palazzo della Cancelleria a Roma, e l’udienza del Papa concessa al termine agli oltre 700 partecipanti, la Penitenzieria Apostolica pubblica una Nota sull’importanza del foro interno e l’inviolabilità del sigillo sacramentale, approvata da Francesco e firmata dal Penitenziere maggiore, il cardinale Mauro Piacenza, e dal reggente, mons. Krzysztof Nykiel.

Giada Aquilino

(Fonte: VaticanNews)

Facebooktwittermail