Nomine: don Martelli collaboratore parrocchiale in città, don Nava addetto in Cancelleria

Nelle celebrazioni di domenica 10 marzo, nelle parrocchie interessate, sono stati comunicati i nuovi incarichi che il vescovo Antonio Napolioni ha affidato a due preti diocesani. Don Fabrizio Martelli (in foto a sinistra) è stato nominato collaboratore parrocchiale della parrocchia di S. Antonio Maria Zaccaria in Cremona. Don Giovanni Nava, parroco di Acquanegra Cremonese, Fengo e Luignano, assume anche l’incarico di addetto dell’Ufficio Cancelleria della Curia.

Don Fabrizio Martelli, classe 1943, originario di Viadana, è stato ordinato sacerdote nel 1968. Ha iniziato il proprio ministero presbiterale come vicario a Rivolta d’Adda. Nel 1977 il trasferimento a Cavallara, dove è stato parroco per 10 anni. Nel 1987 si è trasferito in diocesi di Modena dove negli anni ha ricoperto il ruolo di parroco di Maserno, Iola, Castelluccio e Montespecchio (dal 1987 al 1997), di Palagano e Boccassuolo (dal 1997 al 2010), Brodano, Campiglio e Pratomaggiore, Formica e Garofalo (dal 2010 al 2013). Dal 2013 era parroco di Brodano. Rientrato in diocesi di Cremona ora presterà servizio presso la parrocchia di S. Antonio Maria Zaccaria, a Cremona, come collaboratore parrocchiale, affiancando il parroco don Stefanito Lazzari.

Don Giovanni Nava, classe 1963, è stato ordinato sacerdote nel 1987 mentre risiedeva nella parrocchia di Barbata. Dopo essere stato vicario a Casirate d’Adda (1987-1991), S. Sebastiano in Cremona (1991-1998) e Soresina (1998-2001), nel 2001 il vescovo Lafranconi l’ha nominato parroco di Ticengo. Nel 2006 il trasferimento, sempre come parroco, a Cavallara e Villastrada. Dal 2009 è parroco delle comunità di Acquanegra Cremonese e Fengo oltre che amministratore parrocchiale di Luignano. Incarichi che continuerà a mantenere aggiungendo però anche il servizio in Curia, presso la Cancelleria.