Movimento cristiano lavoratori, aperto il nuovo anno sociale

L'8 dicembre si aprirà la campagna adesioni con lo slogan “Costruttori di speranza in Italia e in Europa”
image_pdfimage_print

Si è svolta venerdì 23 novembre la serata di apertura dell’anno sociale 2018/2019 del Movimento cristiano lavoratori (MCL) del territorio, con la partecipazione di oltre un centinaio di dirigenti, soci e simpatizzanti del Movimento ad ogni livello di responsabilità. Come da tradizione la serata è iniziata con la Messa, presieduta dall’assistente ecclesiastico centrale don Angelo Frassi nella chiesa parrocchiale di Capergnanica e concelebrata dagli assistenti ecclesiastici dei circoli del territorio.

Molto incisive le parole di don Frassi, che ha chiesto a tutti i convenuti un nuovo e ancor più vigoroso slancio di presenza cristiana di MCL nel sociale a partire dalle tante comunità del territorio dove il Movimento è presente per formare sempre più le coscienze dal basso secondo gli insegnamenti del magistero sociale cristiano.

Al termine della celebrazione l’intervento di saluto del presidente territoriale Michele Fusari, appena riconfermato insieme a tutta la squadra del comitato esecutivo dirigenziale. Fusari ha ringraziato tutti i convenuti per il ruolo di servizio e responsabilità svolto nel Movimento e che ha permesso di continuare a implementare la crescita dell’associazione in reputazione, radicamento e visibilità in rapporto a tutti gli attori dei territori operativi di competenza (che coprono geograficamente le diocesi di Cremona, Crema e Lodi). Attori che guardano al MCL con sempre maggiore attenzione e voglia di creare sinergie e rapporti di collaborazione con il movimento.

Il presidente, elogiando il lavoro quotidiano dei collaboratori e del team di consulenti e professionisti che operano nelle strutture operative del “sistema servizi MCL alla persona” di Crema, Cremona, Lodi e Spino d’Adda, ha dapprima posto l’attenzione sui ragguardevoli traguardi raggiunti in questi mesi ricordando l’apertura in Cremona città dello scorso mese di marzo, che ha portato il movimento ad avere una struttura servizi in più rispetto al 2017, struttura dove poter operare incontrando la gente nei quotidiani e sempre più emergenti bisogni anche nel territorio cremonese. Fusari ha inoltre sottolineato la “non scontata” conferma del continuo trend di crescita dei servizi alla persona – quelli tradizionali e storici come il caf e il patronato ma anche tutta la gamma dei nuovi servizi introdotti per stare al passo con i tempi – e ha poi posto particolare attenzione sui numeri raggiunti con l’adesione associativa dell’anno 2018 con il MCL ha tesserato 8123 soci con un incremento rispetto all’anno 2017 di circa 2000 unità. U un vero e proprio record raggiunto con grande soddisfazione di tutta la rete , in primis dei dirigenti dei circoli delle comunità di riferimento.

Nella parte finale del suo intervento il presidente Fusari ha anche informato i presenti che l’8 dicembre, giorno dell’Immacolata concezione, si aprirà ufficialmente la campagna di adesione al MCL per l’anno 2019 con lo slogan “Costruttori di speranza in Italia e in Europa”.

A seguire la serata conviviale, durante la quale il segretario Maura Regazzetti ha presentato, insieme al presidente, il programma formativo dell’anno associativo, con le giornate di ritiro spirituale programmate, i pellegrinaggi e gli eventi calendarizzati, con un’attenzione particolare riservata ai momenti periodici di formazione tenuti dall’assistente direttamente nei vari circoli del territorio suddivisi per aree geografiche.

Facebooktwittermail