L’incontro del Vescovo con i dirigenti scolastici

Nella mattinata di venerdì 9 marzo presso il Centro pastorale diocesano di Cremona
image_pdfimage_print

Nella mattinata di venerdì 9 marzo, presso il Centro pastorale diocesano di Cremona, il vescovo Antonio Napolioni ha incontrato i dirigenti scolastici delle scuole statali e paritarie della diocesi. L’incontro è stato organizzato dall’Ufficio diocesano di Pastorale scolastica diretto da don Giovanni Tonani.

Si è parlato di “Intercultura, globalizzazione e dialogo: quale contributo dell’IRC”. Il tema è stato introdotto dal prof. Antonio Ariberti, insegnante di religione nelle scuole superiori. Ha presentato schemi di lezioni relative a pace, giustizia, emigrazione, accoglienza volti a  “costruire ponti, collegare, unire, per convivere nelle diversità”, dato che le lezioni di religione sono frequentate da giovani di fede e culture diverse. Il relatore ha ricordato che non si fa catechismo a scuola, bensì cultura cristiana, senza annacquare i contenuti evangelici.

Il vescovo Napolioni nel suo intervento ha sollecitato i presenti a riflettere sulle problematiche giovanili e ad ascoltare i giovani e i ragazzi, i loro bisogni, i problemi che li assillano, perché – ha continuato – durante gli incontri del  Sinodo dei giovani qualcuno di essi ha posto domande del tipo: “Voi adulti siete pronti a rispondere alle domande che noi facciamo?“.

Stimolati dal tema dell’incontro e dalle relazioni, i dirigenti scolastici sono intervenuti numerosi e, rifacendosi a esperienze professionali, hanno evidenziato la necessità di aiutare le nuove generazioni a scoprire il senso della vita, a trattare tematiche relative alla trascendenza, alla morte, al futuro, al lavoro, alla convivenza civile. Hanno sottolineato l’importanza del ruolo degli insegnanti di religione per un discorso formativo, compito che la scuola non può disattendere.

Facebooktwittermail