Il Perugino torna a Cremona dopo il successo a Bergamo

Dopo il prestito all'Accademia Carrara per la mostra "Raffaello e l'eco del mito" la pala del maestro umbro torna nella chiesa di Sant'Agostino
image_pdfimage_print

Dopo oltre tre mesi di prestito è tornata nella propria sede originale nella chiesa di Sant’Agostino la pala della “Madonna col Bambino in trono tra i santi Giovanni evangelista e Agostino”, capolavoro del Perugino, protagonista della mostra “Raffaello e l’eco del mito”, allestita dal 27 gennaio al 6 maggio presso il GAMeC di Bergamo.

Torna dunque in città una delle opere più importanti dell’intero patrimonio diocesano e cittadino, che per la prima volta aveva lasciato la sua sede per il prestito all’Accademia Carrara, organizzatrice dell’esposizione. La pala del maestro umbro, spesso poco valorizzata, torna in perfetta salute e – anzi – con un nuovo manto di popolarità. Nei mesi di allestimento, infatti, la mostra dedicata alle influenze e alle eredità dell’arte di Raffaello Sanzio, ha richiamato una grande quantità di appassionati da tutta Italia e non solo (abbondantemente superata la quota dei 50mila visitatori).

E il Perugino, con la sua “Madonna col bambino” cremonese, non è certo passato inosservato, suscitando ammirazione e curiosità, e regalando al patrimonio artistico cremonese una prestigiosa vetrina internazionale.

Facebooktwittermail