Giovani a Rivolta d’Adda da diverse diocesi per il “Se non così come?”

L'iniziativa delle Adoratrici è stata caratterizzata dall’ascolto del canto “Presenza”, che accompagnerà alla canonizzazione di padre Spinelli, e dal lancio del contest su Instagram
image_pdfimage_print

Un gruppo numeroso di giovani, provenienti da diverse parti della diocesi così come anche dalle zone limitrofe, sabato 10 febbraio ha preso parte a Rivolta d’Adda alla serata promossa per i giovani dalle Suore Adoratrici del SS. Sacramento attraverso l’iniziativa, ormai consolidata, del “Se non così come?”. Una edizione, quella di quest’anno, caratterizzata da uno speciale richiamo alla figura del fondatore, padre Francesco Spinelli, ormai prossimo alla canonizzazione. 

La sua “presenza” nel percorso iniziale allestito tra il chiostro di Casa madre ha dato così un gusto speciale al “Se non cosi come?” di quest’anno.

Dopo un primo momento di accoglienza, è stato dato spazio alla Parola di Dio, grazie all’aiuto del cappuccino fra Roberto Pasolini, docente di Sacra Scrittura e collaboratore di padre Marko Rupnik presso il Centro “Aletti” di Roma. Il religioso ha condotto al cuore della fede, sottolineando quanto sia importante la consapevolezza del dono che accomuna ogni cristiano: il Battesimo. Riconoscendosi figli, e quindi amati, la paura delle infermità diventa offerta, perché il Signore anche nel poco di ciascuno può scolpire (per richiamare il tema scelto per quest’anno dalla pastorale giovanile delle Adoratrici) un capolavoro di santità.

Dall’ascolto si è quindi passati al tempo dell’adorazione. Tempo di contemplazione e di dialogo con colui che si è fatto pane per nutrire la vita e chiede di fissare lo sguardo su di lui per poter gioire del valore della vita.

Durante la serata c’è stata la possibilità anche di ricevere il Sacramento della misericordia e gustare una tisana in fraternità.

A caratterizzare il “Se non così come?” 2018 l’ascolto del canto “Presenza”, scritto da suor Luisa Alborghetti, che accompagnerà alla canonizzazione di padre Spinelli, e il lancio del contest su Instagram.

 

Festa del beato Spinelli il 6 febbraio al Santuario di Caravaggio

 

Un questionario per i giovani

Nel desiderio che adolescenti e giovani possano avere la grazia di essere “toccati” dalla santità di padre Spinelli, le Suore Adoratrici propongono a tutti i giovani che hanno avuto modo di entrare in contatto con l’Istituto e il carisma del beato Spinelli, la compilazione di un questionario. L’esperienza dei giovani potrà aiutare le religiose a definire meglio le prossime tematiche da affrontare e anche gli argomenti di maggior interesse.

Indicazioni per la compilazione del questionario

Questionario on-line

Questionario cartaceo da stampare

 

Facebooktwittermail