Gemellaggio terremoto/16. Dalla scuola primaria di San Daniele Po il regalo di materiale scolastico

Il diario di Nicoletta D'Oria Colonna, di Caritas Cremonese, sui luoghi del sisma, dove i malanni di stagione stanno mettendo a dura prova
image_pdfimage_print

Pian di Pieca 20 dicembre 2016

Questa sera qui è triste. È triste perché in molti stanno male, malanni di stagione che non stanno risparmiando nessuno, compreso Mattia che ha la febbre alta. Sono malati anche gli ospiti: dopo la Messa ho letto le storie a Sofie intanto che, a letto, aspettava la mamma che era al lavoro. E poi lei e una delle signore hanno mangiato un pochino di minestra, sempre a letto. Anche un altro bimbo è influenzato e per lui è stato portato, in fondo al letto … in mezzo a trenta letti… un vecchio banchetto di scuola dell’oratorio, cosi ha mangiato lì. La sua mamma piange: con sacrificio ha comprato una casetta di legno e, per riscaldare ha una stufa a pallet, ma non ha ancora il tubo di scarico e a Natale non ci potrà andare. Basta poco a gettare nello sconforto le persone, specialmente adesso che si avvicina Natale. Ma qui sembra di vivere in un incubo. Fa commuovere anche me.

Ieri (lunedì 19 dicembre) sono stata invitata a raccontare del terremoto e, soprattutto dell’esperienza Caritas, ai bambini della scuola primaria di San Daniele Po (in foto), in provincia di Cremona. Con le insegnanti e le famiglie questi bambini hanno fatto una raccolta di materiale didattico che ritireremo giovedì in piazza sotto l’albero d Natale.

Sembra scontato per una mamma addobbare la casa per i propri bambini: qui non si può, bisogna accontentarsi di qualche statuina sotto un albero messo nei tendoni dove si consumano i pasti. Giustamente qualcuno mi ha chiesto come farà Babbo Natale, dove ci metterà i regali?

Mi vengono in mente gli “auguri scomodi” di don Tonino Bello: “Giuseppe, che nell’affronto di mille porte chiuse è il simbolo di tutte le delusioni paterne, disturbi le sbornie dei vostri cenoni, rimproveri i tepori delle vostre tombolate… fino a quando non vi lascerete mettere in crisi dalla sofferenza di tanti genitori che versano lacrime segrete …”.

Da segnalare anche, nella mattinata di domenica 18 dicembre, a Cremona, la nuotata in Po pro terremotati del “caimano” Maurizio Cozzoli.

Photogallery della nuotata pro terremotati

Nicoletta D’Oria Colonna
operatrice Caritas Cremonese

Speciale terremoto con il diario dei giorni precedenti

Volontari per il gemellaggio con Camerino: ecco come fare

Facebooktwittermail