Donata alla diocesi di Catanzaro una reliquia di S. Omobono

La consegna durante una solenne Eucaristia celebrata il 3 gennaio alla presenza degli arcivescovi Bertolone e Cantisani. Presenti don Piazzi e don Dalè in rappresentanza della Chiesa Cremonese
image_pdfimage_print

Nella mattinata di domenica 3 gennaio sono state consegnate alla città e alla diocesi di Catanzaro le reliquie di Sant’Omobono in occasione di una breve cerimonia nella chiesetta medievale in via De Grazia, la più antica del capoluogo calabrese, dedicata proprio al santo patrono di Cremona. A presiedere il significativo momento è stato l’arcivescovo di Catanzaro-Squillace, mons. Vincenzo Bertolone, affiancato dal presule emerito, mons. Cantisani, dal rettore della chiesa di S. Omobono don Salvatore Scalise. In rappresentanza della diocesi di Cremona erano presenti don Daniele Piazzi, responsabile dell’ufficio per il culto divino e don Marino Dalè, parroco di Gombito e San Latino.

Il legame tra Catanzaro e Sant’Omobono risale all’XI-XII secolo quando la chiesetta fu eretta sulle rovine di un antichissimo tempio del Sole divenendo sede per molto tempo della Congrega dei sarti. «E’ bello coltivare la devozione ai santi, ma ancor di più coltivare la nostra santità»: queste le parole che l’arcivescovo Bertolone ha pronunciato durante la Santa Messa che ha concluso la giornata dedicata a Sant’Omobono.

Al rito della consegna della reliquia – una vertebra dal primo laico non nobile elevato agli onori degli altari – erano presenti le massime autorità della città.

1453483_10206820087291982_350641255609246083_n

7509_10206820087531988_33208307313294309_n

12467987_10206823345133426_1898605205_n

12483629_10206823344133401_215541522_n

Clicca sulle immagini per ingrandirle

Facebooktwittermail