Category Archives: News

image_pdfimage_print

Irc/1, Messaggio della Presidenza della CEI in vista della scelta di avvalersi dell’insegnamento della religione cattolica
“La domanda religiosa è un’insopprimibile esigenza della persona umana e l’insegnamento della religione cattolica intende aiutare a riflettere nel modo migliore su tali questioni”

Tempo di iscrizioni al primo anno dei percorsi scolastici, dalla scuola dell’infanzia alla secondaria di secondo grado. In vista della scelta di avvalersi dell’Insegnamento della religione cattolica, alla quale saranno chiamati alunni e genitori, la Presidenza della CEI, come ogni anno, rivolge loro il proprio invito a scegliere l’ora di religione, “una disciplina che nel tempo si è confermata come una presenza significativa nella scuola, condivisa dalla stragrande maggioranza di famiglie e studenti”. Continue reading »

Facebooktwittermail

Irc/2, «Occasione di formazione umana completa»
Don Saottini: «È una proposta educativa di alto profilo come i valori a cui ci riferiamo»

«È un forte invito a genitori e studenti per una scelta consapevole e responsabile». Don Daniele Saottini, responsabile del Servizio nazionale CEI per l’insegnamento della religione cattolica (Irc), sintetizza così, in un’intervista a Enrico Lenzi su Avvenire dell’11 gennaio, il messaggio che ogni anno i vescovi italiani rivolgono alle famiglie impegnate nella iscrizione dei propri figli al prossimo anno scolastico. Continue reading »

Facebooktwittermail

In cammino verso la Pasqua con i sussidi FOCr
Già disponibili i libretti, come sempre differenziati per fasce d'età

Anche quest’anno la Federazione Oratori Cremonesi promuove un percorso comune per i tempi di Quaresima e di Pasqua per aiutare a camminare insieme alla Chiesa di Cremona. Tutte le proposte, differenziate per fasce d’età, hanno come filo conduttore l’ascolto della Parola, la meditazione e la preghiera. Continue reading »

Facebooktwittermail

Azione Cattolica, al via nelle Zone il percorso giovani
A Mozzanica, Cremona e Viadana tre proposte diversificate su come incarnare la Parola in alcuni ambiti di vita

Anche quest’anno l’Azione Cattolica cremonese propone un percorso per i giovani dai 19 ai 30 anni. Triplice l’offerta, organizzata a livello interzonale. In tutti i casi sono previsti tre incontri, spalmati da gennaio all’inizio di aprile. Le tematiche individuate hanno tenuto conto delle proposte avanzate dai giovani tramite un apposito questionario e della volontà di proseguire la riflessione sulla Parola avviata al campo giovani dello scorso ottobre. Continue reading »

Facebooktwittermail

#velodicoio: dalla CEI un portale verso il Sinodo
Un progetto del Servizio nazionale per la Pastorale giovanile della CEI per esplorare ambizioni, speranze e paure delle giovani generazioni

È online il portale www.velodicoio.it, un progetto messo a punto dal Servizio nazionale per la Pastorale giovanile della CEI per esplorare ambizioni, speranze e paure delle giovani generazioni e offrire loro una opportunità di espressione in vista della XV Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi, che si terrà dal 3 al 28 ottobre 2018 sul tema «I giovani, la fede e il discernimento vocazionale». Continue reading »

Facebooktwittermail

La Veglia ecumenica giovedì 18 apre la settimana di preghiera per l’unità dei cristiani
La parrocchiale di S. Ilario, a Cremona, ospiterà il Vescovo e i rappresentanti delle Chiese sorelle presenti sul territorio diocesano

“Potente è la tua mano, Signore”: questo è il tema scelto per l’appuntamento di preghiera che anche quest’anno viene proposto, dal 18 al 25 gennaio, alle comunità credenti in Cristo di ogni confessione e denominazione in tutto il mondo: la settimana per l’unità dei cristiani che ogni realtà parrocchiale è invitata a valorizzare con creatività.

Continue reading »

Facebooktwittermail

Sinodo, sabato sera veglia zonale a Vescovato
In preparazione alla prima assemblea, in programma nel pomeriggio di domenica a Sospiro

Nel pomeriggio di domenica 21 gennaio, all’oratorio di Sospiro, si terrà la prima delle cinque assemblee del Sinodo diocesano dei giovani. I 106 membri eletti, in gran parte giovani insieme anche ad alcuni sacerdoti e adulti in rappresentanza dalle cinque zone pastorali e delle realtà diocesane e associative, si confronteranno sul primo di cinque temi: la Chiesa. Continue reading »

Facebooktwittermail

Nella Biblioteca del Seminario la presentazione del restauro della “Natività” di Altobello Melone
L'opera del Museo Berenziano è stata recuperata in estate grazie al lavoro del laboratorio Manara-Perni

Mercoledì 17 gennaio, alle ore 17.30, presso la Biblioteca del Seminario Vescovile di Cremona (via Milano 5), si terrà la presentazione del restauro della Natività del Museo Berenziano, effettuato la scorsa estate dal laboratorio Manara-Perni. L’intervento è stato possibile grazie ai contributi dell’8 per mille della CEI, che hanno permesso anche il ripristino delle teche storiche del museo, fortemente degradate.

La piccola, preziosa tavola faceva parte della collezione originaria di mons. Angelo Berenzi, da lui donata al Seminario nel 1913 come tutte le opere e gli oggetti raccolti nel corso della sua vita. Inizialmente attribuito a Cima da Conegliano – così scrive lo stesso Berenzi nella sua Storia del Seminario Vescovile di Cremona – il quadro fu avvicinato nel 1955 ad Altobello Melone da Mina Gregori. Come tanti dipinti della raccolta, anche la Natività fu sottoposta a restauri attorno alla metà del secolo scorso; l’ossidazione della vernice, applicata in quell’occasione, ha reso difficile e a tratti fuorviante la lettura di questa e di moltissime opere della pinacoteca berenziana.

Protagonisti della chiacchierata di mercoledì pomeriggio, promossa dall’Associazione “Amici BiMu”, saranno la tavola della Natività, i restauratori che se ne sono presi cura, Luciana Manara ed Enrico Perni, il prof. Mario Marubbi, conservatore del Museo Civico di Cremona e docente di Storia dell’Arte Lombarda presso l’Università Cattolica di Brescia, e don Gianluca Gaiardi, direttore dell’Ufficio diocesano per i Beni culturali ecclesiastici.

Si tratta di un’iniziativa nuova per l’associazione “Amici BiMu”, frutto dell’entusiasmo, dell’impegno e delle competenze degli esperti coinvolti che, in un’ottica multidisciplinare, proporranno un’approfondita lettura del piccolo quadro.

Già Roberto Longhi, in una conferenza tenuta a Parigi nel 1956, aveva rivolto la sua attenzione sul rapporto tra stato di conservazione e corretta comprensione dell’opera. Paragonando il restauro e la pratica filologica mirava a concentrare l’attenzione sugli oggetti d’arte, sulle loro storie, sul loro adattamento, nel tempo, a funzioni e ruoli diversi; ribadiva l’inscindibilità delle conoscenze storico-artistiche, dovute al ruolo primario “dell’occhio del conoscitore”, dalla stratificata costituzione materiale delle opere, divenute così documenti.

Durante l’incontro di mercoledì pomeriggio, si parlerà dunque di restauro e indagini diagnostiche come preziose fonti d’informazione per il lavoro dello storico dell’arte.

La Natività del Museo Berenziano sarà progressivamente svelata, sarà possibile osservarla dal vivo e avvicinarla ulteriormente attraverso le macro fotografie; si assisterà al progressivo intervento di pulitura, entrando letteralmente nell’opera, oltre i primi strati pittorici; si viaggerà nel tempo per puntualizzare più correttamente il contesto esecutivo; sarà sottolineata l’importanza del patrimonio culturale ecclesiastico come testimonianza di storia e di fede, della sua conservazione che significa, come nel caso delle opere del Museo Berenziano, anche riscoperta, studio e valorizzazione.

Proprio in quest’ottica, l’esperienza sarà riproposta nei prossimi mesi presentando altri dipinti delle collezioni del Seminario, i cui interventi conservativi appaiono significativi ai fini di una loro più corretta lettura storico-artistica.

Brochure dell’evento

Facebooktwittermail

Il Sinodo dei Giovani entra tra le mura del carcere di Cremona
Il Vescovo Antonio ha iniziato il ciclo di quattro dialoghi coi i detenuti sui temi delle prossime assemblee sinodali

Un pomeriggio speciale, per uno speciale appuntamento inserito nel cammino che la Chiesa diocesana sta percorrendo in ascolto dei giovani: è il significato dell’incontro vissuto lunedì 15 gennaio nella Casa Circondariale di Cremona tra il vescovo Antonio e i detenuti.

Si è trattato del primo di quattro pomeriggi in cui affrontare, in uno spirito di accoglienza reciproca, la riflessione sulle grandi tematiche oggetto del confronto dei giovani nel corso delle assemblee sinodali mensilmente in calendario. L’iniziativa – fortemente sostenuta dalla Segreteria del Sinodo, dai Cappellani don Graziano Ghisolfi e don Roberto Musa, dal diacono Marco Ruggeri e dai volontari del carcere nonché dalla Direttrice dell’Istituto di pena Maria Gabriella Lusi – ha raccolto il plauso dei detenuti e ha riscosso un deciso apprezzamento.

Più di un’ora di confronto aperto, a tutto campo, sostenuto dalle riflessioni introduttive e dalle provocazioni di mons. Napolioni. Circa una sessantina i partecipanti, che hanno avuto anche un breve intermezzo di riflessione a piccoli gruppi prima della condivisione. A tema l’esperienza della Chiesa: tra attese e delusioni per le sue incoerenze e la fiducia espressa nella forza impressa al rinnovamento delle coscienze ed il coraggio nel praticare la misericordia.

Tra i detenuti presenti anche il giovane che parteciperà come membro effettivo, con un permesso speciale della Direzione del carcere, alle assemblee sinodali programmate in Diocesi. Un giovane latinoamericano che si è dichiarato onorato di partecipare all’evento ecclesiale, ricevendo non senza emozione la lettera ufficiale di convocazione da parte del Vescovo.

I prossimi appuntamenti in calendario precederanno le assemblee sinodali nei prossimi mesi.

 

 

 

 

Facebooktwittermail