Caravaggio, il 25 maggio concerto a S. Bernardino per la fine dei restauri dell’apparato pittorico

Alle 21 concerto del “Magnificat Choir & Consort” diretto da Massimo Grechi con un programma interamente dedicato a mottetti, salmi e antifone del periodo barocco italiano e tedesco
image_pdfimage_print

In occasione del completamento dei restauri dell’apparato pittorico e degli affreschi del ciclo della Passione di Fermo Stella, nella chiesa di S. Bernardino a Caravaggio, l’Amministrazione comunale in collaborazione con la Pro Loco e la Banca di credito cooperativo di Caravaggio, Adda e Cremasco organizza un concerto a ingresso libero per celebrare la chiusura dei lavori in concomitanza con i festeggiamenti per la ricorrenza dell’Apparizione di S. Maria del Fonte. Sarà il “Magnificat Choir & Consort” diretto da Massimo Grechi ad intrattenere il pubblico sabato 25 maggio, alle 21 nella chiesa di S. Bernardino, con un programma interamente dedicato a mottetti, salmi e antifone del periodo barocco italiano e tedesco.

La formazione, composta da musicisti professionisti provenienti da alcune tra le più affermate realtà musicali italiane dedite all’interpretazione della letteratura polifonico-strumentale dei sec. XVII e XVIII, ha scelto di cimentarsi nell’esecuzione di alcune pagine di polifonia sacra, note e meno conosciute, che coprono un ampio arco temporale: verranno eseguiti brani di Palestrina, De Victoria, Monteverdi e Grancini, sino a giungere ad alcune celebri pagine del barocco tedesco, rappresentate da autori quali Schein e Bach.

«Siamo veramente felici – afferma il direttore Grechi – di poterci esibire nella splendida cornice di S. Bernardino a completamento dei lavori che hanno interessato la navata e le cappelle laterali e che hanno riconsegnato alla città di Caravaggio un monumento d’incomparabile bellezza del nostro territorio. Senza considerare che proprio da questa chiesa è iniziata la mia personale ‘avventura musicale’, prima come organista e poi come direttore ormai più di 25 anni fa. Ritorno a dirigere una nuova formazione corale e strumentale in un luogo per molti versi a me caro, essendo io stesso caravaggino e avendo vissuto in questi anni in prima persona molte delle vicissitudini che questo edificio sacro ha dovuto affrontare per poter essere reso nuovamente fruibile dai cittadini e dai fedeli. Grazie agli impegni profusi dall’Amministrazione Comunale, dagli istituti di credito del territorio, dagli imprenditori locali e da tutte le associazioni coinvolte siamo oggi orgogliosi di poter proporre al pubblico questo concerto che, tra l’altro, vuole rendere omaggio al compositore caravaggino G. Giacomo Gastoldi proponendo 3 antifone mariane di raro ascolto, la cui trascrizione dalle fonti originali è stata curata da un altro caravaggino ‘doc’, Diego Fratelli, uno degli studiosi più importanti a livello internazionale nell’ambito della musica rinascimentale».

Locandina

(Fonte: TeleRadio Cremona Cittanova)

Facebooktwittermail