Grest: il 14 giugno al via le “Festa in piazza”, in attesa dell’incontro diocesano degli animatori e delle “Olimpiadi degli Oratori”

Novità di quest'anno la sfida sportiva tra oratori in programma venerdì 22 giugno presso la Pista di atletica del “Campo scuola” di Cremona
image_pdfimage_print

A condire la proposta del Grest 2018 tornano anche quest’anno i tradizionali appuntamenti con le “Feste in piazza”. Giochi e divertimento secondo uno schema ormai consolidato, ma che sarà arricchito anche da un intricato mistero che gli animatori saranno chiamati a risolvere. Ecco il calendario completo:

  • giovedì 14 giugno – Crotta d’Adda (ore 14)
  • venerdì 15 giugno – Castelverde (9.30)
  • martedì 19 giugno – Cremona, oratorio Beata Vergine (ore 9)
  • giovedì 21 giugno – Castelleone (ore 9)
  • martedì 26 giugno – S. Giovanni in Croce (ore 9)
  • mercoledì 27 giugno – Santuario di Caravaggio (ore 9.30)

 

Assoluta novità di quest’anno, invece, sono le “Olimpiadi degli Oratori“, in programma nel pomeriggio di venerdì 22 giugno (dalle 15 alle 21) quando si accenderà la fiamma olimpica presso la Pista di atletica del “Campo scuola” di Cremona. Le Olimpiadi degli Oratori, organizzate in collaborazione con CSI di Cremona, sono aperte ai ragazzi dai 9 ai 13 anni che potranno competere in varie discipline: corsa, staffetta, badminton, volley, ping pong, tiro alla fune e tanto altro… confrontandosi anche con gli stand sportivi delle associazione di promozione. Serata di premiazione con ospiti e tante sorprese. Gli oratori interessati devono inviare alla segreteria FOCr il modulo di preiscrizione (entro il 7 giugno) comunicando il numero partecipanti. Il dettaglio delle discipline che i ragazzi vorranno affrontare è da comunicare entro il 15 giugno.

 

Altro appuntamento da segnare in agenda è la “Festa degli animatori“: l’incontro diocesano – con musica, aperitivi, incontri, sorprese teatrali e tanta animazione – sarà la sera di mercoledì 20 giugno, dalle ore 20, in piazza Sant’Antonio Maria Zaccaria, a Cremona, alla presenza del vescovo Napolioni.

Facebooktwittermail