Banca Etica: eletto il nuovo Cda con presidenza affidata a Anna Fasano

L'Assemblea ha approvato il Bilancio 2018 che si è chiuso con un utile di 3.287.703 euro
image_pdfimage_print

Si è tenuta l’assemblea generale dei soci di Banca Etica. L’assemblea si è svolta in contemporanea a Bologna, a Bilbao ed è stata trasmessa anche in diretta streaming favorendo il voto e la partecipazione anche a distanza. Per la prima volta in vent’anni, il nuovo CdA ha eletto alla presidenza una donna: Anna Fasano, già vicepresidente nel consiglio precedente. All’assemblea hanno partecipato e votato in totale circa 5.300 soci, di cui circa 1.770 persone hanno scelto la modalità online.

Una mozione ha chiesto alla banca di continuare l’impegno al fianco delle organizzazioni che si occupano di salvataggio, tutela dei diritti e integrazione sociale e lavorativa dei migranti.

L’Assemblea ha approvato il Bilancio 2018 che si è chiuso con un utile di 3.287.703 euro. Gli impieghi lordi hanno toccato quota 931 milioni € (+10,7% sul 2017); la raccolta diretta ammonta a 1.549 milioni € (+12,9% rispetto al 2017); la raccolta indiretta è a quota 670 milioni (+5,2% sul 2017). In calo i crediti deteriorati (NPL), che passano dal 7% al 6% del totale impieghi, e le sofferenze nette, che scendono allo 0,81%; solida la patrimonializzazione con il Cet 1 al 12,24% (dal 12,15%).

Il Git provinciale ringrazia i soci che hanno condiviso il percorso organizzato a Cremona e a Crema per arrivare meglio informati al momento del voto.

Facebooktwittermail