A Tds parole e musica attraverso il Sud America

Ospite dell'incontro del 20 gennaio l’Associazione latinoamericana di Cremona con il coro Voz Latina
image_pdfimage_print

Domenica 20 gennaio, presso l’oratorio del Maristella, a Cremona, si è svolto il quarto incontro di Traiettorie di Sguardi, percorso per i giovani della Diocesi che quest’anno ha scelto come tema da seguire nei diversi incontri quello della narrazione. Ospite dell’ultimo incontro è stata l’Associazione latinoamericana di Cremona con il suo coro Voz Latina, esperienza nata qualche anno fa in città da un piccolo gruppo di musicisti argentini che si sono trasferiti in città per studiare musica antica e per riscoprire le loro radici italiane. 

Attraverso il canto la platea di giovani è stata accompagnata a scoprire la storia di un popolo che ha sempre espresso attraverso la musica la commistione e le influenze degli altri popoli che hanno conquistato, abitato e attraversato il Sud America, dal Messico fino alla Patagonia, lasciando un segno.

E così si scopre che nei loro canti tante sono le influenze della “musica nera” arrivata in America del Sud attraverso gli schiavi africani che venivano deportati per lavorare la terra.

Dopo la conquista degli spagnoli nascono canti e danze che tentano di tenere insieme l’identità del popolo indigeno e quella dei conquistatori arrivando anche a cercare somiglianze e punti di tangenza nel rito religioso. Tantissimi sono, infatti, i canti dedicati a Maria che però richiamano anche le caratteristiche dei canti dedicati a Madre Terra.

Nei loro canti numerosi sono i richiami al tema dell’esilio e della migrazione dal paese alla grande città, piuttosto che l’allontanamento dal proprio paese a causa della dittatura.

Altro tema ricorrente è quello dell’unità di un popolo che, nonostante le distanze geografiche, sente un forte senso di appartenenza a tradizioni comuni; e quello del lavoro: tanti, infatti, sono i canti dedicati ad alcune professioni molto umili, come quello della giardiniera.

Il filo narrativo ha tenuto la platea di giovani incantata di fronte a questo susseguirsi di note, parole e voci. Un’esperienza davvero suggestiva.

Scarica qui il programma di TDS 2018

 

 

 

Facebooktwittermail