A Soresina nasce la polisportiva oratorio Sirino “Carlo Acutis”

La nuova società dell'oratorio intitolata al giovane milanese come modello per un'esperienza di amicizia e rispetto dei valori sportivi
image_pdfimage_print

L’Oratorio Sirino di Soresina ha una nuova società sportiva: la Polisportiva Oratorio Sirino “Carlo Acutis”. Questo l’annuncio dato nella Domenica delle Palme, che, da diversi decenni, per iniziativa di papa Giovanni Paolo Il, è diventata la Giornata della Gioventù.

L’atto di fondazione, però, risale all’8 aprile 2019 ed è controfirmato dai sette “Soci fondatori”, mentre lo Statuto della polisportiva è stato valutato e condiviso, il 14 febbraio scorso, dal Consiglio Pastorale Parrocchiale. “Dopo un serio percorso di elaborazione, che ha compreso significativi confronti tra alcuni genitori e allenatori sportivi con i sacerdoti e i responsabili del CSI cremonese… alla fine, la “carta costituzionale” della nuova associazione si sviluppa in 33 articoli, preceduti da alcuni irrinunciabili “principi ispiratori”. La “custodia” e la vigilanza sui quali sono affidate al Consiglio Pastorale”. Così commenta i documenti fondanti la polisportiva il parroco don Angelo Piccinelli.

Durante la Messa delle 9.30 della Domenica delle Palme è anche stato mostrato lo stendardo della polisportiva dal quale si evince l’intitolazione della stessa al giovane milanese “Carlo Acutis”, genio informatico, carattere sportivo, cristiano convinto, apostolo dell’Eucarestia, deceduto nel 2006, a quindici anni, per una leucemia fulminante, per cui è già avviata la causa di beatificazione. La scelta dell’intitolazione a Carlo Acutis – ha spiegato il parroco don Piccinelli – è emblematica, perché ci si è ispirati a un “modello, un ragazzo moderno in gambissima, un amico da proporre alle nuove generazioni che si accosteranno all’esperienza dello sport in Oratorio”.

La missione della nuova polisportiva è (e sarà), essenzialmente, di aiutare i ragazzi ed adolescenti a non sentirsi “fotocopie” di nessuno (ricordando una famosa citazione di Carlo Acutis: “Tutti nascono originali, ma molti muoiono come fotocopie”, sottinteso allontanandosi dal progetto divino), ma a sprigionare passione, valori e bellezza da tutti i pori… anche attraverso il gioco e lo sport.

La fondazione della Polisportiva Oratorio Sirino “Carlo Acutis” prosegue in quel progetto di attenzione ai ragazzi e ai giovani da parte dell’Oratorio, ma ovviamente anche della Parrocchia e della comunità cristiana, iniziato con la creazione del “Cortile dei sogni”. Solo lo scorso settembre, infatti, veniva inaugurato il “Cortile dei sogni”, ovvero una struttura di impianti sportivi multifunzionali in sostituzione del vecchio campo da calcio (ormai in terra battuta) e cortile interno dell’Oratorio (adibito per lo più a campo da basket). La struttura, realizzata grazie ad un lascito testamentario, è stata inaugurata dal vescovo Antonio Napolioni lo scorso 8 settembre 2018 con una partita di calcetto, un’amichevole sacerdoti – laici, con calcio d’inizio affidato proprio al Vescovo.

 

CONSIGLIO DIRETTIVO

Il primo Consiglio Direttivo, in attesa delle prime elezioni democratiche, sarà costituito dai sette soci fondatori con le seguenti cariche:

  • Brignoli Lauretta (Presidente)
  • Gualtieri Gianspirito (Vicepresidente)
  • Fasoli Alberto (Vicepresidente)
  • Valiati Simone (Tesoriere)
  • Cogrossi Adalberto (Segretario)
  • Grassi Giorgio (Consigliere)
  • Dolfini Paolo (Consigliere)
  • don Andrea Piana (Consulente Ecclesiastico).

 

PRINCIPI ISPIRATORI DELLO STATUTO

L’Oratorio di Soresina, espressione privilegiata della volontà e della passione educativa della Parrocchia, intende offrire una proposta sportiva integrale a fanciulli, ragazzi, adolescenti, giovani e adulti.

Nel più ampio quadro progettuale dell’Oratorio si colloca l’attività di gioco e di sport che “non è mai il fine, ma sempre il mezzo, utile e prezioso, per raggiungere gli obiettivi educativi e formativi che la Comunità si prefigge.

Al fondo dell’impegno cristiano nello sport, andrà ricercata la promozione della persona, senza alcuna strumentalizzazione, con i suoi limiti e le sue potenzialità, con i suoi ritmi e le sue incertezze” (“Che cercate? Venite e vedrete” scheda 5).

La Polisportiva Oratorio Sirino:

  • accoglie il più ampio progetto educativo dell’Oratorio e porta il proprio contributo originale al fine di conseguire, insieme a tutti gli educatori dell’Oratorio impegnati a vario titolo nello stesso, la crescita integrale di fanciulli, ragazzi, adolescenti, giovani e adulti;
  • risponde, attraverso il proprio ruolo specifico, all’unica volontà di servire le persone nei loro diversi interessi;
  • realizza, nell’autonomia operativa, ma nella condivisione progettuale ed educativa, la volontà dell’Oratorio di offrire un’attività sportiva che risponda pienamente a criteri educativi.

Le scelte maggiormente significative e la programmazione della Società saranno oggetto di condivisione e verifica con il Consiglio dell’Oratorio, di cui fa parte di diritto il Presidente o un suo rappresentante, in assoluta sintonìa con gli orientamenti del Consiglio Pastorale Parrocchiale. La Polisportiva Oratorio Sirino si pone in continuità con l’ispirazione originaria che ha generato, all’interno del Sirino, la società “U.S. D. Gilbertina” (le cui origini risalgono al 1945, quando, in memoria del giovane vicario soresinese don Gilberto

Gobbi Frattini, colpito a morte sul campo di battaglia nel compimento del suo dovere di cappellano militare

il 17 luglio 1943, venne costituita una squadra di calcio per partecipare ad un campionato aspirantistico) e che, per molti decenni, ha rappresentato “lo sport in Oratorio, secondo lo spirito dell’Oratorio, per fare Oratorio”.

Una storia che il Sirino non solo non rinnega, ma di cui è assolutamente orgoglioso. La nuova Polisportiva, tuttavia, risponde all’esigenza di un profondo rinnovamento, nello stile, nelle intenzioni e nei metodi, che restituisca all’attività sportiva in Oratorio la sua autentica ed ineludibile finalità educativa.

L’associazione è intitolata al giovane milanese Carlo Acutis, cristiano entusiasta, apostolo dell’Eucarestia, genio dell’informatica e carattere sportivo, stroncato, nel 2006, all’età di 15 anni, da una forma di leucemia fulminante: per lui è in corso il processo di beatificazione. Questa premessa fa parte integrante dello Statuto della Polisportiva Oratorio Sirino.

Annalisa Tondini

(Fonte: TeleRadio Cremona Cittanova)

Facebooktwittermail