A Cremona serie di iniziative per il 128° anniversario della nascita di don Mazzolari

Venerdì 12 gennaio a SpazioComune il prof. Anselmo Palini interverrà su "Testimoni di pace nell'età delle dittature e dei totalitarismi". Sabato 13 visita alla cascina S. Colombano e presentazione del libro "Un’obbedienza in piedi”

In occasione del 128° anniversario della nascita del sacerdote cremonese di cui è in corso il processo di beatificazione, la sera di venerdì 12 gennaio, alle 21 presso la sala eventi di SpazioComune (piazza Stradivari 7) il prof. Anselmo Palini, interverrà sul tema “Testimoni di pace nell’età delle dittature e dei totalitarismi”. Questa iniziativa è promossa da “Forum delle idee” in collaborazione con la “Tavola della pace di Cremona” e il “Forum per la pace e il Diritto dei popoli Primo Mazzolari”.

Anselmo Palini è laureato nel 1979 in Pedagogia presso l’Università Cattolica, sede di Brescia, con una tesi in Storia del cristianesimo su “I primi cristiani, la guerra, il servizio militare”. Attualmente è docente di materie letterarie presso l’Istituto di Istruzione Superiore “Antonietti” di Iseo (BS).

Nei suoi studi Palini ha approfondito in particolare i temi della pace, dell’obiezione di coscienza e dei diritti umani; più recentemente ha affrontato le problematiche connesse con i totalitarismi nel XX secolo, ricercando in particolare le testimonianze di chi si è opposto a tali sistemi dittatoriali.

Nei suoi ultimi libri ha presentato questi testimoni di pace, di libertà e di nonviolenza: persone che nella notte dei totalitarismi e delle dittature hanno tenuto acceso una piccola luce e hanno dimostrato che nella storia l’ultima parola non spetta al male. Tra questi proprio don Primo Mazzolari, insieme a Franz Jägerstätter, Dietrich Bonhoeffer, Josef Mayr-Nusser, Etty Hillesum.

La filosofia che accompagna questi suoi studi è quella di “fare memoria del bene”, ossia far conoscere le vicende biografiche e il pensiero di quanti, nella storia, soprattutto quella del XX secolo, hanno scelto di opporsi alle guerre e alle ingiustizie con la forza della loro parola e della loro testimonianza, percorrendo le strade della nonviolenza.

Negli anni anche i libri pubblicati da Palini rispecchiano il suo interesse per i diritti, la coscienza e la memoria. Possiamo qui brevemente ricordare alcuni titoli: “Bambini e ragazzi nel mondo. I diritti affermati, i diritti negati” (2000), “Le carte dei diritti” (2003), “Testimoni della coscienza. Da Socrate ai nostri giorni” (2005), “Voci di pace e di libertà. Nel secolo delle guerre e dei genocidi” (2007), “Primo Mazzolari. Un uomo libero” (2009), “Sui sentieri della profezia. I rapporti fra Giovanni Battista Montini-Paolo VI e Primo Mazzolari” (2010), “Oscar Romero. “Ho udito il grido del mio popolo” (2010), “Primo Mazzolari. In cammino sulle strade degli uomini. Scritti e discorsi in terra bresciana” (2012), “Più forti delle armi. Dietrich Bonhoeffer, Edith Stein, Jerzy Popieluszko” (2016), “Una terra bagnata dal sangue – Oscar Romero e i martiri di El Salvador” (2017).

L’incontro è promosso dal “Forum delle idee” che, aderendo all’ASVIS (Allenza Italiana Sviluppo Sostenibile). si propone di promuove l’agenda ONU 2030, composta da 17 obiettivi di sviluppo sostenibile. Nello specifico il “Goal 16” si propone di promuovere società pacifiche e più inclusive per uno sviluppo sostenibile, offrire l’accesso alla giustizia per tutti e creare organismi efficaci, responsabili e inclusivi a tutti i livelli.

Locandina

 

Articoli correlati:

image_pdfimage_print
Facebooktwittermail